lunedì 1 aprile 2013

Fenomenologia della mamma: La Stanziale

La specie mammesca annovera un membro assai curioso:


la Stanziale.


Molte di noi sono pigre, ebbene sì, non siamo tutte iperattive!
Molte sono iperattive per necessità, nonostante la pigrizia; altre sono affette da una forma di pigrizia bizzarra, che forse poi nemmeno è configurabile come tale, forse è più un...un...

attaccamento morboso alle mura domestiche.

Le appartenenti ala specie non sono nate stanche, no, perché se c'è da fare, fanno, ma...

preferibilmente in casa.





Escono lo stretto necessario e, appena possono, vi fanno rientro.

Essendo io l'esatto opposto, mi riesce difficile capirle, soprattutto perché trovo molto difficile e, perché no, coraggioso, ma che dico coraggioso? eroico tenere i mostri in casa, mentre mi sembra molto più agevole portarli a pascolare all'aria aperta o, comunque, fuori casa.

Peraltro se si sta in casa non c'è pace:
c'è sempre un piatto da lavare, una lavatrice da far partire, qualcosa da spolverare, giocattoli da mettere in ordine, giocattoli da mettere in ordine, giiocattoli da mettere nuovamente in ordine, giocattoli da mettere ancora e ancora e ancora in ordine.

Dunque, fuori di qui, che è meglio!

Lei no.

Lei non esce di casa.

D'inverno?
Fa troppo freddo

D'estate?
Troppo caldo, meglio in casa col clima.

Le mezze stagioni? pioviggina, c'è vento, è il classico clima che me li fa ammalare, oggi è freddo, domani fa caldo...aaaah! meglio starsene nel tepore domestico.

Sì, fa niente se poi il figlio fa free climbing sulla libreria e sfodera poteri che ti trovi a controllare se sotto il body nasconde la tuta di Spiderman, perché come cavolo ha fatto ad arrampicarsi su quella mensola?

Non importa se tu ti fai una doccia e quando esci controlli che i figli ci siano e che siano vivi, perché quando i ladri sono passati di qui...c'era meno casino.

Fa niente se avevi in mente di far una pizza e, grazie alla collaborazione filiale, ti trovi invece al telefono ad ordinarla...

casa dolce casa

Andiamo al parco, venite?
Shhhhhhhht! 
Shhhhhhhht cosa?!
Amori miei, la mamma di L. non lo sapeva, diciamoglielo che i giardini sono chiusi anche oggi.
Ah...ehm...eh sì...che sbadata...andate pure a casa, i giardini sono chiusi (?!), noi faremo 2 passi e andremo anche noi a casa.

Ma ti prego!

Lei è quella che accetta con entusiasmo la pizza coi pargoli sabato sera, ma poi...
non ti spieghi come...

ogni volta si finisce a mangiarla a casa sua.

E' quella che suoni il suo citofono dicendo: "scendete?"
e ti risponde: "no, no, salite voi, che ci beviamo un caffè...poi usciamo"

Ma poi da casa sua esci dopo ore.
E da sola con tuo figlio.

E' quella che magari non lavora, ha un pochetto di tempo più di te, ma ti chiede se puoi prenderle il figlio all'asilo, già che passi a prendere il tuo.
E poi glielo porti.
Ovvio.
Non si sente di uscire.

E' quella che quando esce il massimo dello sforzo è una tuta, un mollettone che tiene i capelli che bramano un parrucchiere - magari alla Zohan - perchè tanto è una questione di 10 minuti e tornerà a casa.

E' quella che quando parte per le vacanze, punta verso una casa al mare o in montagna o in campagna o al lago o sulla Luna, purché sia una casa. Al limite accetta un bungalow, proprio se ha una botta di vita e sente il brivido dell'avventura e sì, vuole fare una pazzia.

Perché la vacanza è relax, impigrirsi, godersi la quiete e...

la casa!

Of course.

Ehi, tu...sì dico a te...
a te che ti ingegni in mille modi per fare fare ai tuoi bimbi un mucchio di bellissimi lavoretti...
a te che cerchi sempre mille nanoattività su Pinterest...




ESCI,

ti prego,

e portali fuori!

8 commenti:

  1. ah ah ah, mi ricorda qualcuno!
    In effetti ho molto della stanziale, amo stare in casa.
    Se c'è un freddo polare, perchè uscire? Se piove, perchè uscire?
    Devo dire poi che i miei mostri in casa sono molto più gestibili che fuori. Hanno i loro (ampi) spazi, i loro giochi, saltano, corrono, si divertono, senza danni e senza stress per la sottoscritta.
    Invece appena esce un raggio di sole, allora mi fiondo fuori, amo uscire con loro (e senz'altro non mi si troverà in tuta e mollettone ;-), ma solo in condizione meteo gradevoli, sennò che me lo fa fare?

    RispondiElimina
  2. Questa mamma mi fa un po' paura....sarà che vivrei sempre e solo fuori?!?!?!?!?

    RispondiElimina
  3. ahahah che risate. Io sono nata pigrissima!ma dopo 3giorni a casa devo uscire.

    RispondiElimina
  4. io sono un po' così, nel senso che piuttosto di andare a cena da amici preferisco fare a casa mia, ma è anche vero che abbiamo tutti amici senza figli e le loro case sono tutt'altro che a prova di nano...
    uscire mi piace ma anche lì valuto, perchè un quasi treenne casinista non lo vedo bene in un ristorante giapponese molto trendy...
    x il resto non vedo l'ora che arrivi la vera primavera x poter stare al parco e giocare all'aperto invece di esaurirci in casa!!!

    RispondiElimina
  5. Ma la mamma stanziale ha un'alleata...un'arma impropria che mette in uso tutto il giorno affinché i pupi non sfascino la casa. Sapete qual è? tata televisione!!
    Saluti da elenita

    RispondiElimina
  6. Questo inverno causa infortuni e malanni e tempo del piffero sono stata una mamma super stanziale, non vedo l'ora di goderci qualche bella giornata (o mattinata o serata almeno) all'aperto :)

    RispondiElimina
  7. Io esco pure con la pioggia a volte O_O e conosco una mamma stanzialissima, ma pure d'estate eh, e quando è il freddo, il vento, la pioggia, mi fa male chissà che, e basta!!

    RispondiElimina
  8. Io in casa col nano? Quasi impossibile! Io sono, un po' per scelta ed un po' mio malgrado, la mamma outdoor di un figlio plen air... Sempre al parco! Fortuna che abitiamo un un quartiere pieno di verde, se no tenere il nanetto sarebbe un guaio. Se poi piove, per lui è una festa: stivaletti, impermeabile ed ombrello, e via che si va. Vabbè, ce l'ho abituato io così fin dalla più tenera età, quando ad una settimana di vita, in piena estate, facevo i chilometri con la carrozzina perchè era il modo migliore per tenerlo buono. Ed anche a me è sempre piaciuto stare all'aria aperta. Ma adesso cominciamo ad esagerare. Da qualche tempo, quando ci sediamo a cena (ovviamente dopo aver passato tutto il pomeriggio in giro), mi guarda implorante e dice: "Mamma, facciamo la pappa in fretta e torniamo fuori!" Ah no caro mio, magari questo lo chiedi a tuo padre...

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...