mercoledì 14 gennaio 2015

Mamme over 40 e moda: ve lo devo proprio dire?

Io mi intendo di tre cose soltanto:
- le scienze politiche
- la cultura russa
- la moda
Ora, a meno che non vogliate essere aggiornati sulla situazione Russia/Ucraina, posso dare il mio contributo per quanto riguarda un argomento molto spinoso: ma dopo i 40, che me metto?

Ok, anche dopo i 35.

Premetto che: molto dipende da voi, dall'aspetto, dalla vita che fate, dallo spirito, e che ognuno può vestirsi come minch... caspita vuole.

Ma se volete consigli, è perché vedete che qualcosa non va, vero?

Ecco i principali errori da non commettere dopo i trentacin... ehm, 40 anni.



I leggings: diciamolo. Se siete sovrappeso sembrate la badante dello zio Gino. O una casalinga anni '90 tipo Kathy Bates in Pomodori Verdi Fritti. Se siete magre... Uguale. Lasciate i leggings alle ragazzine e mettetevi l'anima in pace. Ma volete mettere un bel paio di collant o un paio di pantaloni a sigaretta? Suvvia.

Serve aggiungere altro, quanto a stile? Credit by urbangirlinparis.fr

Gli shorts: siete alte 175cm e pesate 55kg? Non importa. Non siete al mare. Se non volete che alla serata aziendale il vostro capo vi scambi per la cameriera attempata, veramente, evitateli. Un bel pantalone palazzo e sei suvito chic. 

Mmm... Credit by failblog.org

Brillantini: io mi chiedo veramente cosa vi spinga a comprare qualcosa con dei brillantini. BRILLANTINI! Pietruzze, luccichii, cazzi e mazzi. Ma vi hanno rinchiuso al buio da bambine e pensate che così vi salverete dalle tenebre? Sfuggite i brillantini come fossero borse tarocche: i gay vi ringrazieranno, nemmeno loro possono tanto.

Le scarpe da ginnastica: devo ancora capire perché una donna debba indossare tale oggetto se non deve correre, fingere di correre, andare in palestra, fare l'abbonamento in palestra. No, non sono comode. Fanno cagare. Non avete più 20 anni, vi fanno sembrare sceme. Ma certo, jeans e sneakers, poi mettiamo anche Questo piccolo grande amore e accendiamo un falò.

Magliette con stampe: perché una donna matura dovrebbe indossare al posto di una bella camicia o di un top di un colore sobrio una maglia con la faccia di spongebob? Per di più tarocca, ci scommetto. Basta, l'epoca è finita. Tenete per voi la passione per ken shiro e anche i rotoli che escono dalla maglietta troppo stretta/corta.

Lei la pagano, voi che scusa avete?

Borchie: dopo una certa età, davvero, le borchie riservatele per la camera da letto. So che avete letto 50 sfumature - quello porno - ma indossare borchie e spuntoni non farà di voi delle dee del sesso. Per diventare dee del sesso vi deve piacere scopare, non avere dubbi gusti in fatto di moda.

E secondo voi, invece, cosa non deve indossare una mamma (o donna) dopo un certo limite? Si accettano suggerimenti per la seconda puntata! 

37 commenti:

  1. So che poche sono d'accordo, ma io penso che anche i capelli (ovviamente tinti) lunghi sulle spalle dopo i 40/45 siano da evitare. E anche le tute (non da ginnastica, quelle pseudoeleganti). Anche sulle minigonne-mini avrei qualche dubbio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono abbastanza d'accordo! Ma spiegami: tute pseudo eleganti? Delle tute indossate coi tacchi? Non pervenute dalle mie parti!

      Elimina
    2. Ma sì, quelle top e pantalone pezzo unico.
      Ti mando una foto con le istruzioni :D

      Elimina
    3. Ma va'! Dicesi abito pantalone, oggetto molto figo (anche dopo i 40 anni, ma ammetto che bisogna permetterselo :P )

      Elimina
    4. No. In italiano tuta è un pezzo unico.
      Semmai è la tuta da ginnastica a non essere propriamente una tuta.
      Abito pantalone è composto da due pezzi.
      Non sono modaiola, ma l'italiano è italiano.

