lunedì 25 febbraio 2013

Fenomenologia della mamma: la Mamma Tecnologica

Blackberry alla mano (fa più intellettuale), iPod, tablet, pc, con una mano spippola inviando mail e sms quasi contemporaneamente e con l'altra tiene la tetta mentre allatta il neonato. Di chi stiamo parlando? Ma della Mamma Tecnologica!
E' quella che ha fatto uno scatto ogni settimana col suo iPhone per pubblicarlo su Instagram e taggarlo con un milione e mezzo di parole, che poi vogliono dire tutte la stessa cosa: bambino.
E' quella che annuncia la gravidanza su Twitter, pubblica su FB le ecografie, apre un blog per raccontare passo passo la sua gestazione. 

Frequenta tutti i forum sulla maternità, diventando top sender in meno di un mese e scavalcando pure le admin che ci scrivono da cinque anni.
Tra una contrazione e l'altra, in sala parto, aggiorna con sms, tweet, stati, foto, video, tutorial su youtube su come si spinge e post strappalacrime su come la sua vita stia per cambiare.
Mentre allatta scorre i titoli dei giornali sull'iPad e chiede alle amiche del forum quale crema per il cambio sia meglio, e mentre digita “posizioni allattamento” su google si imbatte in inquietanti risultati che le fanno inviare un articolo incazzato a googletrends, scritto col Blackberry mentre cerca di far addormentare il nano nella fascia.
La Mamma Tecnologica non chiede consigli a mamme, nonne, amiche: lei cerca. Spulcia talmente bene i risultati che non si lascia intimorire quando il primo articolo di “puntini bianchi sulla lingua neonato” è “morte immediata”. Lei sa leggerli, i risultati.
Gestisce i ritmi del nano con iCloud, le sue agende sono sintonizzate su poppate, nanne e cambi, le feste della scuola hanno una suoneria di remind e sceglie cosa mettere ai figli con Polyvore.
Ha app di ogni tipo: giochi per ogni fascia d'età, cartoni divisi per genere, ne crea addirittura una studiando la notte, “cucina veloce per bambini”.
In pratica i figli della Mamma Tecnologica credono che il Blackberry (ma vanno bene anche iPhone, Samsung Galaxy e qualsiasi altro dispositivo collegato ad internet) sia un'estensione del braccio della mamma, amovibile solo in caso di bagnetto (si poggia sul lavandino). Per le restanti attività, estensionedelbraccio® non l'abbandonerà mai: con sé al gabinetto (giocare a Ruzzle aiuta, si sa), durante un bagno rilassante (cos'è successo agli Oscar?), mentre cucina (e come le legge le ricette?), alla lettura della favola serale (com'è che faceva Cappuccetto Rosso?!), in metro andando in ufficio...
Che questa sia la mamma del futuro? Di certo, se utilizzata con la testa, la tecnologia ci aiuta nel nostro ruolo di genitore, ma spesso mi interrogo su quanto smartphone & co. abbiano invaso la nostra vita e soprattutto quella dei nostri figli: mi ci metto io per prima. Sono grata alla tecnologia, ma siamo sicuri che le mie figlie lo saranno altrettanto, tra una decina d'anni, quando rileggeranno quello che ho scritto di loro e troveranno le loro foto? Meglio riflettere...

13 commenti:

  1. Anya durante il travaglio della P1 io ero con te in sala parto ;)

    RispondiElimina
  2. Ahia! mi sa che io faccio parte di questa categoria. Però ci penso due volte prima di pubblicare un post...mi chiedo sempre cosa potrebbero dire le mie figlie tra una decina di anni

    RispondiElimina
  3. Per una parte sicuramente mamma tecnologica, dall'altra quasi antidiluviana, che io sia mamma-schizzofrenica? ;D

    RispondiElimina
  4. Se non fossimo tecnologiche noi, non saremmo qui a raccontarcela!
    M.

    RispondiElimina
  5. Dopo quella della mamma ciofeca questa tipologia è quella che meglio mi corrisponde! Da Ruzzle alle ricette, passando per informazioni di ogni genere, davvero senza connessione sarei persa... Se i miei figli saranno contenti di quello che io scrivo oggi? E perchè non dovrebbero? C'è qualcosa che mi sfugge? Mi sembra che tutte noi scrivendo di problematiche varie, ansie, dubbi, cose buffe, risultati raggiunti ecc. non facciamo altro che amore per i nostri bambini

    RispondiElimina
  6. Presente! dagli sms in sala parto a cucina con telefono in mano....a volte capita che dimentichi il telefono sul divano per poter utilizzare entrambe le mani, e allora puntualmente mio figlio dice "mamma, pendi tuo effono!"... o_O

    RispondiElimina
  7. Mamma tecnologica, presente!Matilde ha quasi due anni e sono sicura che pensa che il mio Iphone sia l'estensionedelmiobraccio :-) Ma confesso, non ho mai giocato a Ruzzle!!

    RispondiElimina
  8. Io ce l'ho tutte!!!! Non so se ridere o piangere!!!!

    RispondiElimina
  9. Io pure...
    che si fa? disintossicazione?
    ma anche no...

    RispondiElimina
  10. idem, tecnoligica al massimo, controllo su google anche quanto vanno lessate le patate...

    RispondiElimina
  11. Beh no, non dobbiamo rinunciare alla tecnologia, informarsi, confrontarsi, anche informare è giustissimo e ci aiuta tantissimo. Quello che mi chiedo è: le mie figlie saranno contente di scoprire l'overdose di informazioni su di loro che circola per la rete? Foto, aneddoti, dettagli... Magari non gliene importerà nulla, però ogni tanto me lo chiedo comunque!

    RispondiElimina
  12. io non mi preoccupo tanto di quello quanto piuttosto di "quanto tempo tolgo a loro per stare su internet?".

    RispondiElimina
  13. Aiuto, questa sono io. Tantissimo. Mi mancano solo i video tutorial dalla sala parto :D

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...