Va così

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
Va così.
Va che Nonno Totem, ricoverato per un qualcosa che non sembra poi grave, se ne va.
E ci lascia qui, a non aver capito neanche che è successo, e con la sensazione, in fondo, di non aver mai capito lui.
Va
che intanto, senza neanche aver avuto il tempo di pensarci, entrando e
uscendo da ospedali, asili, riunioni, feste, colloqui, visite e la vita
che va avanti, cambi lavoro.
Così, in 4 secondi netti, davanti ad un “io vado via, vieni con me?” ti vedi rispondere “sì, qui non resto”.
Non hai la testa ora per pensarci, ma per qualche ragione senti che è giusto andare.


Ed eccoti a riempire scatoloni e poi a svuotarli in un quartiere in
pieno centro, ma allo stesso tempo nascosto, affascinante, segreto, per
il quale ora giri cercando nuovi posti, che possano diventare
tuoi per qualche mese o qualche anno.

Va che la triste verità è che per quanto il dolore sia profondo, i vivi devono pensare più a chi resta e meno a chi se n’è andato.
O crolla anche il resto.
Va che a mio figlio, 5 anni, di quattro nonni ne è rimasta solo una.
E continua a ripeterlo.
Perchè a 5 anni sei troppo grande per non accorgertene, ma troppo piccolo per capire ed elaborare.
Va
che la vita di nuovo appare per quella che è: un attimo, con un inizio e
una fine, così insensata e allo stesso tempo così logica, perchè in
fondo è tutta e tutto qui. 
Siamo noi ad ostinarci a cercarle sensi che non ha e
che non le si possono trovare.
Va che è Estate, nonostante diluvi ed esondazioni in città, finisce l’asilo ed e’ ricominciato il centro estivo.
Nuovi compagni per L. e nuove maestre a cazziarmi per me. 
(E, sappiatelo, cazziano più delle precedenti!)
Va che a settembre di nuovo si cambierà educatrice, ma capisci che in
fondo hai insinuato qualcosa di buono in quel cervellino (o forse no, è così di suo…) se al tuo
preoccupato “allora Pat va via…cosa ne pensi?”, lui risponde “penso
che arriverà una maestra ancora più brava!”.
Va che una sera suona il citofono ed è il marito di Pregu (la ricordate?)…carico di doni che provengono da un Paese lontano.
Eh sì, Pregu ritorna…e chi l’avrebbe mai detto?!
Nel frattempo pregunta a tutto spiano via whatsapp…macchevvelodicoaffare?! “senora, il cud dell’ano scorso? me lo ritrova?” “senora, se informa para mi por…la qualunque?!”)
Novità,
ritorni, nuovi inizi, conclusioni, cose che cambiano e cose che non
cambiano…
tutto un grande, meraviglioso quanto doloroso casino.
Tags from the story
, ,
Written By
More from Klarissa

Bad Moms. Tutta la verità.

Share this...Le mamme cattive vanno di moda, talmente di moda che tante...
Read More

14 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *