Post della domenica: parole da non dimenticarsi

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
Dorothy Law Nolte

Vi ho già parlato dell’asilo pop, ricordate?

Prima di passare alle consuete sparate dei nostri e vostri bimbi, volevo condividere con voi il manifesto della sezione dell’asilo pop frequentata da L.

E’ lì, troneggia appeso in bell’evidenza all’entrata della Sezione.

E tutte le mattine, leggo queste semplici parole di Dorothy Law Nolte (scrittrice, insegnante, pedagogista dello scorso secolo, la vedete nella foto) col risultato, alternativamente:

a) di sentirmi una vera Mamma Ciofeca;
b) di sentirmi la reincarnazione della Montessori;
c) di avere un prezioso suggerimento utile se non alla risoluzione di un problema, almeno, a capire con che spirito affrontarlo.

La conoscerete in molti, sicuramente, ma…ecco, non fa mai male rinfrescarsi la memoria:

I bambini imparano quello che vivono

“Se i bambini vivono con le critiche,
imparano a condannare.
Se i bambini vivono con l’ostilità,
imparano a combattere.
Se i bambini vivono con la paura,
imparano ad essere apprensivii.
Se i bambini vivono con la pietà,
imparano a commiserarsi.
Se i bambini vivono con la gelosia,
imparano cosa sia l’invidia.
Se i bambini vivono con la vergogna,
imparano a sentirsi colpevoli.
 
Se i bambini vivono con la tolleranza,
imparano ad essere pazienti.
Se i bambini vivono con l’incoraggiamento,
imparano ad essere sicuri di se.
Se i bambini vivono con la lode,
imparano ad apprezzare.
Se i bambini vivono con l’approvazione,
imparano a piacersi.
Se i bambini vivono con l’accettazione,
imparano a trovare amore nel mondo.
Se i bambini vivono con il riconoscimento,
imparano ad avere un obiettivo.
Se i bambini vivono con la partecipazione,
imparano ad essere generosi.
Se i bambini vivono con l’onestà e la lealtà,
imparano cosa sia verità e giustizia.
Se i bambini vivono con la sicurezza,
imparano ad avere fede in se stessi ed in coloro che li circondano.
Se i bambini vivono con l’amichevolezza,
imparano che il mondo è un posto bello in cui vivere.
Se i bambini vivono con la serenità,
imparano ad avere tranquillità di spirito.”

Dorothy Law Nolte

“I bambini imparano quello che vivono” ha fatto il giro del mondo e ha una storia davvero curiosa, come peraltro la sua autrice. Dal 2005 è divenuta un manifesto dell’educazione giapponese.

Perchè? Perchè l’allora principe ereditario Naruhito dichiarò di usarla per educare la propria figlia, la Principessina Aiko.

Ed ora, ecco a voi le frasi dei vostri e nostri bimbi:

Crsitina 
“Stavo
dicendo a Giorgia che anch’io da piccola avevo paura come lei
dell’ascensore, allora Emanuele (2 anni e mezzo): ‘mamma anch’io da DA
PICCOLO avevo paura dell’ascensore!’

Benedetta
“Rimprovero Rebecca e le dico che non può fare qualcosa e lei in lacrime: “mamma, se dici così sei proprio scortese!”
” Rebecca: “mamma, portami ai giardini di via Banana!” (sono a via Panama..)”

Valeria:
“Massimo salta come un ossesso appena dopo cena… Poi si ferma con faccia disgustata e dice “mamma mi viene da gomitare”…”

L. il mio ormai 4enne  
Ieri sera si tocca il viso e sente un brufoletto o qualcosa del genere vicino all’orecchio.

Urlo disumano.
L.: Mammaaaaaaaaaaaaaaaaa! 
io: Che c’è amore?
L.: Ho una tetta sul viso!
 

Buona settimana a tutti!  

Tags from the story
,
Written By
More from Klarissa

Fenomenologia della mamma. La mamma perfetta

Share this... Atto secondo. La mamma perfetta Non potevamo che cominciare da Lei:...
Read More

6 Comments

  • E' una bellissima poesia, un ottimo consiglio da rileggere ogni tanto.
    Certo che i bimbi sono dei fenomeni!!! Gomito lo dice anchio il mio 5enne ahahahaha, ma quello della tetta è esilerante.

  • come te mi riempio d'orgoglio o mi sento uno schifo, a seconda delle voci e dei giorni..
    A Volte poi mi demoralizzo quando vedo che alcuni valori che cerco di insegnare a Rebecca le si ritorcono contro: quando aspetta il suo turno e viene superata con prepotenza, quando offre i suoi giochi e viene esclusa da quelli altrui, quando vorrebbe giocare insieme e le si oppone l'esclusività dell'amicizia ad un'altra bambina.. Mi chiedo se le faccio del bene, soprattutto quando mi guarda con aria interrogativa e dispiaciuta..

  • Approfitto per ripassarla e la appenderò anch'io al frigo! Sposadaprile anch'io mi sento avvilita come te quando vedo la mia bambina persa davanti a comportamenti prepotenti o discriminanti di altri bambini e, come te, a volte mi chiedo se quello che le insegno le servirà nella vita o le sarà d'ostacolo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *