lunedì 30 novembre 2015

Fenomenologia della mamma: la mamma i vaccini sono il diavolo



Caro Louis Pasteur, devo dirti una cosa. Quando a fine 800 hai scoperto che “per generare un'immunità verso un patogeno si potevano usare preparazioni microbiche alterate ecc ecc”, chissà se ti saresti immaginato che, nel 2015, ti avrebbero sputato addosso.

Perché tu, tu sei il diavolo.

Che importa se hai sradicato il vaiolo? La rabbia? Il tetano? O qualcosa del genere.

Che importa!

Il tuo unico intento era di far arricchire le case farmaceutiche, caro mio, e adesso brucerai all’inferno proprio come noi, mamme ignoranti, che continuiamo a iniettare veleno nel piccolo e indifeso organismo dei nostri dolci bambini.

Perché la mamma i vaccini sono il diavolo non pensa che ad altro: far capire quanta ignoranza ci sia intorno all’argomento.
La mamma suddetta fa propaganda in ogni dove. Se ha il culo pesante si limita a Facebook, in cui spara link a profusione del genere informazioneliberavera.org, diciamolaverità.it, autismo&vaccini.com, maipiùautismo.net.

Poco importa se questi siti sono curati dal fratello meno intelligente di Paolini. Sono su internet. Sono scritti. Sono Verità.

In fondo anch’io per sapere come rimanere incinta sono andata su Youporn.

Quando il Ministero annuncia un calo preoccupante delle vaccinazioni, la mamma il vaccino è il diavolo urla allo scandalo: invece di preoccuparsi della salute dei nostri figli, si preoccupano delle casse delle case farmaceutiche, il diavolo ancora più maligno. (segno della croce)

Informatevi! Voi mamme che vaccinate, voi non capite una sega. Perché vi sembra normale iniettare un veleno nel corpo di un neonato?? Vi sembra normale?
Ma no, molto meglio fare in modo che prenda la pertosse, o il morbillo, e contagi altri 87 compagni, che ne contageranno altri 967, che ne contageranno e via dicendo, avvicinando così la popolazione mondiale a quella statistica che dice che, per un tot di bambini che prendono il morbillo, un tot può subire danni a vita e un altro tot può morire (e avreste paura di scoprirle queste statistiche, vedi sotto).

Le statistiche sono facilmente reperibili su internet, tipo sui siti seri, tipo quello dell’OMS (ma sì dai, quello dell’allattamento! Presente?!).

Ma noi spariamo cazzate, non statistiche, si sa.

Come argomentazione, la mamma i vaccini sono il diavolo vi riporterà il bugiardino di un qualsiasi vaccino. Bugiardino che ovviamente non ha mai letto, non avendo mai vaccinato.
Ma si sa, mio cuggino mio cuggino, la vicina, quella su Facebook, insomma qualcuno l’ha detto, ho sentito che, i vaccini causano l’autismo.

E vorrete mica esporli a questo rischio?

Allora prendiamo il bugiardino del Nurofen, per esempio. Lo trovate qui

Di seguito riportiamo una nota dell’European Medicines Agency inserita all’interno del bugiardino del Priorix (morbillo, parotite e rosolia):

È stata riportata encefalite con una frequenza inferiore a 1 ogni 10 milioni di dosi. Il rischio di encefalite a seguito della somministrazione del vaccino è ben al di sotto del rischio di encefalite causata da malattie naturali (morbillo: 1 ogni 1000-2000 casi; parotite: 2-4 ogni 1000 casi; rosolia: approssimativamente 1 ogni 6000 casi).

Ma che vuoi che sia! Almeno non alimentiamo le tasche delle case farmaceutiche, brutte bastarde. (Però devo ricordarmi di comprare il Nuvaring, accidenti).

La mamma di cui sopra accusa quella che vaccina di essere un’assassina, un’ingenua, un’egoista, ‘na stronza, in pratica. Come fai a non capire? Ti stanno fregando! Leggi Beppe Grillo.
E se rispondi con delle prove scientifiche, le uniche che contino quando si parla di scienza, beh, loro...

Ti tolgono l’amicizia su Facebook.

E tu te ne accorgi dopo due mesi.

La mamma che non vaccina ha il diritto di farlo? Beh, in teoria sì.
Ma.
  • Nei paesi sviluppati certi vaccini sono obbligatori, non ti prendono a scuola, a fare sport, attività, nulla.
  • Lo Stato italiano potrebbe proclamare lo “stato di allerta” riguardo ai vaccini: se è vero che le Regioni hanno ampi poteri nelle questioni inerenti la sanità, il Titolo V della Costituzione prevede anche che Governo e Parlamento si facciano i fattacci loro in caso di pericolo per la popolazione.
Ah cazzo, Beppe Grillo.
Ok, come non detto.
Voi continuate a leggere cose serie, mi raccomando.
E se vi abbiamo fatto arrabbiare, mamme che non vaccinate, non prendetevela: a volte si sbaglia.

Anche se si legge iosonoinformato.it.


47 commenti:

  1. Che poi, il Nuvaring costa anche una fracca di soldi... con quello si che le case farmaceutiche ci si arricchiscono davvero (e ben contenta di farle arricchire con il Nuvaring, per altro).

    Ah, e a "per sapere come rimanere incinta sono andata su YouPorn" sono morta :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immaginati comprarne la scorta di un anno O_O

      Elimina
  2. negli altri paesi sviluppati non saprei, ma in Italia non ovunque i vaccini sono obbligatori (tipo Veneto) e che non ti prendano a scuola, sport ecc.. È una gran cagata (perdona il francesismo). Io ho vaccinato ma post come questo e gli articoli pro-vaccini che circolano (tipo strumentalizzare la morte della piccolina per pertosse) sono talmente superficiali, imprecisi e inadeguati che se lo leggi con un minimo di spirito critico fanno solo il gioco degli antivaccinisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo perché. Questo blog è ironico e tutte le fenomenologie lo sono. Resta la verità dei numeri: la pericolosità di certe malattie mi spaventa molto di più dei presunti rischi (ma scientificamente attestati, ma solo statisticamente, che non vuol dire niente) dei vaccini. E' più pericoloso prendere il morbillo, statisticamente, che vaccinare. Poi io non diffonderei mai i messaggi che strumentalizzano, ma la realtà non cambia. Certe malattie stanno tornando perché ci sono persone che non vaccino i propri figli anche laddove è obbligatorio. Per questo mi sembra giustissimo che in Francia non ti facciano andare a scuola se non hai fatto i vaccini obbligatori.

      Elimina
    2. È una cagata nel senso che non è vero, lo faranno in Francia ma non nei "paesi sviluppati". Io sono a favore dei vaccini di certo non ho le competenze per scrivere un articolo pro o contro.. ma questo post, e articoli simili che circolano hanno la stessa valenza di quelli pubblicati su odiolecasefarmaceutiche.net

      Elimina
    3. E' vero, diciamo così: la Francia è un paese in cui se un vaccino è obbligatorio, tale resta. Nei paesi sviluppati si dovrebbe fare così, non "tollerare" che degli obblighi non vengano rispettati.
      Questo non è un articolo informativo, è un post che prende in giro una tipologia della mamma. Per le informazioni, rimando ai siti scientifici.

      Elimina
    4. Strumentalizzare la morte della piccolina per la pertosse???? Ma se avessi idea di cosa è la Bordetella pertussis, di quanti danni dovuti all'infezione con questo batterio non si manifestano subito ma solo negli anni....per non parlare della panencefalite sclerosante subacuta, causata dall'infezione lenta del virus del morbillo, che ha ridotto a vegetali tanti nostri coetanei (eh si, sono di una coorte che ancora non aveva la possibilità di avere il vaccino e il morbillo se l'è dovuto beccare). Sono mamma, microbiologa. Se ci fosse la possibilità di insegnare un po' di batteriologia e virologia a tutte le mamme non ci sarebbe proprio discussione. Ah, e non lavoro per nessuna casa farmaceutica, sia chiaro. Anzi, siccolme mi occupo di resistenza agli antibiotici, in teoria a me farebbe molto comodo che i batteri rimanessero in giro...più finanziamenti per la mia ricerca...

