L’Apoteosi della Mamma Mostro

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Vi ricordate la “redenzione mamma mostro?”, ecco, ci siamo un po’ arenati sul punto, anche se sto ancora lavorando a piccoli step per un tempo di qualità.
Ma oggi, altro che redenzione, voglio parlavi dell’apoteosi della Mamma Mostro.

Non vi capita mai di non poterne più di avere i vostri figli intorno?
Di desiderare solo silenzio, calma, pace, tempo per voi, tempo per buttarvi sul divano a leggere, tempo da passare nel letto fino alle 11 di mattina, tempo di annoiarvi?
A me sì (ovvio, mica sarei Mostro altrimenti…).

In passato capitava abbastanza di frequente che, in caso di malattie, gli amati pargoli svernassero qualche giorno a casa dei nonni, a 100 km da qui. Quindi, un breve attimo di respiro e relax capitava abbastanza regolarmente. Quel tanto da farmi mantenere la mia sanità mentale.

“Peccato” che, dall’inizio di quest’anno scolastico, non si siano praticamente mai ammalati, se non per sporadici episodi risolti in 24 ore.

Quindi, da tempo immemorabile (per me) non godo di 24/48 ore di tregua naninca.

E me ne accorgevo, uh se me ne accorgevo, di questo deficit di pace e libertà. 
La sintomatologia psicosomatica diventava sempre più preoccupante. 
E, se la mamma si ammala, sono guai no?

Detto fatto, prima di avere una crisi di nervi, ho chiamato in soccorso la Santa Mamma: “ti prego, fammi un regalo, tieni i pargoli per un week end, devo respiRAREEEEEE!!!!!”.

Deve aver capito l’urgenza, visto che il week end inizia oggi.

I dolci amori sono partiti con la nonna, e resteranno là fino a domenica.
Triste? Malinconica?
Macchèè!!!!

Sono felice come una pasqua, non vedo l’ora di tornare a casa e trovare… SILENZIO.
Avete idea di cosa significhi?
No, eh?
IO rientrerò a casa, mi stravaccherò sul divano, leggerò, guarderò la tv e soprattutto “ascolterò” la tv (MAMMA!! basta tg!! Posso vedere i cartoni???” MAMMA ho fame!!! MAMMA è pronto?? MAMMA ho fatto la cacca!! MAMMAAAAAA) andrò a letto senza l’ansia di chi mi potrà svegliare (sono scopertato MAMAAAAAAAAAA”  “ho sete MAMMMAAAAAAAAAAAA” “MAMMA ho perso  Paulllllll!!!!!!!!!!!!!!”) :  no, solo pace e silenzio TUTTA NOTTE,  mi potrò svegliare 1 ora dopo domani, potrò farmi una doccia senza ospiti improvvisi che si infilano nel bagno. 

Mi fermerò in città a bere un aperitivo  con le amiche dopo il lavoro, starò a letto fino a ora di pranzo, leggerò leggerò leggerò, andrò al cinema, che ormai è solo uno sbiadito ricordo, dormirò dormirò dormirò (l’ho già detto che dormirò?).

Andrò a correre, a fare shopping, magari dall’estetista.

No, non provateci, non riuscirete a farmi sentire in colpa.

Il lato negativo di tutto questo?

Che ci si prende gusto, e poi tornare alla schiav normalità sarà più dura.

Insomma, la redenzione può attendere, almeno fino alla prossima settimana.

Tags from the story
, ,
Written By
More from Morna

Separazione: cosa fare? Le basi e i primi passi

Share this... Ho sempre tenuto separato blog e lavoro, ma in seguito...
Read More

19 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *