Che coss’è l’amor

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

E’ ascoltare una canzone d’amore e pensare che parla di te.
Tu, tu che sei diverso, almeno tu nell’universo.

E’ essere più felice con te che da sola.

E’ sapere che, anche se fai l’orso e non hai mai voglia di conoscere persone nuove, appena ti conosceranno si innamoreranno tutti di te.

E’ vederti mettere a suo agio chiunque, ed essere così orgogliosa di te.

E’ rassegnarmi (ridacchiando) alle mille follie che dici, alle parole che ti inventi, alle canzoni d’amore storpiate (dopo che “il regalo mio più grande ce l’ho nelle mutande” non ascolto più Tiziano Ferro…).

E’ invidiare la tua generosità innata, il tuo distacco dalle cose materiali: non desideri mai niente che possa essere comprato, a differenza mia. E mi fa bene averti vicino a ricordarmi che tutto quello che conta davvero non ha un prezzo.

E’ pensare che i tuoi difetti peggiori, in fondo, non li cambierei neanche potendo. Perchè il tuo abbigliamento sgangherato, i colori mai abbinati, i regali che non sai fare, il romanticismo che ti scordi, in fondo sono l’esatta conseguenza di tutto quello che amo di te.

E’ “l’assenza che mi innamora, come m’innamorò” (cit. Morna, V. Capossela). Perchè quando non ci sei, mi manchi da morire.

E’ sperare che i nostri figli assomiglino più a te che a me.

E’ pensare che non ci possa essere un padre migliore di te. E quanto vorrei vedere rivolto a me lo stesso sguardo ammirato e adorante con cui ti guardano.

E’ sperare di poter invecchiare assieme, perché so che ci faremo un sacco di risate.

E’, dopo 16 anni, non avere alcun dubbio.

Buon anniversario, mio amore.

Quando arrivi, quando verrai per me
guarda l’angolo del cielo
dov’è scritto il tuo nome,
è scritto nel ferro
nel cerchio di un anello

E ancora mi innamora
e  mi fa sospirare così
adesso e per quando tornerà l’incanto
l’incanto di te, di te vicino a me.

(Ovunque Proteggi, Vinicio Capossela)
Tags from the story
Written By
More from Morna

Anche le mamme leggono: prestito digitale e Mlol plus

Share this...Mi piacerebbe sfatare questo mito: che con la maternità si rimanda...
Read More

7 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *