AAA Cercasi donne con voglia di lavorare (nemmeno troppa, giusto un po’)

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
Lunedì Morna ha raccontato la
Mammainferie nella fenomenologia. C’è chi va al mare col marito che
aiuta, quelle che il marito lo vedono da lontano, sdraiato sotto un
pino mentre russa, quelle che ci vanno con la mamma che fa tutto o
con la suocera che rompe sempre. Ma c’è anche chi, come me,
abbandona i figli al loro destino. Per la cronaca, stamani qui
c’erano 9°. Simpatico, no? 
 

Le vedo correre qui, le due P
E vogliamo parlare di quando,
rarissimamente, ce ne sono più di 30? Vi assicuro che l’estate
a Parigi non è per niente facile, soprattutto se si è bambini.
Quindi per non obbligare le P a passare giornate chiuse in casa o
perché piove o perché fa troppo caldo, ecco che abbiamo convinto la
nonna (materna) a cuccarsele entrambe. In fondo abbiamo una casa al
mare, in un villaggio, perfetta per i bambini, in riva al mare…
Insomma, un vero paradiso per loro. Solo che la nonna, poretta, c’ha
66 anni, e una treenne più sorella neodeambulante impegnano. Non
solo per portarle sulla spiaggia in bici una davanti una didietro e
speriamo non si caschi sul ghiaino, ma anche per andare a fare la
spesa, andare in piscina, cucinare, pulire… 

Insomma, conosco mamme
trentenni che con due figli non escono nemmeno per comprare il pane e
non si fanno nemmeno una doccia, perché dovrei pretendere che mia
mamma vivesse 24h/24 per 5 giorni la settimana per tre settimane con
entrambe?

La soluzione? Trovare
un’aiutante. Dopo aver scartato varie ipotesi, ecco che arriva una
segnalazione dalla farmacista. Mia mamma la incontra: una
quarantenne separata, disoccupata e con figlia adolescente. Le
proponiamo di portarsi anche lei, è un coperto in più ma noi siamo
persone aperte. Pagata, più vitto e alloggio e ovviamente mare mare
mare. Il tutto solo per fare compagnia a mia mamma. La tipa, che
sinceramente non mi convince, ma in fondo io non l’ho vista, accetta.
La mattina dopo richiama: non se la sente. 
 

Non male da vedere tutti i giorni, no?

La nonna si decide a chiederlo ad una
russa che conosce da una vita, da vent’anni direi. La donna più noiosa
del mondo, che ogni volta mia mamma si addormenta. Però, meglio di
nulla. Poi insomma questa donna è sempre a lamentarsi che non ha
soldi, non può permettersi nulla, accetta qualsiasi tipo di riciclo,
a partire dai miei vestiti di anni fa (e vi assicuro che poi li
mette), il marito è in pensione e lei non trova un lavoro nemmeno
per sbaglio. Dai su, questa non può dire di no. Mi ricordo quando si
aggregava a scrocco alla comitiva del Progetto Chernobyl per andare
al mare un giorno.

«Sai, non me la sento di
lasciare mio marito solo» (sano). 

L’ultima arrivata è una ragazza rumena
di 26 anni, senza lavoro, tranne qualche ora di babysitting qua e là.
Ha chiesto più soldi.

Ora, io mi chiedo. Ma in Italia non c’è
questa tremenda crisi? Ma davvero andare al mare insieme ad una
nonna in formissima e due bambine brave e adorabili, servite e
riverite, nutrite e coccolate, e pure pagate, fa tanto cagare?
No perché io se potessi fare questo, invece di scrivere di Kim
Kardashian e Kate Middleton, starei meglio eh. Considerato che no
soldi no vacanza, e qui soldi e vacanza vanno di pari passo.

Posso dirlo? Ma andate a cagare, invece di lamentarvi!
Care mie, non sapete cosa vi perdete.
Tags from the story
, ,
Written By
More from Anya

Voglio essere una mamma meno rigida

Share this... Non toccare quella ringhiera sudiciaaaaaa Ne avevo parlato da qualche...
Read More

21 Comments

  • Ma dove è questo posto splendido?? Comunque il problema è che la maggior parte delle 20-25 enni di oggi fanno le difficili: devono studiare e godersi l'estate al mare con il loro boyfriend…
    Parlo per esperienza personale avendo due sorelle di 21 e 24 anni che quando si tratta di fare le zie al mio treenne e alla mia unenne… non sono mai disponibili!!!
    M.

  • Ma roba da matti!!!
    Ci andrei io con la mia Ila se potessi!!! 😉

    Non demordere Cara… magari qualche "brava ragazza" si trova…

    Un abbraccio

  • per solidarietà ti dico solo questo.
    la settimana scorsa quando sono arrivata a casa avevo un biglietto della mia signora delle pulizie ucraina che diceva che questa settimana non sarebbe venuta (lavora da me due giorni per un totale di 4 ore) perchè doveva prepararsi allapartenza per le ferie il giorno 29 giugno!!non ho parole, come se io la settimana prima delle mie ferie facessi una settimana di ferie per prepararmi!!durata della ferie dal 29 giugno al 29 luglio!! GRAZIE sigonra delle pulizie io invecevado in ferie dal 29 luglio..così mi lascia a piedi un mese interno!!!e poi non ha neppure chiesto se poteva o roba del genere!!No commenta again!

  • Ciao!
    è la prima volta che passo dal tuo blog, ho letto questo post è mi ha fatto molto ridere, e pensare…
    Ho deciso di seguire il tuo blog, mi sembra interessante, non sono ancora mamma, ma il mio fidanzato ha una bambina che quando è con lui vive con noi, quindi potranno tornarmi utili i tuoi consigli =)
    Nel frattempo, anche se non ci conosciamo ancora ti ho fatto una sorpresina, leggi il mio post di cui ti lascio il link, spero possa farti piacere!
    http://artbyalicemcm.blogspot.it/2013/06/nuovi-premi-per-il-blog.html

    A presto.
    Al

  • io a 24 anni l'ho fatto per due settimane e giuro su dio che non lo rifarei mai più, piuttosto vado a lavare i bagni!!! :-))) scherzi a parte, la proposta sembrava molto allettante, dovevo stare con una bimba di 7 anni che era per tutto il mese con la nonna al mare in quanto i genitori vivono a ginevra. Vitto, alloggio e paga di 300 euro al mese…bè, non avevo un minuto per me, la bimba pretendeva anche di dormire con me, e la nonna ovviamente non interveniva, dovevo letteralmente scortarla ovunque e oltre a lei si univano anche i suoi amichetti, quindi la sera ad esempio che dovevo portarla in salagiochiu ero con lei e altri tre bambini di sette anni da sola. Il problema più grande era la nonna, mi razionava il cibo al limite del comprensibile (come se le avessi fatto fuori il frigo) ed era di una simpatia così agghiacciante che quando mi è venuto il ciclo pretendeva che mi facessi lo stesso il bagno perché potevo mettere l'interno. Poi per carità, è soggettivo, dipende chi ti capita, ma sulla carta sono tutti perfetti, poi bisogna trovarsi e stare dietro a due bambine non è semplice. Io personalmente tornassi indietro MAI E MAI PIU
    ale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *