Fenomenologia della mamma: la mamma Pigra

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

La Mamma Pigra è quella mamma che sin dalla gravidanza si chiede se potrà continuare ad oziare con un neonato.

Ed è talmente pigra che, sì, può continuare a farlo. Credete ammè.

La Mamma Pigra trova sempre una scusa diversa e validissima per far alzare il marito nel cuore della notte se il pargolo frigna.
Eppure la Mamma furba Pigra la mattina starà a letto di più dicendo “stanotte l’ho fatta in bianco, mi sarò alzata 20 volte”…
tanto Lui sarà talmente stanco per i suoi risvegli che, vittima di amnesia da privazione di sonno, non potrà replicare nulla.


La Mamma Pigra non cambia i pannolini solo per la pipì, troppo sbattimento, deve esserci almeno qualcosa di davvero puzzolente dentro. E se i bebè sono stitici è un problema, si rischia che si accorga che è ora di cambiare il pannolino quando il pargolo, trattenuto a terra dalla forza di gravità, smette di camminare per saltellare sul (oltremodo morbido) sederone. O quando il panno esplode infradiciando lo sfortunato figlio.

La Mamma Pigra non si sente in colpa a leggere il giornale sul divano mentre il pargolo gioca da solo sotto la sdraietta: in fondo va incentivata l’autonomia no?
Lei ringrazia ogni giorno il Santo Nido, dove gli amati pargoli possono fare tutte le mille attività che per lei è troppo complicato e faticoso anche solo pensare.
Per le vacanze, sceglie mete vicine e rigorosamente in campeggio: così i figli possono giare per una settimana in costume da mattina a sera, neanche la fatica di vestirli. Per il mangiare, c’è sempre la rosticceria del camping!

Se il figlio lancia mezza pappa sotto il seggiolone non pulisce, tanto qualcuno ci penserà: che sia il cane, il gatto, o il figlio stesso, magari DOPO che son passati cane e gatto, poco importa, purchè non sia lei.
Che poi le cene sono un suo grande cruccio: “mamma, anche stasera sofficini e pomodori?” “ma no tesoro, ieri erano cetrioli e sofficini! e poi i sofficini erano al prosciutto!”

La Mamma Pigra non raccoglie i giochi sparsi per il soggiorno, li scavalca.
Non fa il bagnetto ai pargoli, li porta con sè nella doccia. Due (o tre o quattro..) piccioni con una fava.

Per la Mamma Pigra uno strano e prolungato silenzio dalla cameretta non è sintomo di guai in corso, no, è solo un’occasione da cogliere al volo.

Visto che la Pigra non è necessariamente Ciofèca, qualcosa di buono lo può pure avere. Di solito, ad esempio, legge molto ai suoi figli, visto che è una magnifica, sedentaria e poco stancante attività. Un altro suo tipico gioco è fingersi addormentata sul tappeto: non avete mai provato? Fatelo, i bimbi si divertono un sacco, e voi nel mentre poltrite. Il top, per una sfaticata. Oppure a nascondino: nascondetevi nel lettino, sotto le coperte, ci metteranno 5 minuti di fantastico riposo prima di trovarvi. Anche giocare alla malatina nel letto con loro che vi curano ha il suo perchè.  

Normalmente, per questioni di sopravvivenza, la mamma pigra si sceglie un marito pignolo, così, per la disperazione, fa lui quel che non fa lei.
Cioè, tutto.

Ok, lo ammetto, la Mamma Pigra un pochino mi somiglia.
Probabilmente sto esaurendo l’inventiva quindi mi tocca pescare dal conosciuto, no?

Tags from the story
Written By
More from Morna

Di sfighe, fortune e Pollyanna

Share this...Il primo giorno di scuola di mio figlio, ero più emozionata...
Read More

15 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *