giovedì 23 aprile 2015

Lettera ad una futura mamma

Amica mia, stai per diventare mamma.
Pensi che la tua vita cambierà, vero? Ma non hai ancora idea di quanto e, soprattutto, di come cambierà.
Pensi che non farai più quello che facevi prima?
No, non è questo.
Tra poco sarai semplicemente un'altra persona. E tutto ciò che sceglierai, d'ora in poi, da quando non sarai più sola, sarà fatto in funzione del tuo essere madre.
Non aver paura.

Sì, è vero, fa tantissima paura. Ma più dopo, che prima.
Adesso tu hai paura di non capire se hanno fame.
Se sono malati.
Hai paura di non reggere alle notti in bianco, ai pianti, ai pannolini.

Ma tutte queste cose, amica mia, passano, te lo assicuro.
Quando ti chiederai a chi puoi restituirli non preoccuparti, l'abbiamo pensato tutte.
Quando vorrai solo scappare, quando ti chiuderai in camera tappandoti le orecchie, quando piangerai sopraffatta dal loro pianto, quando ti sentirai sola e abbandonata, e penserai che nessuno può essere stato male quanto te, altrimenti non esisterebbero altri bambini al mondo.
Pensa anche che è tutto normale. E che l'abbiamo pensato tutte, non sei speciale.

Passerà, amica mia. Le notti si allungheranno. Ti abituerai. Imparerai a conoscerli. E se non dovessi amarli dal primo momento non sentirti sbagliata. Nessuna mamma è sbagliata, ogni mamma ama, coi suoi tempi e i suoi modi. Arriverà, e sarà bellissimo, qualcosa che non hai mai provato.

Ti sconvolgeranno la vita, sì, ma in un modo che tu non sai. In quel modo che all'improvviso ti fa vedere il mondo in maniera completamente diversa.
E per quanto le tue paure aumenteranno e saranno più forti e più terribili, la tua fiducia nella vita sarà di più. Saprai che sei capace di fare una cosa incredibile, crescere degli esseri umani. Tu. L'avresti mai detto?

Io di me no, non l'avrei mai detto.

Non so niente, forse, del mondo, ma so che da quando sono madre ho una leggerezza tale che tutto quello che mi attraversa non riesce veramente a toccarmi. Perché ho loro. Ho la stanchezza, ho la fatica, ho la responsabilità ma no, la mia vita non è più la stessa.

È un miliardo di volte meglio. Essere mamma è un miliardo di volte meglio.
E anche se ti sembrerà impossibile quando la notte li sentirai piangere per l'ennesima volta, fidati di me.


Ti ho mai mentito?  

E comunque, alle perse, ci restano sempre i sogni, no?

24 commenti:

  1. Quanto hai ragione! Bellissimo post!
    (la foto è di un canale della Senna? Mi sembra di riconoscere il punto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!
      No, la foto è stata scattata ad Amsterdam, io e la mia amica ci diciamo sempre che, se qualcosa dovesse andare storto, andremo a vivere nello Jordaan coi nostri 4 bambini, bevendo birra e fumando canne :D

      Elimina
  2. Verissimo. Grazie da parte mia e di tutte quelle mamme(e papa') che leggendo questo post si sentiranno meglio,e un po' piu' speciali. Francesca

    RispondiElimina
  3. Che bello questo post. Se noi mamme iniziassimo a dircele un po' di più, queste cose, sicuramente vivremmo molto meglio. Noi e i nostri figli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, purtroppo spesso ci facciamo la lotta o, ancora peggio, non siamo sincere...

      Elimina
  4. Che meraviglia!!Grazie per queste belle parole che ci hai donato!

