La mamma.

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Nei momenti in cui sono più stanca, chiudo gli occhi e immagino di avere 20 anni. Sono stressata per un qualsiasi esame, e lei si prende cura di me.

Quando qualcuno mi fa arrabbiare, mi ferisce, mi mente, penso che c’è solo una persona che, per quanto certe volte mi faccia proprio arrabbiare e rimanere male, è pienamente onesta con me.

Se ho voglia di parlare alzo la cornetta e lei c’è, salvo poi doverla ascoltare per due ore raccontare di tizia e caia, pure con diverse interruzioni perché le squilla un telefono, la chiama la vicina, le suonano il campanello. 

Mamma puoi venire un po’ qui? E lei sale sul primo aereo.
Mamma puoi tenermi un po’ le bambine? E le porto. 

La mamma sono i cibi surgelati per i mesi a venire.
Le tende lavate. 
Le finestre pulite. 
Arrivare a casa e non avere niente da fare, tanto c’è lei.
Sentirsi chiedere semplicemente, “come stai?”, sapendo che vuole veramente sapere come sto, non lo chiede solo per dire qualcosa. 
La mamma sono anche le critiche continue, eh. E sei troppo secca, ma mangi? E non dovresti fare così con le bambine. E lavori troppo e loro hanno bisogno di te.
Ma il bello della mamma è che ti dice quello che pensa, perché tanto tu in fondo, anche se ci rimani male, sai che ti ama. 

Ora che sei madre, lo capisci.

Oggi è una giornata no. Sto male (fisicamente) da giorni, le bambine sono intrattabili e nervose, il tempo ha fatto schifo, mio marito compie 40 anni e li festeggia da solo dall’altra parte del mondo.

Mi sento in bilico su qualcosa che traballa, ma non importa.

Oggi atterrerò a Pisa.

E ci sarà la mamma.

Perché non importa quanto cresciamo, quanto siamo indipendenti, quante difficoltà abbiamo dovuto superare.

Le coccole della mamma sono la cura per qualsiasi cosa.

Le tre donne della mia vita, in ordine di altezza.

Tags from the story
Written By
More from Anya

Bambini iperstimolati

Share this... Prima di partorire ho letto un libro bellissimo: per una...
Read More

19 Comments

  • Leggendo solo il titolo ho subito pensato che non fossimo noi "la mamma" di cui si parlava.. Ma quell'altra.
    Ed è così bello sapere che c'è.
    Ti auguro di smettere presto di traballare, o di cadere..insomma di trovare un punto fermo!

    • Non so come, mi rialzo sempre 🙂 e anche e soprattutto perché la mia mamma mi ha insegnato così, seppur con le sue umane debolezze, è una grande donna e un grande esempio per me. Spero di essere così per le mie figlie!

  • E' proprio così! La mia uguale, critica, se ne esce con delle cattiverie inaudite (senza rendersene conto), ma c'è sempre, e quelle volte che è a casa mia, tornare e trovare tutto pulito, profumato e con la cena pronta, mi fa sentire come Lovely Sara (ricordate?)

  • Tra qualche giorno anche per me 'ci sará la mamma' per qualche settimana di fila e non vedo l'ora. Di averla intorno, di ricevere i suoi sguardi, i suoi sorrisi, di parlarle non solo per telefono. E vi dico di più: anche ora che la mia non puó più tanto coccolarmi con il 'fare', cucinare o lavare o pulire, non diminuisce neanche un po' la meravigliosa sensazione di essere accudita che provo quando sono con lei. La mamma é il porto sicuro sempre. E ti auguro davvero che la vicinanza della tua mamma ti aiuti a superare questo brutto momento Anya.

  • Quanto ti capisco…qualche mese fa ho avuto un intervento e accanto a me c'era una ragazza che ha subito la mia stessa operazione ed era con la sua mamma che la coccolava…io ho provato una sana invidia e mi è mancata tanto la mia mamma che se n'è andata quando avevo 15 anni. Premetto che non voglio mettere tristezza ma evidenziare il fatto che a qualsiasi età la mamma rimane sempre la persona più importante della vita e che si prende cura di noi come nessuno può fare. Questo per ricordarci di coccolare le nostre mamme sempre e farle sentire speciali. un abbraccio moonimood

    • Ti capisco benissimo! Per altri versi, a me manca mio papà. In questo momento avrei bisogno di lui per tante cose, e ce lo diciamo spesso con mia mamma: se ci fosse lui, sarebbe tutto più facile per me, per lei, per le bimbe… E mi ritengo molto fortunata comunque ad avere mia mamma 🙂

  • Io per fortuna ce l ho vicina. E vero critica ma se critica c'è un motivo,come lei non c'è nessuno. Sono fortunatissima ad averla a 3 mimuti da casa me ne rendo conto. Non credo che riuscirei ad averla distante. La mamma e sempre la mamma e dopo o figli e la persona più importante che c'è

    • Ci si abitua a tutto, ahimè… Ma ti capisco, io non voglio allontanarmi ulteriormente anche per quello, poter vedere la mia mamma quando voglio, sapere anche soltanto che con due ore di volo lei è qui o io sono lì mi rassicura tantissimo…

  • Mia mamma è una roccia.
    Lo è per tanti, forse per tutti, non solo per me, e io mi sento particolarmente fortunata perchè non è solo una persona che amo, ma anche una che stimo ed ammiro.
    Litighiamo, ovvio, e questo è in un certo senso il dato più bello, perchè non c'è discussione o disaccordo che abbia potuto, possa o potrà mai incidere sul semplice fatto che il nostro rapporto non è in discussione.
    Mi piacerebbe pensare che sia per tutti così, purtroppo però so che non è vero.

    • Già, provo dolore quando sento che alcune persone non riescono ad avere un rapporto sereno con la propria mamma. Il mio è a tratti difficile, abbiamo caratteri mooolto diversi (io sono identica a mio papà), ma alla fine chi mi ama più di lei? Nessuno! E ogni figlio dovrebbe avere questa garanzia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *