Una P2 FA primavera

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Quando pensi di aver scoperto l’amore, quello pieno, unico, totalizzante, vero, e che non potrai mai provarne ancora di più, ecco che arriva lei. 

Con le sue guanciotte da morsi e i suoi sorrisi fatti di dentini minuscoli spuntati da poco. 

Con le sue gambette corte sormontate da una panciona che ti fa ridere soltanto a guardarla. 

Con le sue frasi buffe, mezze in italiano e mezze in francese. 


Con la sua fissa per le gonne e i calzini (è strana forte, eh). 

Con la sua risata a crepapelle quando le dai i bacini sul collo e la butti a testa in giù. 

Con i suoi “ancò”, ancò cibo, ancò coccole, ancò risate. 

Con i suoi capricci incredibili, mentre si rotola in terra e mulinella con le gambe perché non hai capito che lei voleva solo pane e burro.

Con i suoi schiaffoni alla sorella, che poi urla prontamente “Maaaaamma, la P2 m’ha fatto maaaaleeee”. 

Con i suoi graffioni a testimoniare una giornata di bagarre al nido. 

Con i suoi occhioni scuri e profondi come l’abisso, gli stessi della sorella, gli stessi tuoi, che eri identica a lei, alla sua età. 

Con i suoi capelli scompigliati e annodati al mattino, e le sue urla per pettinarglieli. 

Con la sua gioia di fronte ad un mini wurstel. O ad un piatto di pasta (tuo). O a qualsiasi cosa si possa mangiare. 

Tu, che pensavi di non avere più spazio nel tuo cuore per amare di più, hai scoperto lei, quell’11 aprile 2012, e da allora hai capito che ogni figlio è come un cuore nuovo che aspetta solo di amare, per una mamma. E’ una nuova vita che comincia, anzi due, la sua e la tua. Che niente sarà più come prima. Che tu cambierai ancora, e crescerai, e faticherai, e riderai, e gioirai, e sognerai, e sarai preoccupata ma soprattutto amerai, amerai di un amore puro e infinito. 

Buon compleanno Priscilla, che la vita possa solo sorriderti, proprio come tu sorridi a me ogni giorno, quando la mattina i nostri occhi si incontrano.

Tags from the story
, ,
Written By
More from Anya

L'imbarazzo della mamma

Share this...Giorni fa eravamo in un autobus pienissimo. Uno di quelli doppi...
Read More

6 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *