sabato 31 agosto 2013

Si ricomincia

Si parte!
Tre settimane.

Tre settimane in cui abbiamo fatto più o meno 3000km tra Sardegna e Corsica.

Bronto alla guida...instancabile










Noi 3.


On the road.
Ok, non è vero, non proprio on the road.
Quasi, dai!


Tre settimane di scoperte



naturalistiche

Che fiori sono, mamma? Aspetta che li spappolo, così verifico, eh...
















storico archeologiche

ora mi fai vedere dov'è l'acqua, guida, 
              perchè io ti credo...però...



martedì 27 agosto 2013

Quest'estate che dovrà finire...

Mare? No, il cielo sopra Parigi, visto dall'aereo.
Sabato tornano. Dopo sette, lunghissime settimane le mie P tornano a casa. Io sarò a lavorare, perché domani inizia la Mostra del cinema di Venezia, ma non importa. Andrò a dormire e loro saranno lì. Mi sveglierò e loro saranno lì. Con le loro risate, i loro pianti, i loro vestitini minuscoli, i loro piedini grassi, le loro gotine abbronzate. Sono due bambine bellissime e simpaticissime, e io sono tanto orgogliosa di essere la loro mamma.
Come posso avere tanta paura di volare?

Un passaggio a Milano, dalla nonna.

Vi ricordate il matrimonio cinese?

Da Milano al mare, dormo beata.

Chissà che ha visto...

Pronte a salpare?

Mmm... bona la mamma sai!

Però preferisco la focaccia.

Io invece i cereali nella tazza.

Amore mattutino.

Mamma, perché questi tati hanno i denti così?

Persa da qualche parte tra le Alpi, au revoir Italie.

venerdì 23 agosto 2013

1,2,3 #nanna! Qualche consiglio per notti serene

Uno degli argomenti più scottanti sui social, è sempre la nanna.
Ne abbiamo parlato anche noi, in questo bel post di Anya

Quanto a me, non ho mai avuto problemi, con nessuno dei due.
Stavo per scrivere "per fortuna" ma non lo scriverò, perchè non credo sia fortuna, non solo almeno.
Certo, ci sono i bimbi insonni, lo so, e quelli sono casi disperati.
Ma sono convinta che per la stragrande maggioranza dei bambini non sia questione di insonnia, ma di mancata educazione al sonno.
La maggior parte dei genitori che vedo, culla il proprio neonato fino ad addormentarlo, anche quando non è assolutamente necessario, e continua per mesi: come puoi lamentarti poi se non si addormenta "da solo" o se ci metti 1 ora a farlo dormire?

Io, sul sonno, sono sempre stata inflessibile.
Mai applicato metodi drastici alla Estivill, nè mai lasciato piangere i miei figli disperatamente, semplicemente, ho applicato alcune semplici, basilari, regole.

1. Nanna da subito nel proprio lettino/culla (il primo figlio pure nella sua camera, il secondo per qualche giorno nella nostra, poi trasferito in... salotto! Finchè non mi son fidata a lasciarlo nella camera con il fratello maggiore).

2. Da subito, e intendo SUBITO, il primo giorno, ho lasciato che si addormentassero da soli, nella culla.
E non iniziate con "che madre degenere, poverini, e l'alto contatto e bla bla"... tanto poppano 25 volte al giorno, ne avevo (e ne avete..) di tempo per tenerli in braccio e cullarli!
Quindi, al primo accenno di sonno, sbadigli, sguardo vacuo o altri segnali che nel giro di 3 giorni imparerete a conoscere, giù nella culla.
PRIMA che si addormentino, questo è davvero indispensabile.

Chiaro, a volte piangeranno, ma di solito è, fidatevi, perchè avete aspettato troppo, sono già troppo stanchi e nervosi, quindi appena li posate nel lettino si incavolano abbestia. La volta dopo, state più attente e vedete se riuscite ad anticipare l'attimo.

Lasciate anche che stiano tranquilli da svegli nel lettino, a guardarsi intorno  mica dovete accorrere a prenderli al primo vagito, o, peggio, appena aprono gli occhi.

In questo modo, i 3/4 del lavoro sarà fatto. Le base dell'addormentarsi da solo sono poste.

3. NON CEDETE. Ci saranno i momenti critici (nel mio caso, a 3, 6 e 18 mesi, puntuali). In quei casi, ovvio, si deve rispondere ai bisogni del bambino. Quindi ok anche al lettone, per un paio di notti, ma non troppe, sennò siete fregate. Io, alla terza notte, lo riportavo nel suo lettino e dicevo "tesoro, la mamma sta qui anche tutta la notte a prenderti in braccio quando piangi, ma da questa stanza non esci ". Quindi 2, 5 10 volte, lo riprendevo e coccolavo, ma non lo riportavo nel lettone. Vi assicuro che nel giro di una o due notti tutto tornava alla norma. E non perchè il bimbo era frustrato, capiva di non essere ascoltato ecc ecc: io ero lì, e non ho mai fatto piangere nessuno dei due più di un minuto.
Semplicemente, ho dato delle regole chiare.

Di fatto, i miei due figli, di 2 e 5 anni, dormono tutta la notte da quando hanno 3 mesi (e qui ok, un po' di culo c'è...), e per metterli a nanna ci impiego si e no 5 minuti. Di solito meno.

Chi assiste per la prima volta alla "messa a nanna" resta sempre sconvolto.
Siamo a cena e "scusate metto a letto i bimbi".
Tre minuti dopo "???!!!!! ma mica son già a letto????"

Eccerto!!

Da noi, la sera, o si guarda un film, o si gioca e si legge un libro e alle 9, minuto più, minuto meno, ci si lava denti, mani e piedi, pigiama, e a nanna. Una ninna nanna, un bacio e ciao.
Arrivederci a 10 ore dopo.

Ultimamente, il piccolo fa un po di storie, mi chiama 10 volte per "un bacio!!", e vabbè, chi dice di no ad un bacio???

Dopo un po', spiego che è tardi, che è ora di dormire e che và a letto pure la mamma. Ci prova un altro paio di volte, io non risponde, alla terza và il papà, se proprio proprio un ultimo bacio. Di solito funziona. Mal che vada, è questione di 10 minuti, ma capita davvero di rado.
All'inizio dell'estate, il Tortoro era particolarmente eccitato e voleva stare alzato più a lungo, anche fino alle 10, 10,30. L'ho assecondato per un po', in fondo era estate anche per lui, poi son tornata al sistema di cui al punto 3.

Ora pare che siamo tornati alla normalità, alle 9, 9.10 dormono, e noi abbiamo 2, 3 ore di pace.


E voi che ne pensate?
La nanna è (anche) questione di educazione o solo una botta di culo?

PS. Per le macro distinzioni dei bimbi (che dormono che non dormono ecc), rimando al post di Anya sopra citato. Lo preciso perchè non voglio traspaia il messaggio "i miei dormono perchè son figa io". No, i miei dormono perchè sono, citando Anya "bambini a cui piace dormire e che dormono", ma anche perchè quando son stati nella fase "bambini a cui piace dormire ma che non dormono" ci ho messo del mio.


lunedì 19 agosto 2013

2 anni. 5 anni.

E sono già 2 anni.
Piccolo tesoro,vorrei che restassi sempre così.
Nanetto e tozzo, con l'andatura ballonzolante e fiera, la risata sempre pronta, il tuo piccolo sorprendente umorismo duenne.
Non c'è stato bisogno di chiedersi "lo saprò amare come..?", sei un catalizzatore innato di amore, non si può non innamorarsi di te.
Sei entrato in casa nostra come un'inondazione, ti infili ovunque, invadi ogni spazio, sommergi tutto e tutti. Se abbraccio tuo fratello tu arrivi, ti metti in mezzo e chiedi "abbraccia anche me, mamma!", se gioco a mordere Ale, tu arrivi: "mangia anche me mamma!".
Non aspetti l'affetto, lo pretendi: "bacia! abbraccia! vieni!", e se non vengo ti aggrappi alla mia mano ed è impossibile non seguirti.

Sarà difficile arginarti, per ora mi è impossibile, troppo sopraffatta anch'io dalla tua innata simpatia e irresistibile attrattiva.

