Di figli e altre bestie feroci

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Premessa: usando strumenti non divulgabili, in un momento di blocco creativo causato da periodo che più sfigato non si può (anzi si può, al peggio non c’è mai fine, ma no dai, basta così…), ho reclutato l’Uomo, affinchè supplisse alla mia momentanea assenza. Ecco cosa ha partorito (per restare in tema).
Morna

Sono molto preoccupato.
Aiutatemi a trovare nuovi mostri!
Non sto parlando dei miei figli, due bastano e avanzano. Sto parlando dei compagni immaginari di mio figlio più grande (che peraltro hanno molti aspetti in comune con lui).
Quando era un cherubino riccioluto di un anno e mezzo, amava il Panda.

Il suo amore per il Panda era così grande, che un panda di 30 cm gli stava stretto, ed è stato affiancato dal Grosso Panda, di 15 kg e 1.50 di altezza, praticamente un alter ego della mamma (non per il peso, ma per l’altezza).

Dopo pochi mesi, dotandosi di una tagliente dentatura, il gusto del sangue ha iniziato ad affiorare, e il Panda, troppo bianco e coccoloso, è stato sostituito dal Lupo.


Inizialmente un lupo qualsiasi bastava ad incutere un certo rispetto. L’evoluzione del lupo passò da un quasi cane a un divoratore di capretti (che due coglioni la storia dei sette capretti, l’avrò vista almeno 1000 volte), a un lupo mannaro assassino, serial killer di umani, grandi e piccoli. 
Nel frattempo la casa si riempiva di filmografia e narrativa lupesche, nonché varie ed eventuali, comprendenti pubblicazioni, gadget, copricapo
 

persino mutande con immagini a tema, una maschera da carnevale talmente terrificante e realistica da fargli rischiare più volte l’infarto (e non solo a lui).

Ah, bel periodo quello del lupo, ed è durato anche a lungo.
Ma poi a due anni e mezzo il lupo era diventato ormai troppo famigliare, anche per colpa delle innumerevoli visioni dei Tre porcellini, e il Ragazzo stesso si considerava un piccolo lupo, anche se a volte, e questa ambivalenza non l’ho mai capita, si immedesimava anche in uno dei Maiali, generalmente il più furbo, il costruttore di case in mattoni.
Comunque, alla  ricerca di emozioni animali sempre più forti, il Ragazzo approfondiva la conoscenza di Orso, Orso Polare, e Grizzly.
Ovviamente, pensando al futuro, e non intravedendo altri animali di maggior ferocia, ho voluto fare in modo che l’introduzione del plantigrado fosse graduale. Mi spiego. Proprio perché per me era l’atto finale dell’era dei mostri naturali, centellinavo la sua presenza, inizialmente sempre come compagnia del Lupo, e come presenza secondaria e solo dopo settimane come attore principale.

Ma ben presto dotato di fucile, l’ex amico del Panda non temeva neanche più il più feroce predatore dell’emisfero settentrionale (forse per una distanza ambientale, leoni e grandi felini non se li è mai cagati minimamente).
La natura, o meglio, quella contemporanea, non era più fonte di ispirazione per bestie più feroci e malevole.
Senza perdere ancora totalmente ogni appiglio con la realtà, l’intrepido si rivolgeva ad ere remote e nebulose. Il periodo dei Dinosauri.
Inizialmente dimensioni così considerevole, triple file di denti, aculei, uncini, erano un lusso esagerato rispetto al più modesto Grizzly. Ben presto però forse perché la loro malvagità era tropo istintiva, poco ragionata, forse anche per la mancanza di concorrenti altrettanto diabolici, è ricorso ai Draghi.

Prima Grisù  che in fondo era un buono, poi altri draghi piuttosto bonari, 

infine i più cattivi, quelli derivanti dalla mitologia germanica, e spacciati in edicola con costose uscite bisettimanali, comprendenti riproduzione plastica di drago, iconografia e mitologia dello stesso drago, carte gioco plastificate ed iridescenti ed altre amenerie acchiappallocchi.

Insomma una di quelle uscite tipo “orologi d’epoca” o “soldatini di latta” che non mi sarei mai costretto a rincorrere in edicola se non dopo l’abuso di sostanze piuttosto forti.
Ma per un figlio si fa questo ed altro.

Ma il vero problema viene ora: quando Ragazzo si stancherà anche dei Draghi, cosa dovremo inventarci?

Si ringrazia per eventuali idee circa mostri di nuova concezione.

Ps. Io a suo tempo avevo inventato l’AmmazzaAmmazza, ma di questo vi parlerò in una prossima puntata.

MornaMarito

photo by Morna

Tags from the story
, ,
Written By
More from Nome Del Padre

Sarò padre.

Share this... Quello del padre è un ruolo che non si improvvisa....
Read More

22 Comments

  • Coccodrilli? Serpenti tipo Boa costrinctor? Ormai saranno robetta per lui…bè possiamo solo sperare che dopo i draghi si stufi di ferocia!
    MornaMarito i miei complimenti,post scritto benissimo! (Però rimandaci presto tua moglie eh! :-))

  • non ho ben capito come è nata la necessità di mostri, ma avete tutta la mia comprensione!
    mio marito sta avviando il nano al mondo dei draghi e dei super-eroi (con annessi super cattivi), per avere qualcuno con cui condividere le sue passioni. spero che non sia necessaria l'escalarion, altrimenti mi vedo messa male!
    complimenti, "mornamarito", il posto è splendido!

  • Io mi vedo Morna che scrive e lui che detta… hihihi…

    Comunque. Il mostro numero Uno. Quello che non ha eguali.
    Che tormenta ogni genitore.
    Che spodesta a suon di spallate ogni altro tipo di gioco sugli scaffali.
    Che la mattina alle 5.30 tua figlia si alza urlando perché non lo trova più (e ne ha 10 nel letto).
    Quello che tu te lo ritrovi ovunque. Sulle lenzuola. Sui libri. Sui piatti. Sugli zaini. Sui profumi. Sui gelati.

    E' ovunque e fagocita tutto quello che prova a farsi spazio.

    HELLO KITTY.

    Riparliamone quando MornaMarito avrà la casa tappezzata dalla simpatica gattina e quando A. urlerà per la strada "KITTYYYYY" perché ha visto l'orecchino della dodicenne dall'altra parte del viale.

    Vado, devo preparare lo zaino della merenda per la P1. Di Kitty ovviamente.

    (per la merenda a forma di Kitty ci stiamo attrezzando).

  • Oddio hai ragione Anya! Io l'ho bandita da casa mia già' da tempo, ma lei rientra subdolamente e continuamente!
    MornaMarito e' un gran bel nick, dovrebbe esserne fiero! 🙂 e comunque negato per le tecnologie, ma portato per la scrittura!

  • a parte post scritto benissimo etc etc ma non mi dilungo sennò qualcuna (e non parlo di morna… una con nun nick potteriano…) potrebbe ingelosirsi… ma una cosa mi ha colpito.. le foto!!! con tutte le teste! morna, confessa, anche quelle sono opera tua, vero? 🙂 non ho altro da aggiungere, qui siamo ancora alla fase pupazzetti tenerini :)))

  • Bravissimo il Mornamarito!
    Mostri da suggerire?
    non saprei: Monk adora ancora Winnie, Ih-oh, un cagnolone tale Tito (come l'amico di Pimpa, of course…), ora è in amore col pupazzo di Ciuchino.
    Non è attratto dai mostri, sì qualche robot, qualche trasformer, Gormiti & co….l'amore vero è quello per macchinine, soprattutto camion dei pompieri e macchine della polizia.
    Ha altre passioni, insomma…

  • Chilli: ahahahahah, ora ero non posso più far leggere i commenti al mornamarito, altrimenti scopre di avere altre chance oltre a me!
    E grazie per aver notato le foto, mi ero anche firmata in basso!

  • Evviva il Mornamarito! Leggendo dell'accenno a questo fantomatico AmmazzaAmmazza non mi sorprendo che Ragazzo sia attirato dai mostri fin dalla tenera età :)Qui il piccolissimo manco se li caga….e il Piccolo (3 anni a Gennaio)è stato fissato (ma in modo totalmente opposto) con il leone (guardacaso stesso nome del fratellino…): roba che ho dovuto togliere poster e stickers dall'armadio che ritraevano il temuto animale. No no, niente da fare, qui ancora andiamo di Pimpa e Barbapapà. Al massimo il bruco Bibi in fondo al letto -.- Semmai come Klarissa, trattori, camion,ambulanze, macchinine e perfino il camion della monnezza 🙂

  • beh, hello kitty stufa, ma vi assicuro che anche Po (di Kung Fu Panda) viene a noi, soprattutto visto che in questo periodo è OVUNQUE, grazie ai cartelloni esselunga. io spero ardentemente che passi oltre in fretta! (ma visto papà rischiamo che manù continui ad apprezzare cartoni, mostri, super-eroi e affini ad oltranza)

  • prova a sviarlo dai mostri. noi stiamo recentemente collezionando file di jumbo, jet, atr, concorde, vario ed eventuali. il gioco è schiantarli per terra simulando disastri aerei. Sara

  • (pardon per la lettura in differita, c'era fuso, ci sono arrivata solo ora fin qui 😉 )
    Ecco da dove parte il fantomatico AmmazzaAmmazza!!!!
    Allora, propongo uno scambio, equo direi… io vi passo info (qualora siano ancora necessarie) sul locale RSS aka RastrelloSenzaSangue, chè bisogna giocare sull'immaginario lontano più possibile dalle immagini concrete, altrimenti l'effetto spauracchio fa cilecca. Dicevo, io vi passo le suddette info e voi mi passate l'AmmazzaAmmazza, che qua di lupi, orsi, tigri, dinosauri ecc non ce ne facciamo proprio nulla ahinoi!
    P.s.: io comunque ringrazio il Cielo, tutti i santi, gli dei e l'universo intero per avere 2 maschi solo per non ritrovarmi ad aver a che fare con cose orribili tipo Hello Kitty e il mondo glitter-rosa !!! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *