giovedì 24 ottobre 2013

La rappresentante di classe

(NDA: state già ridendo?
O non ridete perché lo siete, delinquenti?!)

Il primo incontro ravvicinato con il soggetto in questione avviene con quel cartello che d'un tratto compare i primi giorni d'asilo e convoca un'assemblea il cui ordine del giorno è più o meno questo:

- frizzi e lazzi
- lazzi e frizzi
- elezioni delle rapppresentanti di classe
- varie ed eventuali

Leggete "elezioni delle rappresentanti di classe" e vi vengono alla mente ricordi non troppo definiti di vostra madre che impreca contro le maledette elezioni cui tocca andare dopo una giornata di lavoro  o di quella volta che l'avevate accompagnata alla riunione e quasi in preda ad isteria diceva qualcosa del tipo:

"Ommmmioddddio! Lo sapevo che non dovevo venire! Ora siamo in 3, merda! E se non si candidano quelle 2 tizie...sono fottuta.".

E voi, anime candide, pensavate:

"e che sarà mai?! Che lagna 'sta madre!"

Bene.

Ora tocca a voi.

E non pensate più "e che sarà mai?!".
No.
Pensate una cosa tipo:

"ecco da chi ho preso la mia proverbiale raffinatezza espressiva!"

No, ops, questa è una riflessione acuta, ma non c'entra. Dicevo, pensate una cosa tipo:

"merda, se non si candidano quelle due sono fottuta".

Vi ricorda qualcuno?

Ai tempi in cui eravamo figli, forse, era più facile, o forse no.
In fondo, oggi, ci sembra che molte cose allora fossero più facili per le nostre mamme...ma, forse, in parte è che noi eravamo i figli...o forse no, perchè le richieste e le pretese non erano poi molte, i mezzi per contattarsi pochi, insomma esisteva più possibilità di fingere di non sapere qualcosa o di non avere ricevuto un avviso.

La fuga era più facile.

Oggi, care mie, siamo fottute.

Non so come funzioni da voi, ma all'asilo pop, siamo circondate.

Le candidate rappresentanti alle elezioni sembravano esseri mansueti, un po' ciondolanti per la timidezza, un po' sprovvedute, sembravano candidarsi per fare un favore, per solidarietà.

Falso.
Mentivano.
Volevano disperatamente diventare rappresentanti.
E ci hanno fregate.

Hanno una lista contatti che manco il KGB ai tempi d'oro di Madre Russia.
Siamo tutte in lista. Tutte, eh! Schedate che nemmeno quando a farlo erano i carabinieri e avevamo 16 anni e okkupavamo-skuola.

La lista comprende nome cognome indirizzo telefono di casa cellulare telefono di lavoro e, soprattutto, la mail.
La mail.
Mai usata tanto la mail personale.

"le maestre chiedono carta, grazie a chi potrà provvedere" inviato da Iphone ore 8.20
"le maestre chiedono bicchieri, grazie a chi potrà provvedere" inviato da Ipad ore 15.50
" le maestre chiedono salviette, grazie a chi potrà provvedere" ore 17.50
"si avvisa che a breve ci sarà una riunione per presentare la nuova insegnante" ore 23.35

E noi  mamme eseguiamo.
Funziona tutto perfettamente.

L'indomani tutti carichi di salviette che potrebbero pulire 8000 culi, bicchieri che nemmeno alla sagra del vin brulè, tanta carta che una fetta d'Amazzonia non c'è più e stamane c'è già un mezzo grado in più: aumentato il CO2.

Fantastico.

Da voi è così?

Sono assatanate.
Nulla le ferma.

Un venerdì notte mi è arrivata una mail.
Ore 02.45.
Hanno avuto la geniale idea di far organizzare ai genitori la festa di fine anno. Wow! Facciamo anche le recite, con tanto di ruoli da assegnare.

Mi capirete, io lo so.

Leggo la mail e la ignoro.

Ma proprio tipo come se avessi letto una cosa orribile ed inaccettabile tipo un 3kg in più sulla bilancia

Impossibile.

No, perchè io alle feste ci vado con l'intenzione di bere, poggiare le chiappe su qualcosa di comodo e chiacchierare distrattamente con chi mi capita a tiro.

E mi piace così.
Voglio continuare così.
In eterno.
Fino a quando andrò alle feste in balera o al circolo del bridge a cavallo di un Tena Lady.

Quindi, capirete, ignoro la mail.

Il lunedì mattina ore 9 mi arriva una cazziata via Iphone: non hai risposto, ma so che hai letto. Noi ci mettiamo tempo ed impegno, potresti almeno degnarti di rispondere.

Inizio a scrivere una mail di risposta che non contenesse un vaffa esplicito, ma che avesse lo stesso senso.

Un vaffa coi fiorellini.

Poi quel buon uomo di Bronto mi fa ragionare.

Ha ragione.

Pore donne, quanto tempo perdono per stare dietro a tutto!
E sono molto efficienti, mentre in molte scuole le mamme non sanno neanche chi siano le rappresentanti da tanto se ne sbattono.
E, insomma, avresti anche potuto rispondere a sta benedetta mail!

Ok.
Sono io che parto sempre in quarta. 
Ok.

Ooooooohm

"Scusami se non ho risposto subito, sono stata un po' impegnata. 
Va benissimo quello che volete fare,  ma non parteciperò attivamente. Pardon!"

E... 
Niente...

Oggi di nuovo.

Sì,  rappresentanti,  perdete tempo.
Sì,  avete 85 figli.
Sì,  lavorate 48 ore su 24.
Sì,  siete er mejo, siete mejo de uonderuoman, sì. 



Ma ve l'ha ordinato il medico con l'imodium per la diarrea di prendervi 'sto peso?















25 commenti:

  1. Ah ah ah! Da noi ci saranno venerdì le elezioni e avevo pensato di candidarmi ... però non ci sarò alla riunione ... chissà che succederà!

    RispondiElimina
  2. Noooo io non sono così... però in 5 anni di rappresentante fra elementari e medie più coordinatrice del pedibus, nessuno mi ha mai risposto, aiutato, contattato! E si che la maggior parte di queste non fanno nulla tutto il giorno e che tra loro criticano in continuazione l'operato di chi invece ci prova nonostante 8 ore di lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco appunto.....io lo sono da due anni alla materna felice di esserlo.....provvedo ad esaudire ogni richiesta delle maestre,feste bibite fazzoletrti ecc ecc ecc....lavoro, casa ,due bimbi,come la mia "collega",che di bimbi ne ha addirittura tre....e da due anni ricevo critiche da lle "brave" mamme che non lavorano ,sanno tutto loro,farebbero molto meglio di noi......ma per chissa quale strano fenomeno cosmico non si candidano mai.............

      Elimina
  3. Sei una forza!!! Farmi ridere così di prima mattina!!! Comunque grazie, mio figlio e' al primo anno di materna e martedì ci sarà proprio la riunione per eleggere la rappresentante di classe. Quella degli ultimi tre anni, non c'è più perché ha il figlio in prima elementare, quindi ne servirà una di pacca....io dal tuo post ho capito che e' meglio se non vado, perché se siamo in tre sono "fottuta"!!!!
    ....sai che anche qui organizzano la festa di fine anno con tanto di recita dove gli attori sono i genitori?? :-)))

    RispondiElimina
  4. Primo giorno di nido. Un amico: "Sai vero che ti chiederanno di fare la rappresentante di classe perché c'hai la faccia di quella secchiona?". Secondo giorno di nido: "Vuoi fare la rappresentante?". Flash di mio padre e delle sue imprecazioni l'unica volta che, alle medie, lo convinsi a candidarsi (mi pareva figo avere il babbo rappresentante!) e una risposta candida: "Ma.. boh...no!".

    RispondiElimina
  5. Da noi le elezioni sono questo pomeriggio, dunque il post capita a fagiuolo! Io, "purtroppo", non potrò essere presente perchè esco dall'ufficio troppo tardi, mannaggia! Dunque mi sa che verranno ri-elette le due tipe dello scorso anno, che presentano tutti i tratti più uno dello tua fenomenologia: protestano per tutto, fino a prendere in mano attivamente la gestione dei programmi della scuola, delle uscite didattiche, delle gite che, casualmente, si va a fare sempre dove dicono loro.
    Ma anche no, grazie! Meglio assentarsi và

    RispondiElimina
  6. Mi hanno bellamente fregata, approfittando del fatto che sono quella con il figlio più piccolo e quindi quella con meno esperienza in fatto di essere fregata....ma poi mi chiedo, cosa mi chiederanno mai di fare????? Spero poco e niente...

    RispondiElimina
  7. Ma solo da me non esistono rappresentanti di classe almeno fino alle elementari? (sempre che ci siano, alle elementari,fra un anno vi dirò...)

    RispondiElimina
  8. Da noi già dal primo anno di nido...
    ho una certa esperienza ormai...

    RispondiElimina
  9. Mia figlia ha appena compiuto 3 anni, è al primo anno di materna e proprio ieri sera c'è stata la riunione per eleggere i rappresentanti. Ci sono andata solo perché sono a casa in maternità (tra un mesetto arriva la sorellina) e lo sanno tutti quindi mi scocciava non essere presente, ma avevo già pensato ad almeno 10 scuse diverse per rimbalzare la domanda "perché non fai tu la rappresentante?". Invece meraviglia delle meraviglie ancora prima di entrare scopro che un papà ci tiene, ci tieneeeeeeee! Meno di un'ora dopo eravamo già tutti fuori (a parte il povero presidente e i 2 scrutinatori che sono dovuti restare altre 2 ore di prassi, ma io ero esentata dal pancione, yuhu!) e il rappresentante penso abbia ottenuto il 100% dei voti dai genitori estremamente sollevati.
    Non ho idea di quanto romperà questo papà, ma in quanto uomo spero si faccia poche menate... Sono un'illusa??
    In ogni caso le maestre ci hanno già rassicurate: per quest'anno niente recita di natale, i bimbi del primo anno sono esentati e canteranno solamente una canzoncina. Fiuuuuuu!

    RispondiElimina
  10. Il solo pensiero mi fa sentire male.... sia ora che quando ero bambino. Alle questioni "le maestre chiedono bicchieri, carta, stracci, penne ecc..." la mia risposta poco diplomatica è: con quello che paghiamo dovrebbero fornire per lo meno IBicchieri, ICarta e pure IPad e IPhone. Ma io sono papà... e le menate delle mamme mi destabilizzano.

    RispondiElimina
  11. Benni nel nostro caso trattasi di scuola pubblica, pago 70 euro al mese per il pranzo e fine.
    Se chiedono salviette o bicchieri mi sento di collaborare, non credo sia questione di menate materne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Klarissa anche la mia di scuola è pubblica pur costando 3 volte tanto, solo per questo ho messo il mio commento e mi infastidisce il collaborare ulteriormente. Avrei dovuto parlare di menate delle rappresentanti e non generalizzare con MATERNE.... però non essendoci padri...

      Elimina
  12. Ho trovato delle buste per me e mio marito nel porta comunicazioni della P1. Liste, nomi... Cestinate. Al nido mi hanno chiesto se volevo votare, una mattina, ma non era candidato nessuno della nostra sezione e ho evitato. Sono stata rappresentante di classe per tutte le scuole, e me ne chiedo il perché. Adesso ignoro tutto bellamente.

    RispondiElimina
  13. Io so solo che non la diventerò MAI!!!

    RispondiElimina
  14. io ho risolto così: alle riunioni per l'elezioni mando MIO MARITO, il quale è assolutamente certo che non si candiderà nemmeno in nessun caso. Semplice ma efficace.

    RispondiElimina
  15. mamma rappresentante di classe presente all'appello...in più con il lavoro che faccio ( event producer) mi hanno pure incastrato nell'organizzazione della festa di fine anno con la frase "chi meglio di te che lo fai per lavoro..." ecco appunto lo faccio per alvoro e nel mio tempo libero sono molto felice di fare altro...ma così è quindi per non saper ne leggere ne scrivere ho chiamato un amico dolciaio e mi faccio regalare le brioches per la merenda così sollevo tutti dall'andare a prendere qualunque cosa e ho reclutato i nonni per l'organizzazione...

    RispondiElimina
  16. Io odio la attuale rappresentante. É una cretina intrigante e manipolatrice. È riuscita a bullizzare i figli di quelle che non le leccano il culo. Organizza feste da cui esclude una minoranza di bambini. Ha chiesto di raccogliere oltre mille euro per i regali alle maestre, decisi da lei, ma rifiuta da far vedete il preventivo.
    Meno male che mia figlia a giugno finisce e poi cambia scuola

    RispondiElimina
  17. Io al nido le ho già e per ora non mi posso lamentare..ma quelle dei due anni precedenti non le ricordo nemmeno, mi sono proprio sfuggite! Comunque se per ora mi è andata bene so bene che è culo!! Ah in compenso il marito di una che conosco è stato rappresentante in un asilo vicino e ho riso tanto ma tanto in quanto è un papà incapace di proferire verbo, un'ameba è più svelta, assenteista, cazzaro, e si è pure scordato di andare alla riunione dei rapprsentanti!! Forse in effetti il rappresentante ideale ... Io non mi candiderò mai lascio volentieri il compito ad altre ;-)

    RispondiElimina
  18. Ah ah se vi raccontassi dopo dovreste inaugurare anche la fenomenologia dei papà. Ho visto cose che voi umani...

    RispondiElimina
  19. Nella nostra sezione della materna abbiamo un papà, lo fa da tre anni ed è molto bravo. Dietro c'è sua moglie che lo aiuta ma non le va di metterci la faccia. In un'altra sezione c'è una mamma rappresentante con tante belle iniziative ma la lingua un pò troppo lunga. Si è messa a criticare i genitori in base all'importo delle offerte fatte per i lavoretti dei bambini sulla bancarella natalizia organizzata per raccogliere fondi per l'asilo e una parte per gli alluvionati della nostra città. Pessima pessima pessima. Quando l'ho sentita non ho saputo rispondere subito dandole della cafona, ho solo detto che anch'io rispetto a certi genitori ho messo una miseria e non essendo particolarmente stupida ha capito di aver pestato una merda! A questo punto mi pento persino di aver messo quei soldi!! Barbara
    Barbara

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...