Fenomenologia della mamma: la mamma esaurita

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
In fondo, in ognuna di
noi, c’è un po’ di mamma esaurita.
C’è quando, con un
neonato piccolo, bruciamo i biberon lasciati nell’acqua bollente a
sterilizzare (l’unica volta in cui ci ricordiamo di farlo).
C’è quando mettiamo la
supposta di Tachipirina 200 alla piccola di 8kg.
C’è quando lasciamo la
candeggina aperta e ritroviamo l’unenne che se la porta
pericolosamente alla bocca con quel sorrisino del tipo “guarda
mamma, ti faccio perdere cent’anni di vita!”.

C’è quando ci
dimentichiamo di mettere il pannolino alla duenne in fase di
spannolinamento e all’una di notte, quando siamo nel pieno del nostro
bel sonno, sentiamo “aaaaaaaaaaaaahhhhh” e sappiamo che dovremo
lavare tutto (ok, questo è più il papà, ma diciamolo per empatia).
C’è quando arriviamo a
scuola e, così, all’improvviso, vediamo il cartello “riunione dei
genitori”. Con la data di ieri.
C’è quando mentre ci
leggiamo Vogue, il sabato pomeriggio, ci viene un flash: cazzo
l’appuntamento dalla pediatra.
C’è quando mettiamo le
scarpe numero 22 alla treenne, poi a scuola la maestra ci consiglia
quella svendita della chiesa, “sa, vendono anche cose per bambini”.
C’è quando siamo tutte fiere perché ci siamo ricordate con solo due giorni di ritardo il trattamento anti-vermi. Per poi scoprire che sono due giorni di anticipo.
C’è quando non ci
ricordiamo più quando abbiamo avuto le ultime mestruazioni.
Oh cazzo.
C’è quando,
chiacchierando a cena con tuo marito, ti scappa un nome che non
dovrebbe scapparti.
Ri-oh cazzo.
C’è quando invii quella
mail spinta al tuo capo. Ma non era per lui, no.
Ri-ri-oh cazzo.
C’è quando tuo figlio nel
tema scrive: mia mamma piange molto.
C’è quando ci
dimentichiamo di andare a prendere i figli da qualche parte.
C’è quando ci
dimentichiamo di dove siano i nostri figli.
C’è quando usciamo di
casa in ciabatte. O con la corona di Barbie in testa. E ci arriviamo
in ufficio.
Siamo tante volte mamme
esaurite. Eppure i nostri figli ci amano: perché, diciamocela tutta,
esaurite siamo simpatiche!
No eh?!
Tags from the story
Written By
More from Anya

Fare la mamma in Francia

Share this... Ieri su Instagram parlavo della cultura Hygge e da lì...
Read More

24 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *