martedì 3 marzo 2015

Viaggiare coi bambini: weekend al Peppa Pig World

Lungi da noi prendere il posto dei blog di viaggi. O dei siti di viaggi. O dei blog di viaggi con bambini. Insomma, avete capito. Ma potevo io non raccontarvi questa incredibile vacanza in famiglia? Potevo? 

Eh no che non potevo.

Ma facciamo un passo indietro.

PEEEEPPAAAAA PIIIIIIIG

Vi ricordate? Un paio di mesi fa, ma neanche, vi raccontavo, un po' esasperata, del più grande e ricorrente capriccio (sì, CAPRICCIO, CA-PRIC-CIO, la sillabo anche bene) della P2. 

Voglio Peppa Pig.
La voglio subito. Qui. Adesso. Non me la dai? Ti spacco i timpani.

E le palle, ovvio. 

E poi vi ho raccontato di quello che le è successo poco dopo, dell'ustione e del conseguente ricovero in ospedaleÈ lì che un'amica mi ha parlato del Peppa Pig World.

Sì sì, del mondo di Peppa la maiala. In Inghilterra. A pochi minuti da Southampton. 

E così siamo andati. Volete sapere com'è? 
Sì sono io. Anche photoshoppata.

Il paradiso.
Giuro.

Il parco si trova all'interno di un parco molto più grande (il Paultons Park) con le classiche attrazioni, ma studiate per i più piccoli (o per le sfigate come me che vogliono provare un po' di adrenalina ma odiano le cose vomitevoli e il tagadà, ve lo ricordate il tagadà?).

Peppa Pig World, il paradiso, dicevo. C'è l'elicottero della signora coniglio (tutto o quasi è della signora coniglio, come ben sappiamo), che è in pratica una ruota panoramica. 



C'è il treno di nonno Pig. Il dinosauro di George che si può cavalcare e, vi giuro, è divertentissimo. Ma proprio tanto.



E poi c'è anche lo spazio chiuso, coi gonfiabili (perché la pioggia, si sa, è sempre in agguato). E poi le anatre che girano libere, i pinguini, il treno che attraversa tutto il parco, i tacchini... Insomma, un posto davvero divertente per i piccoli. 












A parte un piccolo particolare.

Pippiririppippiririririppi o quel che è. La musichina di Peppa Pig. Ce l'ho ancora qui, nella mia testa, e sono tornata da quattro giorni. 

Ma le bambine erano felicissime. Anche la P1, che ormai odia Peppa Pig più di voi tutti messi insieme, era eccitatissima all'idea di entrare dentro la casa dei maiali, di poter toccare la maiala (un povero cristo vestito da Peppa, certo), di salire su altissima in cielo e vedere tanti maiali piccini piccini. 

Il costo è abbastanza alto, ma non quanto altri parchi: 70 sterline per una famiglia di tre persone se comprato in anticipo. Sotto il metro non si paga. E si può noleggiare un fichissimo passeggino doppio per trasportare la prole. 
Southampton fa cagare, ma potete sempre farci tappa per dormire, come abbiamo fatto noi. 
Il cibo... chevvelodicoaffà?, nammerda, dentro e fuori il parco, ma questo si sa.

Southampton ha il suo aeroporto, ma noi siamo andati in auto. È stato divertentissimo oltrepassare la Manica salendo sul treno con l'auto, ma anche dormire in tre hotel diversi. Le bambine erano fuori di sé dalla gioia, e abbiamo fatto anche tappa a Stonehenge (non lontano dal parco) e a Canterbury, non lontana da Folkestone, dove si riparte per la Francia.


Pare sia un posto noto. Stonehenge.

Canterbury.

La cattedrale di Canterbury.

Trucchi, segreti e altro?
Niente. Nessun iPad, nessun gioco, in auto hanno sempre dormito. E nei pub la sera praticamente dormivano pure lì. 

Perché Peppa può questo ed altro.

Ma anche la canzoncina di Frozen in loop, ve lo assicuro.


Ciao ciao UK!

7 commenti:

  1. Qui sono in fase Masha e Shaun The Sheep -voglio andare in scoziaaaa- ma apprezzerebbero di sicuro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fuuurba!
      Il segreto è far vedere alle belve cartoni ambientati in posti che desideriamo vedere!
      Brava, brava, ti emule.

      Elimina
    2. Beh è un ottimo modo per unire l'utile al dilettevole, senza contare che se si preparano con molto anticipo si possono minacciare per settimane che se non si comportano bene non li porteremo da nessuna parte (minaccia inutile perché poi non succederà, lo sappiamo, ma siamo pessime educatrici noi)! :D

      Elimina
  2. Ci sono stata la scorsa estate con i pupi...confermo che i bimbi apprezzano molto... Io dopo la simpatica gita ero in overdose da peppa pig...
    La mia vendetta e' stata la colazione del giorno dopo...eggs con tantoooo bacon;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che a me non ha affatto stordito? Sarà che il vento e la pioggia torrenziale in stile Arca di Noé mi hanno completamente rincoglionita... O forse il fatto che in tutto il parco non vendessero nemmeno una birra... O_O

      Elimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...