    RispondiElimina
  5. Grazie per queste bellissime parole...mi sento abbracciata da questo blog...capita e coccolata...sollevata...leggendo queste parole mi sono commossa e non riesco a vedere lo schermo mentre scrivo perché le lacrime continuano a scendere...sto passando una fase "pesante" di incomprensione fra me, il mio piccolo di 5 mesi ed il resto del mondo...ma come dici tu...passerà!
    mi asciugo il viso...scrollo di dosso tutto...e vado a coccolarlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai tranquilla cara, "passerà" non è detto tanto per dire, è verissimo, e addirittura ti mancheranno certi momenti esclusivi... Sembra impossibile ma i bambini crescono così in fretta, che quando guardo la mia cinquenne mi chiedo come sia possibile che anche lei sia stata un neonato di cui mi sono presa cura... Per non parlare della seconda, da 0 a 3 anni e nemmeno me ne sono accorta...

      Elimina
  6. Parole meravigliose per descrivere questo passaggio così pieno di vita, di energia e di amore puro!

    RispondiElimina
  7. Un post meraviglioso. Verissimo.

    RispondiElimina
  8. Anche io mi sono commossa leggendolo, anche ora che scrivo... grazie per questo post, mi sono ritrovata in quasi tutto e nel fatto che è proprio vero, quando si diventa mamma si diventa anche un'altra persona, si cambia la visione della vita, cambiano le priorità e si diventa molto più mature. E la gioia che si prova a stare con i figli e l'amore che ci avvolge il cuore...valgono tutto il resto!
    Un abbraccio
    Manuela

    RispondiElimina
  9. quante verità mia cara..bellissimo post a presto

    RispondiElimina
  10. Rassicurante e inquietante al tempo stesso. Inquietante, perché io mi conosco e, anche se me l'hanno raccontato a migliaia, so già che ci resterò malissimo se non dovessi provare quell'amore incondizionato e assoluto il secondo stesso in cui lo vedrò, lo so e so già che, se un giorno, dopo la centesima sveglia della notte, mi troverò a dire "Dai, torna dentro la pancia almeno un po'" mi sentirò la peggiore delle madri. Lo so, mi conosco. E so che, anche se capiterà a una mamma su mille, vorrei una scena da Madonna con Gesù Bambino e ora che manca poco questa cosa un po' mi fa paura. Ma saprò affrontarla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisabetta,
      Ho letto il tuo commento e così di getto ti rispondo.
      Ti dico che anche se non dovesse essere amore a prima vista con il bimbo sarà stupendo comunque. Prendi le storie d'amore più belle che ci sono: non sempre la scintilla scatta subito, l'amore cresce giorno dopo giorno e si consolida.
      Non far in modo che se non scatti la scintilla questo possa diventare un problema.
      Ci viene prospettata e messo in testa che deve essere amore incondizionato dal primo nano secondo...ma così non è o comunque non è per tutte.
      Ti dirò di più io ho fatto 2 figli e con nessuno dei due ho "provato"amoree immenso subito.
      Con il primo mi sono ammalata e con la seconda mi sono goduta la maternità a pieno. Questo non mi fa sentire meno madre ma semplicemente un essere umano.
      In bocca al lupo per tutto❤❤❤❤🎅

      Elimina
  11. Mi sono ritrovata in tutto quello che dici: la paura di non farcela, la paura di "non poter restituirlo"... Articolo bellissimo e in cui mi sento davvero "coinvolta". Grazie, Frankie

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. E quella futura mamma ero io! Ora sono mamma presente e questa lettera la rileggo con un sapore diverso, molto dolce. Quando l'ho letta la prima volta ricoverata in ospedale e dominata dai dubbi e le paure, ho ritrovato il contatto con la realtà, l'obiettivo di una gravidanza che non è stata per niente magica e mi sono sentita capita e coccolata da un'amica vera, che ha saputo anticipare i miei bisogni. Adesso quelle paure sono sparite, sostituite da altre ansie, altri dubbi... finirà mai? (vedi fenomenologia mamma paranoica). Le certezze però sono aumentate: sono una mamma, sono felice e ho un'amica così. Allora la vita è bella?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti voglio tanto bene amica <3 La vita con te è sicuramente più bella! Marò!

      Elimina
  14. bellissime parole che meritano di essere condivise! provvedo subito!

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...