martedì 3 febbraio 2015

Fenomenologia della mamma: l'autosufficiente

Sono una curiosa, di tutto, una che si diverte a provare qualunque cosa, una che pensa sempre che la vita sarà troppo breve per poter provare, vedere, fare, leggere tutto quello che vorrebbe.

Anche per questo spesso sorvolo...

sorvolo? ok, chiudo un occhio...
ok ok, ne chiudo due...

sulle cose che non ho fatto bene, che avrei potuto fare meglio, che non ho finito, sulle cose che aspettano di essere fatte...


sì perché vorrei vedere quella cosa nuova...capire come funziona...e non ho tempo di finire quella vecchia...

già lo facevo, prima, nella mia vita precedente, sì quella vita figa, spensierata, in cui si poteva pensare solo a sé, punto, fine, mondo finito! già lo facevo allora, figuriamoci oggi!



Oggi che non c'è mai tempo per niente, oggi che le giornate sono sempre troppo brevi per tutto quello che vorremmo farci stare dentro in quelle maledettamente poche 24 ore.

E chiedo aiuto, anzi, a volte lo pretendo pure.

Lei no.
L'Autosufficiente, no.
L'Autosufficiente fa.
Fa tutto, tutto da sé e finisce quello che ha iniziato.
Non ha aiuti - o così dice - sa fare tutto e se non sa fare qualcosa, impara a farlo.


Se ha il giardino, ha l'orto, che, ovviamente, coltiva personalmente. 
Potrebbe dare lezioni a Michelle da Oprah.

Non fa la spesa: Lei coglie le sue verdure.

Non compra torte o merende: le fa. 
Nonna Papera? usa il suo ricettario!

Ricama tutti gli indumenti dei figli, ricama pure il nome del marito sui boxer, presa dal sacro fuoco del punto croce.

Sui vestiti di ricambio, tu scrivi il nome con l'apposita penna, lei ti guarda inorridita e ti dice che Lei non ne ha bisogno: Lei ricama il nome dei pargoli anche su quelli. 
Anche il secondo nome e il cognome...sai mai...


Scusa, mi fermo un secondo in questo panificio, che fa un pane così buono!
Perché non te lo fai?
Cosa? Il pane? Beh...sì ogni tanto lo faccio, capita...
No "ogni tanto"...sempre, io non lo compro da anni,  lo faccio a mano, mica con la macchina del pane, eh!

Sono distrutta ho pulito tutto il giorno e stasera ho 4 lavatrici da stirare.
Azz Ehm...perchè non ti fai aiutare? Da tua made o da terzi: non ti manda in rovina una signora che viene magari a darti una pulita una volta a settimana o che ti stiri.
Eh??? No, no, non che non possa permettermelo, ma io voglio fare tutto da sola. Vuoi mettere la soddisfazione?

Sì sì, vuoi mettere?

Stasera pensavamo di andare fuori a mangiare una pizza, venite?
Perchè dovete uscire per mangiare una pizza? Non la puoi fare tu?
(A ridaje!) No, non ci siamo capite: vorremmo U-S-C-I-R-E...sai...oltre lo zerbino? la pizza è secondaria, può essere un piatto di pasta, del pesce, una bistecca, quello che vi va...
No no, se volete venire qui, va bene, noi a cena non usciamo mai...sai...cucino meglio io.

Devo prendere la marmellata per la crostata.
Cioè...non la fai tu?????
No, ehm...la compro...
Scuote la testa
Bio!
Scuote la testa
Senza zuccheri aggiunti
Scuote la testa

Tanto vale comprare quella a marchio Coop allora, tanto scuote la testa!
Costa 1 Euro di meno!

Vacanze? Ovviamente in appartamento.
Che va bene, eh...ma la motivazione è impareggiabile.

Non è bello farti fare le pulizie e coccolarti almeno per due settimane all'anno?
No
Almeno per una settimana all'anno?
No, io non ne ho bisogno
Di che? Di riposo?
No, non ho bisogno che qualcuno mi faccia le pulizie o mi cucini, sono capace di farlo da sola.

Cilicio, ginocchia sui ceci, autoflagellazione.

Allora ci venite a cena sabato?
No
Ah già si...perchè sai cucinare! Giusto...scusa...
No, cioè non solo...perchè hanno detto che sarà una cena tra adulti
E quindi?
I bambini non li ho fatti per lasciarli dai nonni
Ma è una sera sola nei primi 4 anni della loro infanzia!
I miei figli non li lascio dai nonni per divertirmi.

Cilicio, ginocchia sui ceci, autoflagellazione.

No dai, non dirmi che in piscina col grande ci porti anche il neonato
certo
non puoi lasciarlo da tua madre, che abita sotto casa tua?
no, viene con me, non ho fatto i figli...
per lasciarli dai nonni, ok...ma come lo lavi e lo vesti e lo asciughi nano grande col  piccolo in braccio?
me la caverò
certo che ce la farai...ma...perchè? per dimostrare cosa? a chi?

Cilicio, ginocchia sui ceci, autoflagellazione.

Da neomamma volevo fare tutto io, tendevo all'autosufficienza, avevo imparato anche ad usare la macchina da cucire, a ricamare, dovevo fare tutto io per il mio bambino.


Sono peggiorata, ahimè, quando ho ricominciato a lavorare: siccome le mamme full time ricamavano i bavaglini e solo Dio sa cos'altro, lo dovevo fare anch'io, "perché mio figlio non doveva avere di meno!".

Poi, ho capito. Ho capito che non importa che quella cosa la faccia io, con le mie mani, importa solo che quella cosa sia fatta.

Cosa c'è di più prezioso al mondo? Cosa mi manca sempre? 
soldi, bella vita, viaggi, bei vestiti 
Tempo.
E se tempo ce n'è sempre così poco, perché usarlo per fare la sfoglia a mano, se quella di Giovanni Rana non è male? 
Cioè...figo fare la sfoglia a mano...ma se non ce la si fa o non se ne ha voglia: c'è il supermercato!
Perché mettermi a fare un accappatoio con la macchina da cucire (giuro, l'ho fatto!)?
Sì è per mio figlio...

ma a mio figlio, in fondo, che je frega? 

diciamocelo.

Non sarebbe più contento se facessimo un disegno insieme, se ci leggessimo un libro, se costruissimo 
un ponte coi Lego?

Non m'importa più che a fare la torta di compleanno di mio figlio non sia io.

Ho raggiunto la pace dei sensi: a me importa che la torta ci sia e che sia ben fatta. 
Punto.
Perché quello che conta è vedere quel sorriso quando la vedrà, quel sorriso che, lo sapete, vi apre il cuore, fino alle lacrime.


Nient'altro.

17 commenti:

  1. Non ci sono parole più vere... già abbiamo poco tempo in questo mondo che va troppo di corsa... non mi sembra per nulla "corretto" levare del tempo alla mia Piccola anche per fare quelle cose che potrei delegare ad altri o arrangiarmi in altro modo!
    W la pasta sfoglia pronta e quella Santa Donna di mia madre che è una Nonna sempre disponibile!!!

    RispondiElimina
  2. concordo, io non sono mai stata un'Autosufficente, io mi farei anche legare le scarpe da qualcuno se potessi.
    Per cui delego il possibile, e tutto il tempo che guadagno, lo dedico ad altro, sia a giocare con i miei figli, sia a farmi un po' di sani fattacci miei.

    RispondiElimina
  3. ..ecco stavo per scrivere esattamente quello che ha detto Morna! Io di aiuti ne ho tanti e ne sono grata: i miei genitori, le mie sorelle, la signora che aiuta in casa, perciò un po' di tempo da "spendere" ce l'ho; ed ho anche una fortuna: che la cosa che più mi piace fare, cioè cucinare ( pane, pizza, marmellata :-) ),adesso posso farla anche insieme alla mia bimba e dunque di tempo e attenzioni riesco a dedicargliene molte.. tutto sta a non essere autosufficiente!

    RispondiElimina
  4. Sul "non ho fatto figli per lasciarli dai nonni" per certi aspetti posso pure concordare, perché diciamocelo, ci sono genitori che ne abusano un pochino, ....però non posso credere che esistano, in questo mondo, mamme così.

    RispondiElimina
  5. L'unica autosufficiente che conosco è la mia mammina, ma lei è avvantaggiata da un lavoro pubblico part-time e soprattutto da doti di autosufficienza ed efficienza soprannaturali. Il cibo: tutto fatto in casa; le tende, le federe o i vestiti di carnevale: tutti cuciti a mano; le vacanze: in appartamento o almeno fino a quando aveva la prole al seguito... insomma come dice la nonna veneta "Fa-tutt-ela".
    C'è poco da ridere... se l'è cavata sempre e io che sono il rovescio della medaglia, la pigrizia e la ciumpaggine in persona la invidio moltissimo!! Peccato che per i nipoti valga sempre la battuta "Non si fanno figli per lasciarli ai nonni...".
    Ciao, M.

    RispondiElimina
  6. Evviva questo post!!!!! Io sono la delegatrice per eccellenza quindi ODIO le autosufficienti

    RispondiElimina
  7. Oddio...io sono u po' così...Cioè...non proprio uguale, il nome sui vestiti di ricambio lo scrivo a penna e a cena fuori ci andiamo ma il bebè dietro me lo porto. Mi faccio aiutare dai genitori ma quando posso evitare lo faccio perchè in fondo i figli sono i miei e non posso scaricarli sempre dai nonni. Faccio le torte per loro e lo faccio con piacere ma non credo di levare loro del tempo prezioso e soprattutto non rompo le pelotas alle altre mamme che non lo fanno. Perchè per forza dobbiamo giudicare una mamma che si impegna e che comunque si fa il mazzo. Dovete saper guardare anche chi è diverso da voi senza per forza giudicarlo.

    RispondiElimina
  8. M, separate alla nascita noi!

    Anonimo, ma no, non giudichiamo nessuna, ma ironizziamo su tutte, è diverso! vedrai che ce n'è per tutte ;-)

    RispondiElimina
  9. sì, ne conosco una... eccome!!!
    e oltre a essere Autosufficiente, è perfetta, impareggiabile, non ne sbaglia una e arriva anche senza chiederglielo...
    è la Suocera!!!!

    (e sto giro me ne resto anonima che è meglio!!)

    RispondiElimina
  10. Molto divertenti i tuoi post! ;-) io ovviamente non sono nè autosufficiente...e nemmeno sufficiente, come te lo ero prima di rientrare a lavoro (nel senso che all' epoca riuscivo a tener decente la casa, ma di ricamare nomi o cose simili non m'è mai passato per la testa); però il pupo me lo porto sempre appresso altrimenti non mi diverto! (patologica?)

    RispondiElimina
  11. A parte esprimere tutta la mia ammirazione per suocere e mamme di alcune di voi...

    volevo solo precisare che non c'è nulla di male nel cercare di essere autosufficienti, mi sembra ovvio, qui si parlava dell'estremizzazione dell'autosufficienza, di quella mamma che non solo non chiede aiuti, ma si mette a fare da sola (e spesso pretende che il marito faccia altrettanto...facendolo improvvisare giardiniere, idraulico, ciabattino, meccanico...) le cose più impensate e che, davvero, non c'è ragione che faccia.

    Parlo di quelle che si ostinano anche davanti all'evidenza, alla stanchezza, all'esaurimento fisico e mentale, a volere fare da sole, senza mai semplificarsi la vita in qualche modo, senza mai aiutarsi loro per prime nel chiudere un occhio, nell'infilare una pizza surgelata in forno una sera, che non muore nessuno!

    Soprattutto, l'autosufficienza totale è un'aspirazione che, francamente, anche nei casi pegg...ehm...migliorii, non ho mai visto concretizzarsi in toto.

    Poi, ovvio, qui si parla dell'estremizzazione di lati che tutte noi abbiamo, chi più chi meno, con l'intenzione, appunto, di ridere di noi, non di offendere o di giudicare nessuna.
    Ci mancherebbe altro!

    RispondiElimina
  12. Se non ci fossero gli aiuti, povera me! Le nonne mi tengono le gnome quando sono al lavoro e nel frattempo mi aiutano con la casa.
    Questo mi permette di avere più tempo per le mie bimbe, per fare con loro cose che ci piacciono, tipo una torta insieme, oppure di avere un po' di tempo tutto per me, che ogni tanto serve!

    RispondiElimina
  13. Ne conosco almeno un paio così..e le conosci anche tu! ^^

    RispondiElimina
  14. Ih Ih Ih

    Ma noooooo!!! Che dici?!

    RispondiElimina
  15. Ih Ih Ih

    Ma noooooo!!! Che dici?!

    RispondiElimina
  16. Aiuto questa sono io! Che faccio la torta ogni settimana per la colazione del maritino.. Che preparo omogeneizzati a casa... che prima di convincermi a prendere una signora delle pulizie c'è voluto un secolo! Ma da quando ho ripreso a lavorare assomiglio di più alla mamma mostro!!!
    Fra!!

    RispondiElimina
  17. XD ho pensato di essere io... ma io faccio da sola perché mi piace fare, le pulizie le odio e le vacanze ovunque siano va bene... ma non mi piace restare fissa in un luogo (quest'anno siamo stati a Parigi con la bimba :D )

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...