mercoledì 29 luglio 2015

Non dimenticate di mettere in valigia...

Mi raccomando, non dimenticate di mettere in valigia:
Libri, perché leggerete molto.

Una crema solare,  perché vi ricorderete sempre di metterla.

Un asciugamano, perché sarete spesso sdraiate.

Gli auricolari,  per ascoltare musica.

Riviste,  per sfogliarle rilassandovi.

Enigmistica,  per allenare il cervello.

Un materassino,  per rilassarvi in alto mare, da sole.

Un pareo che possa adattarsi all'aperitivo al tramonto in spiaggia.

Tacchi, per fare le ore piccole con un tono.

Doposole, per occuparvi del più leggero degli arrossamenti.


Bon.
Se invece avete figli,  non dimenticate di mettere in valigia:
Album da colorare, pennarelli, matite, pastelli, carta, quaderni, libri per i compiti delle vacanze, libri illustrati, niente che non sappiate a memoria e che non dobbiate rileggere 7 volte.
All'ora.

La crema protezione mille.
Tipo muta.
Per i figli, ovvio. Per voi? Voi chi?
Un asciugamano. Anche 2. A testa.
Per i figli, ovvio.
Per voi? Bah, andrà bene uno umido già usato da loro.
Per sedersi?
Eh?
Per fare che?
L'unico posto dove vi siederete è il water.
E neanche sempre.
Tappi per le orecchie.
Per quando vorrete dimenticarvi che esistono.
Tipo quando si picchieranno selvaggiamente perché il biscotto è marrone.
No, è marroncino.
No, è marrone.
No, è marroncino.
Giornalini per bambini e enigmistica.
Vedi alla voce album e libri.
Riviste per voi?
Perché, avete il tempo, non dico di leggerle, ma almeno di togliere loro il cellophane?

Giocattoli da spiaggia.
In quantità tale da farvi uscire 3 ernie per trasportarli.

Pareo?
Diciamo qualcosa sopra il costume.
O, almeno,  il costume...
almeno lo slip, ecco...
ma coprire la tetta avvizzita post allattamento non è peccato,  eh...

Tacchi?
Ciabatte, zoccoli, infradito,  ballerine o qualunque cosa vi consenta uno scatto tipo Bolt quando la vostra prole assalta la prole d'altri.
Cercate di arrivare prima che cinque dita campeggino sulla faccia dell'avversario.
Il doposole.
Per il loro più leggero arrossamento.
Voi?
Bah, in fondo, avete tanti strati di pelle...i primi 15 non vi servono, dai...
Come si chiamano? 
Vacanze?
Sì, per chi è senza figli.
Forse.

 

11 commenti:

  1. Eh eh devo giusto fare la valigia per la prima vacanza mare coi nani....la vedo proprio bene!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no che andrà benissimo!
      Basta metterti per ultima, ti avanzasse tempo...

      Elimina
    2. eh eh infatti in montagna sono arrivata alla sera prima a rendermi conto che gli unici costumi che avevo erano i premaman e i bikini striminziti di moltissimo tempo fa. E ho dovuto metterli lo stesso e non ben depilata

      Elimina
  2. Ahahahah come hai ragione!
    Forse i giocattoli puoi dimezzarli, tanto quelli degli altri sono sempre più belli.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto, quanto, quanto hai ragione!

      Elimina
  3. Hai dimenticato la pazienza...quella ne serve a palettate, per noi saranno 2 settimane di fuoco...

    RispondiElimina
  4. nel mio caso termometro, tachipirina, cerotti.....e trattamento antipediculosi (non facciamo pubblicità).....visto che l'anno scorso siamo tornati anche con gli "Inquilini" e non so ancora dove li ha presi........per me i gonfiabili sono come l'aglio per i vampiri.......buone vacanze a tutti!!! Sara

    RispondiElimina
  5. E te pareva!!! :D
    Siamo stati in vacanza al mare una settimana a Giugno, tornata molto abbronzata (non so come, visto che non mi sono MAI stesa a prendere il sole) e tutti :" ah si vede che ti sei proprio rilassata in vacanza!" ... Eh già!
    Ma la versione per la montagna cosa prevede invece? (dai che mi va meglio ad agosto... lo sento...) :)

    RispondiElimina
  6. io ancora la valigia la devo preparare (per la montagna però) e ..... devo dire che le valigie con i figli sono da esaurimento!!!!!!!!
    però trovo più rilassante farle 'er la montagna ...è un paradosso loso..,ma......
    veronica

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...