      Elimina
    5. Diciamo che se non altro la questione non è chiara, se scrivo abito pantalone su google le immagini riportano tantissimi esempi di quella che tu chiami tuta. In ambito giornalistico, ho sempre letto (e scritto) abito pantalone, proprio perché tuta rievoca, nel linguaggio comune, quella cosa con cui si fa ginnastica. Dì la verità che te la metti per andare in ufficio, su!

      Elimina
    6. Non la metto.
      Ne' ne ho.
      Se digito abito pantalone vedo tute e vedo abito spezzato.
      Se digito tute eleganti, vedo tute pezzo unico con tacco.

      In italiano, comunque, tuta è un pezzo unico.

      E sui giornali di moda tuta non è la tuta da ginnastica.

      Poi parliamone due ore, ma chiedevi che fosse la tuta elegante.
      Bon, è quella che chiami abito pantalone.

      Elimina
    7. Fenomenologia della mamma acida: Klarissa. Una è moribonda, una mi parte per la tangente, forse devo cambiare socie! :P

      Elimina
    8. È la verità.
      Chiamata acidità se credi.

      Elimina
    9. Ti voglio tanto bene anch'io.

      Elimina
    10. Hi hi.
      Quello certo, sempre.

      Elimina
    11. c'è la tuta da ginnastica, anche abbreviato in tuta (ma si capisce dal contesto...) o l'abito tuta. Peace and love

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Ma te sei vecchia dentro! !!! Scarpe da ginnastica forever!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai retta, e son brutte ben, come si dice dalle mie parti!

      Elimina
    2. Un bel paio di converce di pelle con un pantalone slim. ....fanno un figurone! ! Poi chiaramente non ci puoi mettere il maglioncino del Disney store. ...

      Elimina
    3. Ma certo Irene, infatti come dicevo su dipende dalla persona e dallo stile, ma quando vedo una 45enne che dimostra tutti i suoi anni con un paio di jeans anni 2000 e le Nike mi chiedo perché non si è messa un bel vestitino :)

      Elimina
    4. Alcune scarpe da tennis tipo le adidas stan smith che vanno tantissimo adesso tra le fashion blogger le salverei...

      bagash

      Elimina
    5. A 20 anni cara :) Son carine eh, però bisogna veramente avere stile per portarle dopo una certa età, altrimenti l'effetto goffaggine è assicurato!

      Elimina
  4. Lo ammetto: io uso i leggings, ma sotto i vestitini. Non mostrerei il culo coperto da soli leggings neanche pagata.

    E, pur trovandole immonde, capita, anche se raramente, che usi le scarpe da ginnastica.
    Ma sappilo, sono orribili, vero, ma per me stra stra comode. Ineguagliabili.

    Il resto lo evito come la peste.

    RispondiElimina
  5. Leggendo questo post, mi sono accorta che alla fine del 2015 (compimento dei 35 anni) dovrò buttare praticamente tutto quello che ho nell'armadio (tranne borchie, brillantini e shorts:quelli non ci sono mai entrati!)
    Anche io leggings solo sotto i vestitini.

    RispondiElimina
  6. Dunque, io di anni ne ho 36, e concordo su quasi tutto, anche sulla questione capelli che emerge dal primo commento. Peraltro io li porto ancora lunghi, ma sto iniziando a curarli di più perchè una donna grande con i capelli lunghi e sciatti la trovo orribile. Più avanti taglierò. L'unica regola che infrango, tra quelle da te condivise, è quella dei leggings, che utilizzo però solo ed esclusivamente nel tempo libero, rigorosamente con maglie lunghe tipo miniabito, e stivali. In pratica li considero come dei collant molto coprenti, comodissimi. Le scarpe da ginnastica le aborro se non usate per fare sport, e le maglie con stampe sono per me un NI, dipende molto dal tipo di stampa e da come viene abbinata. A volte ad esempio metto una maglia spiritosa con giacca maschile, jeans skinny e tacco alto, per giornate in ufficio in cui non ho appuntamenti, altrimenti opto per una mise più istituzionale. Tengo in ogni caso ben salda la distinzione tra come ci si veste per il lavoro e quello che ci si può concedere fuori dall'ufficio. Spero di aver dato un contributo utile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! La differenza sta nel sapersi vestire, anche. Si può osare a prescindere dall'età ma nel modo giusto, sapendo soprattutto - secondo il mio modesto avviso - riconoscere anche il contesto. Io, per esempio, non capisco quelle coi look marittimi ad ottobre, o quelle che si rivestono solo il sabato e la domenica per passeggiare in centro e tutto il resto della settimana stanno in tuta (quella sportiva, Klarissa)!

      Elimina
    2. Credo che la c.d. "occasione d'uso" sia un concetto difficilissimo da assimilare per l'abbigliamento, ancora più difficile coniugarlo con l'età e le possibilità che il nostro fisico ci offre. Io ad esempio, essendo priva di seno, è inutile che usi scollature, magari scopro di più le gambe, che ho secche secche, ma solo se sono in giro con le amiche. In ufficio, ambiente quasi solo maschile, mai!

      Elimina
    3. Pensa che qui in Francia - almeno, a Parigi - in ufficio non ci sono limiti. Gli shorts sono un grande must, che tu sia 120kg o 40, poco importa. Oltre a tutta un'altra serie di scelte discutibili. Ma c'è un risvolto positivo: non sono tutte uguali!

      Elimina
    4. Qui da noi teoricamente non ci sono. Ma solo teoricamente. Tipo che se un collega non si fa la barba o non mette la giacca in un evento ufficiale, gli arriva un urlaccio del capo... quindi ci adeguiamo. Ma lo trovo in linea di principio anche abbastanza giusto; come in chiesa non vai scollacciata, in ufficio non porti lo spacco inguinale. Se vai in disco puoi anche mettere entrambe le cose, età e fisico permettendo ;-)

      Elimina
  7. allora partiamo dal presupposto che leggings= collant quindi voglio urlare al mondo delle malate mentali che li portano con le maglie corte e la mutanda a vista SMETTELA!
    Se proprio non ce la fate comprate un bel pantalone skinny, slim, treggins ecc ecc ce n'è per tutti i gusti e tutti i fisici, perchè accanirvi?
    Errori di stile ne vedo parecchi, aimè, alcune cose davvero sono da lasciare alle ragazzine che fanno le vasche in centro il sabato pomeriggio.
    Culi budinosi stretti in mini in jeans, stile grunge fasullo, rockstar attempate con i capelli nero pece e il fondotinta passato con la cazzuola e simpatiche fashion victim emule di zia Assunta (l'unica vittima è l'occhio che vi osserva). Diciamo basta!
    io dai miei 34 anni e mezzo ho adottato uno stile semplice ma sobrio, mai noioso, se proprio devo osare metto una collana importante su un maglioncino semplice ma cerco di non bardarmi come un albero di Natale...
    Sul mio blog ho descritto una mia conoscente che incarna davvero l'incubo di ogni persona dotata di buon gusto http://twobagash.blogspot.it/2014/01/donne-identificate-part4-lei-la-regina.html se vi va di farvi 4 risate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha che ridere! Quante ce ne sono così, basta aprire Instagram! Alla fine peace & love eh!

      Elimina
    2. AHAHAHA SI ovvio! Ma mamma mia che gente circola! E il "bello" è che magari le persone così pensano che chi si veste con un minimo di classe e gusto sia solo una povera sfigata grigia e noiosa -_-'

      bagash

      Elimina
  8. Aiuto! E ora dopo la pars destruens serve la pars costruens... ovvero chemmemetto? Consigli, suggerimenti? A budget basso eh!

    RispondiElimina
  9. Per non parlare delle magliette stampa leopardo..se poi ad esserlo sono i leggins ancora peggio!!!
    A me non piace lo stile amazzone: ma gli stivali e' necessario indossarli sopra i jeans e pantaloni? Sarà che sono alta..bassa 1,55 e su di me fa effetto gnomo.
    Ah dimenticavo, in merito alla disputa sulla parola tuta. In Sardegna la tuta da ginnastica viene chiamata " canadese". Ho 37 anni e fino ai 20 sono cresciuta con questa convinzione, anche perché se andavi a comprare una " canadese" nessuno ti diceva: e' una tuta!!! Ho dovuto varcare i confini oltremare per scoprire la dura verità!!
    Ciao ciao

    RispondiElimina
  10. risorgo dalla mia tomba solo per dire che ho una mamma 70nne che è sempre in jeans e maglie aderenti, ma se lo può permettere e non è mai ridicola. Forse però non ne farei un discorso di età, il problema spesso è volersi uniformare alla moda del momento quando non rientra nel proprio stile o, peggio, quando non è adatto al proprio fisico. Io vedo delle ventenni che... levate. Strizzate in short minuscoli solo perchè li hanno tutte.. ma perchè??? Invece ci sono splendide 50nni che possono assolutamente permettersi una minigonna o un abito corto, e allora, perchè no? Quanto alle scarpe, mai indossato scarpe da ginnastica (intendo proprio la classica scarpa da palestra o da corsa) nel tempo libero, ma sneaker sì (con le borchie peraltro), ma quelle continuerò ad usarle nonostante la veneranda età, Tute da ginnastica sono la morte, non le userei neanche in palestra. Tuta intera elegante bella, ma non mi sta bene, peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tuta da ginnastica è la morte davvero. Imbruttisce praticamente chiunque. Chissà perché farsi del male così?

      Elimina
  11. Dopo 40 anni si accorciano i capelli e si allungano le gonne.
    Anche perché i capelli cominciano, inesorabilmente, a perdere consistenza e corsposità.
    Abbigliamento: la tuta da ginnastica non la uso neanche per la palestra (uso i leggins e una felpa sportiva).
    Le scarpe da ginnastica solo per la palestra (anche i miei figli: solo per le attività sportive).
    Abbigliamento: mi guardo allo specchio prima di uscire. Cosa che, forse, non tutte fanno a prescindere dall'età.
    Trucco: si passa ai colori naturali, il beige, marrone... e il mascara solo sulla parte superiore. Fondotinta legegro.
    Pochi pochissimi gioielli.
    Se vado ad una gita che prevede un pic nic posso anche indossare degli scarponcini comodi sotto i jeans. Ma se vado a lavoro non li metto.
    Però i jeans dentro gli stivali mi piacciono tanto :-D

    RispondiElimina
  12. ahahahahahah oddio quanto rido XD
    Vorrete mica dimenticare nella lista degli orrori anche le donne formato budino con i jeans skinny a vita bassa ???!!! No dico, avete presente? Che oltre fare l'effetto salama legata quando si piegano, anche di pochissimo, fanno uscire gran parte del budino mutandato con l'effetto del mignolo sbattuto contro l'angolo del letto! Eddai ma cavolo ma non si vedono?!!!
    E comunque, ultima chicca: qualche giorno fa, metà mattina (ricordate questo dettaglio), presso un noto poliambulatorio patavino gremito di gente, arriva LEI, over 70, polacchini, calze velate nere, MINI-GONNA tipo scozzese (con tanto di pieghette) verde che, vista la panza, le stava larga poi sulle gambe, che invece erano abbastanza snelle, ma con vene varicose e capillari in vista, oltre che con muscolatura assente e carne sballonzolante al passo, conclude il tutto una maglia ADERENTE (e ripeto, aveva la panza da 8 mesi di gravidanza) e giubbino senza maniche panna. Ciliegina sulla torta (degli orrori): capelli lunghi ondulati BIANCHI con qualche meches bionda (che vista l'età erano piuttosto scarsi e formavano un vuoto sulla nuca) e CERCHIETTO nero. Risultato: tutti la guardavano, magari lei si sarà anche sentita fighissima, non capendo che tutti gli sguardi non erano certo di ammirazione. Se divento così abbattetemi!
    P.s. ma le borchie, posso tenerle almeno per i concerti hard rock/heavy metal? Eddai non posso mica andarci in decollete e tubino!!!! :(
    Carla-just40

    RispondiElimina
  13. Beh si dia il caso che alcuni uomini apprezzano anche le prime due, per quanto a voi possa sembrare strano. Io in primis mi rivedo nella prima foto con leggins e a me sa tanto che tutte questi commenti presuntuosi dato che ognuna puo vestirsi come c**** vuole, sembrate tanto scocciate perche noi un po in carne abbiamo quel coraggio di indossarli che voi non avete e vi sentite privilegiate ad indossarlo solo voi per la vostra costituzione fisica. Siamo a livelli di spettegolamenti

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...