giovedì 19 dicembre 2013

Niente regali a Natale (#seriesimpatia)

Per la serie sono simpatica e mi piace farmi volere bene, dopo il post sull'incapacità di badare al quattrino, passiamo alla moda del vietato festeggiare.
L'avete notata?

"Che regali di bello a Natale ai tuoi bimbi?"

"Nulla.
Il Natale è ormai mero e bieco consumismo,  sono contraria a questo stato di cose."

Motivazioni ricorrenti:
a) è un giorno come un altro, sono atea;
b) è una ricorrenza religiosa, non commerciale.

Mmmmbpfffff





Generalmente questa risposta proviene da chi ad Halloween...

"Da che vesti il nano?"
"Da nulla, perché dovrei vestirlo?
Non è una festa italiana,  no?
Bieco e mero consumismo.
Roba da centro commerciale.
Io non festeggio.
Poi, noi abbiamo Carnevale, no?
A parte che nemmeno in quell'occasione festeggio..."

(Oh, ma davvero?! E chi l'avrebbe mai detto?!)

"Che c'è da festeggiare?
No, no.
Bieco e mero consumismo.
Io non sono una pecora ottusamamente irretita dai volantini degli ipermercati."

Mmmmbpfffff

"Che fate a Capodanno? Cena con amici?"

"No, bimbi a letto alle 21 e noi alle 22'30.
Come ogni sera.
Perché,  che c'è da festeggiare?!
No, no, io niente cenone, niente brindisi.
Bieco e mero consumismo."

Mmmmbpfffff

Pasqua? 
Mancopennniente.
"Niente cioccolato, solo uova sode.
Non sono un pecorone."

No, in effetti no.
I pecoroni sono più allegri.
Le mucche al macello anche.

No, perché nessuno dice che festeggiare debba essere equivalente a spendere 500 euro a botta, ne' che si debba per forza fare il festival del consumismo.

E' che...

insomma, dai, tra il consumismo sfrenato e cieco, no, pardon, mero e bieco, e l'austerità da cella monastica ci sono un milione di cose:
una cena tra amici o in famiglia, o entrambe, un bicchiere di vino, anche due, convivialità,  due chiacchiere, anche quattro, confronto, sorrisi, magari anche due risate, che quelle ancora sono gratis, qualche pacchetto...

Attenzione,  sono cose che uccidono!

Sì,  perché una non può avere uno spirito un pochettino oltre Uomini e Donne, aver magari anche letto qualche libro, persino anche parlare qualche lingua, ma volersi fare due risate o mettersi un bel vestito o persino mascherarsi a Carnevale o...

orrore degli orrori...

voler aprire un pacchetto o...

ommmiodddio...

una volta ogni mille...

festeggiare!

No, diventi un mentecatto, pecorone, lobotomizzato.

Ma voi fate pure, eh.
O, meglio, non fate nulla.
Ci mancherebbe e, in fondo, chissenefrega!

Ma perché ostentarlo e rimarcarlo in modo più brillante e lucente che Moira Orfei al veglione di capodanno?

Perché dover intervenire continuamente a dirlo, a sottolinearlo?
Perché tutta questa acredine?
Che poi...

pensate che la cosa vi renda automaticamente intelligenti?

Mancopenniente.


"Auguri!"
"E per cosa?"
"Non è il tuo compleanno? "
"Ehmbeh?!"

Mmmmbpfffff

Fanculo, allora, e condoglianze!
In effetti, con quella faccia da 50 enne e quello spirito da Nefertiti, fai bene a non festeggiare i 35.
Non li festeggerei neanch'io.

9 commenti:

  1. Bellissimo post!!! Condivido pienamente su tutta la linea e le risate fatte nel leggerti. La moda che impera ha a che fare con "la volpe e l'uva" e purtroppo senza consapevolezza. Buone feste festeggiate :D

    RispondiElimina
  2. Ma proprio non si sanno godere nulla...eccheccavolo!
    Sono abbastanza d'accordo con la mammapsicoterapeuta...mi sa che c'é qualcosa che manca, ad alcuni che si passano per disillusi...

    RispondiElimina
  3. Sono gli alternativi, quelli che ti guardano con l'occhio sconsolato e scuotono la testa....per poi invidiarti sotto sotto!

    RispondiElimina
  4. Va bene non sperperare, ma cosa c'è di più bello di vedere gli occhi di un bambino che scarta i regali (mica ne servono 1000) e godersi il calore e l'affetto dei propri cari? Boh.

    RispondiElimina
  5. Hai proprio ragione, ci sono persone tristi dentro, che per voler essere alternative e intellettuali a tutti i costi, si perdono cose belle e semplici come lo stare in famiglia, farsi due risate, aprire un pacchetto...
    tutte cose, come dici tu, che non necessariamente richiedono di spendere 500 euro a botta!

    RispondiElimina
  6. Oddio. Ma da quando conosci mia suocera?
    bauhaus

    RispondiElimina
  7. Amen!
    Io sinceramente mi sono un po' stancata di tutte queste assurdità, proprio come te.
    Le ultime frasi chiudono proprio in bellezza la riflessione, dovrei adottarle anche io, ci faccio un pensierino per il nuovo anno, un buon proposito: volere bene a me stessa e allontanarmi da queste "boiate" ;)

    RispondiElimina
  8. W il mero e bieco consumismo natalizio, la tavola piena di cibo che gli avanzi tocca mangiarli per un mese e un mezzo milione di regali XD
    (Si lo so, sono una brutta persona)

    RispondiElimina
  9. W il mero e bieco consumismo natalizio, la tavola piena di cibo che gli avanzi tocca mangiarli per un mese e un mezzo milione di regali XD
    (Si lo so, sono una brutta persona)

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...