E chi ne fa le spese sei tu, mio grande amore, che ieri hai compiuto 5 anni.
Già 5 anni!
Non posso crederci, che tra un anno saremo alle prese con zaini da scegliere e libri da ordinare.
Mi arrabbio così tanto con te...
E sì che è così facile capire le ragioni di certi tuoi atteggiamenti: deve essere davvero dura condividere l'amore con un intruso apparso all'improvviso. Con questo intruso, poi deve essere davvero, davvero dura.
Se solo sapessi farti capire quanto ti amo, quanto sono orgogliosa di te, che tra tanti piccoli difetti che mi fanno imbestialire, sai essere anche così adulto, riflessivo, simpatico, spontaneo.
Così intelligente, mi sorprendi quando ti ricordi cose fatte quando non avevi neanche 3 anni, o canzoni sentite si e no due volte. E così sfacciatamente bello.

Nati lo stesso mese, 5 giorni di distanza, non potreste essere più diversi. Alla faccia delle influenze astrali!!

Anche il mio amore per voi, in fondo, è diverso.
Così diverso che forse non viene percepito da entrambi in tutta la sua enorme potenza.

Eppure sposterei le montagne, per voi, aprirei il mare, camminerei sul fuoco. 
Spero lo capiate prima o poi, spero di riuscire a dimostrarvelo.

Perchè io vi amo ogni giorno di più, e non vi cambierei di una virgola.
Perfetti per me, spero di essere perfetta per voi.
O di diventarlo.
A costo di spostare le mie montagne, aprire il mio mare, camminare sul mio fuoco.









lunedì 12 agosto 2013

Campeggio vs. Hotel

Ok, è passato un po' di tempo, ma meglio tardi che mai.
Meglio ora che durante le vacanze di Natale, ecco.
Sì insomma, devo ancora raccontarvi delle mie vacanze.
Anzi, non esattamente le mie vacanze, che son state mentre lavoravo, con i nani al mare con i nonni.
Volevo raccontarvi le vacanze dei miei figli. Ecco, così rende di più l'idea.

Ad aprile, causa vento di crisi che soffia anche da queste parti, pareva proprio che la Morna Family avrebbe trascorso le vacanze in Trentino. Cioè, a casa.


Alla fine, un po' di deus ex machina, un po' di incoscienza, un po' di Santo M'Accontento, una settimana al mare ce la siamo riusciti a fare. Noi.

Perchè i nani si son fatti 20 giorni, praticamente un record mondiale.

sabato 10 agosto 2013

Se telefonando

"Ciao Sà! Allora, raccontami, sono proprio curiosa! emh... scusa un secondo..."
Ale, no! Non puoi mettere la testa di Alberto sotto l'acqua!

"si ecco mi dicevi?"
Alberto, noooo, non lanciare secchiate d'acqua fuori dalla vasca!!

"scusami, sto facendo il bagno alle belve, ma ora li ho sistemati, ti ascolto..."
ale, cosa ti ho detto!! non si lanciano i giochi!

"sì sì tranquilla, ti ascol..."
 Albertooooooooo ma cosa fai?? nooo, non fare la pipì sulla testa di Al... 'mammama Uahahahahha che schifoooooooooooooooooo' , no Ale tranquillo, ora ti lavo....

"scusa non ho capito, dicevi?"
 ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh Ale!!! non puoi tirare le gambe di Alberto!! va sotto con la testa e si affoga!!!

"uff.. no no tranquilla, niente di che, lo stava solo affogando, dimmi..."

 -senti, ti richiamo un'altra volta, ok?-

CLIC


immagine presa dal web

giovedì 1 agosto 2013

Torna a casa, Pregunta. Di Ikea, lacrime, piumini e ristoranti a Lima.



Domani si va all'Ikea.

Di solito la cosa rende felice me, ipereccitato Leo e disperato Bronto.



Questa volta la cosa rende tristi tutti e 3.

La missione è l'acquisto di un piumino matrimoniale .
Sì, il 2 di agosto.
Un piumino matrimoniale con destinazione Lima.

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...