Fenomenologia della mamma: la Mamma Rincoglionita

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
La mamma rincoglionita un po’ mi fa
pena. E’ quella che, quando la vedi qualche settimana dopo che ha
partorito, ci mette sempre cinque minuti prima di risponderti. E
spesso ti risponde altro. E spesso non ti risponde proprio. 
La mamma rincoglionita deve aver perso
qualche neurone durante la gravidanza, o il parto, o dopo. Non è
dato saperlo. La mia amica Bau dice che è colpa dell’epidurale, che
io e lei siamo un po’ rincoglionite perché ci hanno drogate troppo.
Ma non è possibile: per la P1 mi
hanno drogata VERAMENTE TANTO (e senza successo) e ora non potrei
star qui a scrivere questo post dopo aver scritto 11 articoli da
stamani. No dai. 
La mamma rincoglionita è quella che le
dai un appuntamento, non si presenta, tu la chiami sette volte e
niente, lei non ti risponde. Poi il giorno dopo ti richiama e ti
dice: ti sto aspettando in piazza del Comune. Solo che
l’appuntamento era pure in piazza del Duomo. 
E’ quella che non prende i mezzi
pubblici col neonato: lei non sa perché, ma sicuramente c’è
un motivo. Non le fa mangiare il pane fino ai 4 anni. Mistero.

Ha un’aria assente, sembra tirarsela ma
no, è solo rincoglionita, tranquille. Se la spaventate spuntando da
un pertugio e gridando «b » lei urla di paura dopo 45
secondi, come minimo.
Lei cambia il neonato e poi lo lascia
lì, dov’è. Vi guarda e dice : «ma cosa stavo
facendo?» e inclina la testa.
E’ quella che alle 15 guarda il neonato
e pensa: eppure devo fare qualcosa. Lui la guarda senza
speranza, perché i neonati delle mamme rincoglionite sono
rassegnati, lo sanno pure loro. Inutile dirle che non mangia dalle 7
di mattina. 
La mamma rincoglionita, che ve lo dico
a fare, si dimentica a casa qualsiasi cosa, dal biberon ai pannolini,
dal ciuccio alle chiavi, a volte pure il figliolo. E se glielo fai
notare, lei ti guarda, corruccia la fronte e dice, «ah, già, chissà dove ho la testa». Io avrei due o tre idee.
La rincoglionita non si rende
assolutamente conto della sua situazione, e vaga come a mezz’aria,
guardandosi intorno un po’ persa. Forse a causa degli ormoni, dato
che spesso la mamma rincoglionita rinsavisce. Quindi, poretta, cosa
possiamo farle?
E in fondo, forse un po’ tutte noi
siamo state mamme rincoglionite. Io, per dire, ho fuso dei biberon
mentre li sterilizzavo. E voi, non avete fatto niente niente niente?!
Tags from the story
Written By
More from Anya

Perché ho scelto l’autosvezzamento per le mie figlie

Share this... Spesso prendiamo in giro chi sceglie metodi “alternativi” per crescere...
Read More

13 Comments

  • Io ho iniziato subito da mamma rincoglionita. In braccio con la primogenita nata da circa tre ore…"Ma perche' piange cosi tanto?" E via a calmarla cantando, baciandola, cullandola….Pensare alla fame no?

  • Questa è proprio veritiera. E per la cronaca, con l'inizio dello svezzamento della seconda ho bruciato almeno quattro volte i pentoloni con il brodo di verdure, che voglio dire ce ne vuole…tutta colpa del piano di cottura elettrico comunque eheh!

  • Questa è proprio veritiera. E per la cronaca, con l'inizio dello svezzamento della seconda ho bruciato almeno quattro volte i pentoloni con il brodo di verdure, che voglio dire ce ne vuole…tutta colpa del piano di cottura elettrico comunque eheh!

  • Beh, io un po' rinco lo sono ancora! Mica per niente sono smemomamma!
    Il top, poco dopo il terzo parto: le due gnome grandi erano invitate al compleanno di un amichetto, ma io mi sono messa a stirare pensando "cosa mi sto dimenticando?"
    Avevo quella strana sensazione che ti assale quando lo sai che stai tralasciando qualcosa…
    Avevo anche dato i soldi per il regalo a un'altra mamma!!!

  • Oddio, io lo sono stata a lungo.
    O, comunque, mi ci sentivo.
    Non tanto la mancanza di sonno, di cui, grazie al cielo, non ho poi sofferto, ma attribuivo la colpa agli ormoni.
    Sbagliavo?
    Non so, ma dicevo sempre che con il test di gravidanza un pezzo di memoria e di cervelllo si era perso.
    E così è stato a lungo.

    Ora mi sento più o meno come prima…

    non fosse per il rincoglionimmnto senile…

  • Per fortuna qualcuno che scrive qualcosa di scientifico sulla perdita di neuroni post partum!!! ;D Ahimè, io ne soffro da un po' e la cosa mi porta a vari errori, quali infilare il portafoglio in frigorifero, dimenticare il compleanno di mia madre, cercare all'infinito cose che ho sotto gli occhi, andare a prendere qualcosa per poi non ricordare che cosa stavo facendo. Questo post mi piace proprio, non so perchè, ma lo trovo molto familiare Complimenti 😀

  • Dopo aver partorito la mia seconda figlia ne la portano dopo il bagnetto e stanno x lasciarci sole x la notte. Io guardo l'infermiera e le chiedo: " ma me la lasciate qui?! E io cosa me ne faccio?!" C'è da dire che era mezzanotte e avevo partorito da 3 ore… Comunque non mi sono demoralizzata e ho fatto anche la terza 😊

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *