mercoledì 14 ottobre 2015

Ode alla mamma del nuotatore

Quando ero bambina detestavo la piscina,  ma ci dovevo andare 2 volte alla settimana.

"Imparare a nuotare è importante, tesoro.
Può fare la differenza tra la vita e la morte.".

Poi sono diventata adulta e...
mi sono innamorata di Rosolino?
ho scoperto un amore incondizionato per le corsie della piscina olimpionica?

No, niente, ho continuato a detestare la piscina.




Finché non sono diventata madre.
Ed eccomi a dire cose tipo: 

"imparare a nuotare è importante.
Può fare la differenza tra la vita e la morte.".

E così mio figlio va a lezione di nuoto, mentre io...beh, io ho imparato il vero significato della frase

"io detesto la piscina".

Sì, perché se andarci da nuotatore mi faceva e mi fa ribrezzo, andarci da madre di nuotatore mi fa letteralmente orrore.

I bambini devono essere in vasca alle 18'10.

A che ora arrivo io sgommando e imprecando perché non trovo parcheggio?

Tipo alle 18'08.

Più veloce non posso fare pena l'arresto.

Estraggo mio figlio praticamente dal finestrino per fare veloce.

Con -12 comincio a spogliarlo mentre corro verso l'entrata della piscina dove lui arriva già seminudo.

Entro nello spogliatoio abbassandogli i pantaloni e dicendogli:

togliti le mutande!!!

Gli infilo il costume nel momento immediatamente successivo a quello in cui lui sfila gli slip dal piedino.

Con l'altra mano gli caccio la cuffia in testa e gli infilo gli occhialini lanciandolo in acqua alla velocità della luce tanto che la quattrenne cicciottella entrata 5 minuti prima di lui ancora non ha raggiunto il bordo piscina e lui è già a dorso.

Aaaaaah! Fatto!

Solo allora mi rendo conto di essere in un bagno di sudore, a 40 gradi, un umido che neanche a Miami.
E ho il cappotto.
Prima di stramazzare al suolo mi denudo e comincio a riordinare i vestiti del figlio, che pare sia esploso più che essere stato svestito.

Bene.

Madida nonostante la nudità,  mi devo rivestire se voglio respirare aria ed uscire.

Fuori fa -10.
Escursione termica di circa 40/45 gradi tra dentro e fuori.

Ma che?! Non vuoi andare a spiaccicare il naso contro la vetrata per vedere come spendi i tuoi soldi?

Ed ecco lì, 57 madri con la polmonite incipiente ad incitare, urlare, salutare, sbracciarsi, saltare, fare lo stile libero in aria e  tornare a dorso, sempre in aria,  mostrando la respirazione...
daiiiiii!
Vaiiiiii!
Così!
Noooooooooo, guarda me! 1, 2, 3, respiro, 1, 2, 3, respiro.

È mio figlio quella scheggia! Il tuo qual è?
Quello che gli tiene la testa sott'acq...ops!

Ok, come non detto,  andrò al bar a farmi un aperitivo...no,  non ce la faccio.

È già ora di rientrare per la doccia.

Da -10 a +35.

Non correreeee è bagnato!

Sotto la doccia il figlio, ma infracicata pure la madre.

Fa nulla ci sono 35 gradi no?

Bene ora sotto il phon nella Grande Stanza dei Phon...45/50 gradi di aria calda in faccia.

Disciolta, partecipi alla rivestizione del bambino.

E finalmente...uscite!

-10, nel frattempo pure -15.

Lui:
perfettamente asciutto, vestito,  coperto, rilassato. E affamato.

La mamma:
fradicia per la doccia,  sudata per i 45 gradi dell'interno, avvilita dalle madri...
ma...

fuori!

Seppur, merda, ancora coi copriscarpe azzurri ai piedi.

20 commenti:

  1. Io da bambina la piscina la odiavo...per non andarci mi facevo venire la febbre...
    Da madre la detesto ancora e infatti il quasi quatrenne ha fatto piscina si ma al mare tutte le mattine con l'istruttore pure belloccio!!!
    La piccola ancora nulla ma anche per le il battesimo sarà nella piscina dell'hotel vicino alla spiaggia...
    Mentre i pargoli nuotano le mamme prendono il sole nei lettini e bordo piscina e...e guardano pure l'istruttore belloccio!!! Hi hi...ecco quel tipo di nuoto mi piace!!!
    Tu sei bravissima comunque a farglielo fare anche in inverno nonostante tutti i disagi!

    RispondiElimina
  2. Io adoro nuotare e ho passato gran parte dell'infanzia, anzi, fin dopo l'adolescenza e anche da adulta tra varie piscine.
    Però mi sono ammazzata di risate a leggere il tuo post e mi ci rivedo appieno nella versione "mamma di nano-sguazzante" (nuotatore ancora manco pegnente) che arriva sempre troppo tardi e rischia l'infarto per le corse e il caldo! :D
    Odio fare la mamma del nuotatore... appena si smolla un pò (leggasi = impara a nuotare un minimo) lo mollo con l'istruttore per un doppio turno e mi godo qualche vasca di relax e respiro!
    p.s. io non ho ancora capito come fargli la doccia senza uscire più bagnata io di lui... mah!!!!

    RispondiElimina
  3. Quanti anni ha tuo figlio?
    Il mio 6 anni e mezzo e, meno male, fa tutto da solo :-)
    Ecco perché adoro la piscina... :-D :-D

    RispondiElimina
  4. Io quando mia figlia aveva 6 mesi ho deciso di portarla ad acquaticità. Perchè volevo prendesse confidenza con l'acqua fin da piccina, che io a 40 anni ho la fobia pure a stare con la testa sotto la doccia. E niente. Ho resistito 3 mesi. In inverno. da - 10 a +40 e prima dovevo spogliare lei (e intanto io mi scioglievo), poi spogliare me (e intanto lei piangeva), poi docciare me (e intanto lei urlava), poi docciare lei. 20 minuti in piscina e poi docciare lei,asciugare lei, docciare me ,asciugare me, vestire me (con dolcevita e maglione) e poi (così vestita) vestire lei. Un incubo. Emy

    RispondiElimina
  5. ahaha !!!!! Vuoi sapere la mia versione?
    mia mamma mi ha sempre mandato in piscina fin dalle elementari. Perchè aopunto, è vero, può far la differenza tra la vita e la morte, e in famiglia nostra purtroppo lo sappiamo bene, non scendo nei particolari. Comunque, io entro in piscina e solo sentire l'odore del cloro mi fa stare bene. mentre la piccola fa il corso, ne approfitto per nuotare anche io, poi la prendo, ci mettiamo insieme sotto la doccia, a ridere e a giocare con la cuffia, e vedo tutte queste mamme che dici tu, accaldate come una mascotte di un villaggio turisticoinagostovestitadadinosauropelucheallababydance, con i copriscarpe tipo sala operatoria, bagnate dai jeans ai capelli. poracce! noi invece si sta sotto la doccia poi la asciugo ben benino e mentre lei va a asciugarsi i capelli con il suo costumino olimpionico che la fa sembrare una piccola sirena.....io mi coccolo mettendomi la crema. quindi si va insieme a mangiarci qualcosa, che il nuoto fa venir fame..solo io e lei mentre gli uomini sono a casa.....durante la settimana invece esco dal lavoro in pausa pranzo, mi cambio, entro nell'acqua e via...i pensieri spariscono, una bracciata dopo l'altra, relax.
    Io la vivo così. Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  6. Io ne porto due e ho elaborato una soluzione. Non li doccio dopo...asciugata rapida ai capelli,vestizione su cloro e tutti a casa....la sera si fanno un bel bagno a casa. Finora nessuna polmonite,nessun caso di scabbia...e in due minuti siamo fuori dallo spogliatoio sauna!

    RispondiElimina
  7. Io ne porto due e ho elaborato una soluzione. Non li doccio dopo...asciugata rapida ai capelli,vestizione su cloro e tutti a casa....la sera si fanno un bel bagno a casa. Finora nessuna polmonite,nessun caso di scabbia...e in due minuti siamo fuori dallo spogliatoio sauna!

    RispondiElimina
  8. Questo è esattamente il motivo x cui i miei figli non hanno fatto piscina. Sono andata una volta e ho pensato di morire. Quando mia figlia ,uscita in lacrime dall'acqua,mi disse che non voleva andarci più...io l'ho abbracciata. Il grande l'ha sempre accompagnato mio marito...il piccolo ha imparato al mare

    RispondiElimina
  9. Io odio la piscina, l'odore dolciastro di funghi e cloro, il caldo umido, per me nuotare nell'acqua a 28°C equivale a fare i cento metri mentre ti sparano addosso aria calda con un phon...E ho sempre avuto una massa di capelli ricci lunghissimi che non vi dico cosa significano, dentro la cuffia e all'uscita. Per questo motivo i miei figli non l'hanno vista neanche di striscio, se non quelle all'aperto, eppure hanno imparato a nuotare prima che ad andare in bicicletta, ma c'è il trucco: qui si può nuotare al mare da aprile a fine ottobre, si può ben resistere cinque mesi in attesa di riaprire le danze!!!
    Dani

    RispondiElimina
  10. Io non so se continuerò a lungo in questo stato..in piscina sono praticamente isterica! Anche io non le faccio fare più la doccia, appena finiscono, mentre tutti i bambini felici si accingono verso le docce, io urlo a mia figlia: doooveee vaaaiiiii!!! Muovitiiiiiii!! La mummifico con cuffie, cappotto e a casa. Lì bagno rilassante per lei..io ancora isterica.

    RispondiElimina
  11. ah ah ah, mi hai fatto scompisciare!
    io da brava ex bimba nuotatrice sono una mamma che non li manda in piscina!!
    sono pessima lo so...

    RispondiElimina
  12. Tranquille, basta qualche anno e poi fanno tutto da soli!! Io quest'anno niente stress...le mie gemelline di 7 anni fanno TUTTO da sole...ma tutto intendo che loro non vogliono neanche che io entri dentro lo spogliatoio! é vero che la piscina te li da gia' lavati e asciugati, ma svestizioni e rivestizioni fanno da sole! Escono dallo spogliatoio con le loro sacche piene tutte sorridenti...e io pure!!! Quindi pazientate solo qualche anno! Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, anche il mio a 6 anni e mezzo fa tutto da solo. A casa prepara da solo anche la sacca (a me tocca solo svuotarla...) e non entro neanche negli spogliatoi se non per farmi vedere dall'assistente bagnanti che me lo "riconsegna" alla fine

      Elimina
  13. Io sono stata mandata in piscina dai 6 ai 9 anni, proprio per la questione di vita e di morte. Il pargolo ha iniziato acquaticità a 5 mesi, consigliato perchè pare faccia bene allo sviluppo psicomotorio e al legame genitore figlio. Adesso ha 30 mesi e ci va due volte la settimana (una con me e una con il padre). Dato che siamo ancora in fase "genitori in acqua" il problema di morire di caldo/bagnarsi non c'è, siamo tutti e due sotto la doccia, bagnati o in mutande e procediamo di pari passo. Insomma per ora fila liscio, anzi è più facile fargli la doccia lì che a casa e ci prendiamo pure il tempo del massaggio infantile.
    Però mi riconosco nelle corse per arrivare in vasca. Noi iniziamo alle 16.30, peccato che al nido facciano merenda alle 15.45, quindi ogni volta devo avvisare le dade che passo un po' prima delle 16 invece che alle 17.45 come al solito (e devo uscire prima dal lavoro), recuperare il pargolo sperando che abbia già finito di mangiare (se no devo aspettare), fiondarmi alla velocità della luce alla piscina, trovare l'impossibile parcheggio (c'è una scuola di fianco ed è l'ora di uscita dei bimbi, non vi dico il caos), volare nello spogliatoio, svestire e costumare tutti e due e..magia, di solito entro le 16.33 siamo a mollo, e con i braccioli indosso! Non so nemmeno io come faccio.
    E mi capita di vedere i genitori dei bimbi più grandi che non devono più scende in acqua e aspettano fuori leggendo un libro...chissà, forse anche io l'anno prossimo riuscirò finalmente a finire un libro...Ah. quei genitori ricevono i bimbi (3-5 anni) già lavati! Fa parte dell'attività di piscina! Figo, no?

    RispondiElimina
  14. ...e che dire di - accappatoio, asciugamano, asciugapiedi, appoggia piedi, cuffietta costume, biancheria, pantaloncini e maglia di ricambio (i miei riuscivano a far cadere qualsiasi cosa sul pavimento bagnaticcio!) che vanno tutte lavate e fatte asciugare!!!!!!!!!!!! e sfai la borsa, risistema tutto per la volta successiva ecc ecc....!!!!!!!! e magari vedere che sbuffano mentre fai le corse per portarli perché oggi proprio non ne hanno voglia!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  15. Io sono stata obbligata ad andare a nuoto che avevo 5 anni. Mi piaceva l'acqua ma ero pigra e obbligata non era poi tutto questo divertimento. Sono stata liberata dalla fatica a 14 anni (quando finalmente il medico ha stabilito che non ero più troppo minuta e non avrei rischiato la scogliosi solo perchè non andavo a nuoto).
    Le mie bimbe le ho portate entrambe ad acquaticità a 4 mesi. Con la prima una tragedia, 5 lezioni di pianti disperati e ho lasciato perdere. La seconda adora l'acqua e non abbiamo mai smesso.
    Così ora... la 5enne che nell'estate ha perso un pochino la paura innata che aveva da sempre e ha trovato 3 amichette che vanno al corso di nuoto... va il martedì alle 18.15. Ma le mamme delle amichette sono lavoratrici come me e sono delle galle. Hanno scelto una piscina in zona leggermente più costosa di quella comunale ma superfichissima. Lasci la bimba davanti agli spogliatoi con la borsa in spalla e il giubbotto ancora addosso e la riprendi dopo un'ora e un quarto all'uscita già lavata, phonata e stirata, solo da riportare a casa. Ok poi c'è la borsa da disfare e rifare ma nel mentre che lei nuota io sto ai tavolini con le altre mamme a chiacchierare e ridere come una matta (no, noi non sgomitiamo con le altre davanti alla vetrata). Sbattimento ridotto al minimo. E' diventato il mio momento di relax settimanale.
    La bis non ha ancora 2 anni e fa ancora ad acquaticità. Quindi io entro con lei. Ogni sabato mattina, dopo una settimana di lavoro full time distante da casa, mi alzo presto per farle fare colazione all'ora giusta e alle 10 siamo già in acqua insieme. Acqua alta 80cm, acqua caldina, con mia figlia che ride per tutto il tempo e fa i tuffi di testa, nuota sott'acqua, gioca e si diverte come una pazza. Uno sbattimento allucinante, alzati, organizza le borse, portala, preparala, poi lavala, rivestila, asciuga i capelli, corri a casa per le 11 che c'è l'altra e il papi con cui fare altre mille milioni di cose. Ma ne vale la pena.
    E tra un anno quando avrò una 6enne e una 3enne che al mare nuoteranno da sole... quante mamme mi invidieranno da morire??! Eh???! :-P

    RispondiElimina
  16. Io avevo cercato un corso per entrambe, ma - che sfortuna - non c'è più posto (c'est Paris). Per sfortuna veramente, perché ce le avrebbe portate la tata. Invece così, in un impeto di entusiasmo dato dall'estate, ho iscritto entrambe la domenica mattina a "loisirs en famille". Cosa c'è di peggio di guardare due bambine in piscina? ENTRARE con due bambine in piscina.
    Lavare loro e te. Asciugare loro e te. Il tutto in uno spogliatoio misto.
    Però si divertono tanto :)

    RispondiElimina
  17. Mia madre ci ha provato anche con me..niente non so nuotare e al mare babbo solo.i piedi.
    Mio figlio ha cominciato nuoto..però lo accompagnano quelli del nido! Eh?!!
    😃
    Http://ilquadernodilalu.it

    RispondiElimina
  18. Il mio nano ha 6 anni e lo porto in piscina 2 volte a settimana.
    Il problema si pone quando devo cambiarlo...lo spogliatio è orribile..tra umidità e calore.
    L unica soddisfazione è che le mamme dei maschi utilizzano lo spogliatoio maschile e ogni tanto qualche 30 enne mezzo ( o tutto) svestito si vede :)

    RispondiElimina
  19. le mie vanno con la scuola. le porta la maestra. le lava, asciuga e riveste la maestra. una standing ovation alle maestre :D

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...