lunedì 18 marzo 2013

Fenomenologia della mamma: Il Papà

Un po' ve lo avevo promesso, un po' domani è la festa del papà, quindi perché non parlarne proprio oggi, dedicandogli la fenomenologia?
Il papà è quell'essere che, quando vi fanno i complimenti perché siete in dolce attesa, esclama ridacchiando "eeeh, come se io non avessi fatto niente". Che figura di merda, tra l'altro, ogni volta.
Il papà è quello che se voi avete le nausee, lui ha mal di testa. Se voi state vomitando l'anima, lui si sente "come se avesse la febbre". Se siete bloccate dalla sciatica, lui poverino va a lavorare tutti i giorni col mal di schiena.

Il papà racconta orgoglioso del vostro parto. Se avete fatto 20 ore di travaglio, diventeranno 48. Se avete partorito in 3 ore, lo stavate sputando sul water (menomale vi ha portato lui in ospedale). Se avete detto una volta "ahi" avrete urlato per tutto il tempo (con aneddoti su infermiere che vi chiedevano di smetterla e altre partorienti che vi imprecavano contro), se siete state zitte "non avete sentito niente".
Il papà si addormenta in sala travaglio. Già già.
Il papà cambia un pannolino, e lo mette al contrario. Se chiedete al vostro compagno di vestire un bambino, e siete così sbadate da non preparare prima le cose, vi ritroverete vostra figlia con le calze rosa, il vestito rosso, gli short blu, le scarpe da ginnastica. Ovviamente a maniche corte. A dicembre.
Il papà impiega il doppio – anche di più, in genere – per fare una qualsiasi cosa che voi fate in un tempo relativamente breve: un bagnetto, un cambio del letto, una pappa.
Se vostro figlio la domenica deve mangiare l'uovo, lui si proporrà di cucinare. La bistecca.
Se vostro figlio ha fatto la pipì a letto ed è lui a svegliarlo, la sera troverete la chiazza gialla ancora lì.
Se la mattina è stato lui a preparare il biberon al pupo, andate a comprare il latte: ci sta che sia finito e nessuno ve l'abbia detto.
Il papà nel week end vuole cucinare: preparatevi a pranzare verso le 15.30.
Il papà torna la sera alle 20: voi avete fatto il bagno al bambino, tenuto le luci soffuse, spento la tv, siete pronte per la poppata pre-nanna e lui... lui lo prende e lo lancia in aria, gli fa il solletico, lo fa cadere dal letto e lo fa ballare al ritmo di Elio e le storie tese. Perché la terra dei cachi è la terra dei cachi.
Il papà in genere è particolarmente visionario: suo figlio sa suonare la chitarra a un anno e mezzo, cammina a sette mesi e scrive poesie a tre anni. Il papà si inventa molte cose.
Per quanto possa aiutare, non si sa perché il papà ha sempre bisogno della mamma. In genere pronuncia frasi del tipo "ma tu sei la mamma", "tu lo conosci meglio", "TU L'HAI PORTATO DENTRO DI TE", "è figlio tuo", "preferisce te". Di norma è anche quello che chiede "a chi vuoi più bene, al papà o alla mamma?".

Il papà, è quell'essere umano che ci ricorda ogni giorno quanto noi mamme siamo fenomenali. Ma è anche colui che ci ha permesso di creare i nostri capolavori quindi... auguri a tutti i papà !

E un augurio speciale a quei papà che hanno lasciato il loro lavoro troppo presto, ma che continuano ad insegnarci tanto...

PS To be continued...

17 commenti:

  1. ahahaha!
    anche se devo ammettere che a casa nostra i ruoli sono piuttosto invertiti...
    se sono a casa io il papà torna nel bordello più assoluto, piatti sporchi, disordine totale, cena ancora da pensare...
    se tardo io, torno con cena pronta, tutto lindo, nani già pronti per la nanna..

    RispondiElimina
  2. Bellissimo post. In tante cose rivedo mio marito e mi hai fatto sorridere perchè lo vedevo lì, mentre leggevo. Auguri ai papà

    RispondiElimina
  3. Morna, fossi in te non lo direi tanto in giro... O vuoi ritrovarti con un'orda di amanti con cui dividere cotanto ben di dio??? :P

    RispondiElimina
  4. Simpaticissima questa fenomenologia! Trovo qualche affinità!

    RispondiElimina
  5. Ce ne ho uno uguale uguale a casa!!!! :-)))))))))))

    RispondiElimina
  6. c'è pure una canzone che rispecchia questa fenomenologia che è "Bambinissimi papà" dello Zecchino d'Oro...
    Ho istruito il mio treenne per cantarla al papà stasera...
    Minia

    RispondiElimina
  7. tranne per il discorso cibo, perchè se vogliamo mangiare bene deve cucinare lui, avete descritto mio marito!!!
    e quelle rare volte che cambia lui M., è tutto un "dov'è questo, dov'è quello"... notare che i vestiti di mio figlio si trovano tutti in un mobile a 4 cassetti...

    Morna, beata te!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Sììì! Venivo giusto ad aggiungere la postilla "DOV'È? NON LO VEDO! TI ASSICURO CHE NON C'È!"... Mio marito ha scoperto ieri che abbiamo due scomparti per gli asciugamani...

    RispondiElimina
  9. Bellissimo post!!!
    Devo dire che mio marito rientra perfettamente nella categoria per quel che riguarda la vestizione della piccola... :-D devo preparare tutti gli indumenti e spesso mi chiede se deve farle indossare tutto!! Ah ah ah!!! Ma non mi posso certo lamentare perchè è un PAPA' meraviglioso e la mia bimba stravede per lui!!!

    Auguri a tutti i Papà, anche il mio che ora è uno splendido Nonno!!!

    RispondiElimina
  10. Il mio li accompagna a scuola oramai da due mesi..tutte le mattine e chiede loro ancora: di chi è il copricollo grigio e di chi quello rosso? Il grande A di anni 7 possessore di quello rosso mi ha chiesto perchè papà chieda ogni giorno la stessa "Ma non se lo ricorda?"...l'ho tranquillizzato confessandogli che è un uomo e no non se lo ricorderà mai!

    RispondiElimina
  11. Bello ma devopurtroppo ammettere che salvo x alcune cose, di essere io quella più somigliante alla tua descrizione...sigh!!!

    RispondiElimina
  12. Aggiungerei che come riescono a cadere dalle nuvole loro non ci riesce nessuno...

    dov'è la cremina per il cambio? da circa un anno al solito posto!

    com'è che si prepara la pappina? come l'hai preparata una settimana fa!

    ...
    quanta pazienza!!! :-)

    RispondiElimina
  13. anche io ho dedicato un post ai papà... un po' meno cattivo ;-)
    http://abbiamosemprealternative.wordpress.com/2013/03/20/dove-arrivano-i-papa/

    RispondiElimina
  14. Uhè, poi capitano anche quei papà che, trovandosi una compagna proprietaria/titolare/unica lavorante in un negozio di parrucchiera, mollano il proprio lavoro e diventano mammi 24/7: tre pasti cucinati al giorno (incluso quello da portare in negozio con la schiscetta perchè si fa orario continuato), aspirapolvere, panno in microfibra, lavatrice, rifai il letto, lava i piatti, mettici mezz'ora a cambiare il nano perchè intanto ci giochi e lo sfianchi di risate, raccogli i detriti del Tornado Nano che sposta regolarmente metri cubi di giocattoli da una stanza all'altra, nutri i gatti, pulisci la sabbia, butta la spazzatura, mentre il nano dorme al pomeriggio metti a posto bollette e balle varie assortite, raccogli le macerie dell'Uragano Mamma che arriva e lancia le scarpe e semina vestiti dovunque tranne che nel cesto della biancheria (ma adesso se non vanno li dentro gli passo attorno con l'aspirapolvere per due settimane, fino a quando non vengono raccolti!!!), ricambia Nano di corsa perchè il pane è giunto a lievitazione completa e poi si sgonfia se non lo inforni subito, vai in banca, vai in posta, vai a fare la spesa al mercato perchè costa meno, chiacchiera con un'amica mamma fresca fresca perchè è in crisi e viene a chiederti un suggerimento (!!!), metti Mamma e Nano a letto e poi alzati per fare, fino all'1:30/2 un po' di benemeriti ***** tuoi tipo leggerti un libro, rispondere alla posta, dare un occhio a FB o vederti una puntata o due di un serial che piace solo a te. E alle 7 si ricomincia...
    Quand'è il giorno dei Mammi???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow Lemmyfan!
      Potresti farti festeggiare 2 volte: festa del papà e festa della mamma ;)

      Elimina
  15. Sono piegata dalle risate!non ti parlo di mio marito perchè lo conosci già

    RispondiElimina
  16. Per fortuna il mio non è così!

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...