      Elimina
    5. Sarai microbiologa ma non hai capito niente del mio commento. Basta sollevare una riflessione che si parte con il paraocchi.
      Come funziona il vaccino della pertosse è spiegato sul sito del ministero (la copertura scade, e anche passare la malattia non rende immune dal rifarla in forma più i meno leggera) e questa bimba si è ammalata in una regione con la copertura vaccinale del 94% e rotti (con la protezione di massa..in teoria). È probabile che l'abbia contagiata un adulto che nemmeno si è reso conto di averla. Strumentalizzare questo episodio come pubblicità per i vaccini, lascia spazio a moltissimi dubbi più che risolverli. Proprio perché io credo nell' utilità dei vaccini certi sproloqui li lascerei nelle tastiere.

      Elimina
  3. Penso che siete le prime a riuscire a scrivere qualcosa (in maniera ironica), di solito le talebane dei vaccini (sopratutto su fb) sembra che urlino il loro punto di vista senza potersi confrontare. Cmq a parte gli scherzi, se dovessi vaccinare un ipotetico secondo figlio sarei molto confusa a riguardo. : (

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Informati, leggi, poi decidi. Ma leggi cose serie, numeri seri. Le malattie per cui vacciniamo possono portare anche alla morte.

      Elimina
  4. Bravissime!! Non avete idea di quanto mi stia a cuore questo argomento e spero che questo vostro posto arrivi a più persone possibile. Detesto che in nome di "ognuno ha diritto alla propria opinione" si spargano falsi miti che hanno conseguenze sulla salute di bambini che davvero non possono vaccinarsi per motivi di salute. Credo di avere già scritto da qualche parte che mio marito ci lavora all'OMS e queste mamme (o papà) dovrebbero venire a farsi un giro qui in Bolivia dove ancora la mortalità infantile é altissima e dove si lotta ogni giorno perché più bambini possibile abbiano accesso ai vaccini gratis.

    p.s. ho letto qualche anno fa un articolo meraviglioso sul pericolo delle statistiche fatte a ca.. di cane. Praticamente un gruppo di ricercatori norvegesi ha provato "scientificamente" che c'era una correlazione significativa fra il numero di cicogne presenti nei cieli di un paesino e il numero di bambini nati quell'anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vengo a trovarti in Bolivia??? :)

      Infatti anche il discorso delle campagne per far vaccinare nel terzo mondo è tutto per le case farmaceutiche, si sa.
      Le stesse a cui compriamo medicine per QUALSIASI CAGATA.

      Elimina
    2. Purtroppo ce ne andiamo. Ci spediscono a Ginevra :-(
      Ma da Panama non sei lontanissima (anche se la Bolivia non è esattamente child-friendly). Scusate, totalmente OFF-TOPIC

      Elimina
    3. Non preoccuparti :) Qui è anarchia. Quando ve ne andate?? Perché dici che non lo è? Sono curiosa :)

      Elimina
    4. Sulle Ande l'altitudine può rendere difficile digerire e dormire. Nella parte tropicale ci sono tanti insetti e animalacci vari e il turismo è molto basico (condizioni di sicurezza discutibili). Alcune strade sono ancora pericolose e i boliviani guidano come matti. E poi vabbè, gli ospedali, in caso di emergenza, sono quelli che sono! Però con bambine un po' più grandicelle va benissimo. E' un paese meraviglioso e molto sicuro dal punto di vista della criminalità. Io sono tristissima di andarmene, ci lascio un pezzo di cuore.

      Elimina
    5. Ah ecco... magari lo mettiamo in coda nella lista :)
      Comunque ci credo che sei triste, andare in Svizzera lasciando la Bolivia, mmmmm...........

      Elimina
    6. Poi a Ginevra...
      Ops, non dovevo dirlo?
      Kla

      Elimina
  5. Cavolo, sarebbe da approfondire visto dove vivi e visto il lavoro di tuo marito...dicci dicci! Io ho una paura fottuta delle malattie per cui vacciniamo e sinceramente mi fido del pediatra, dei medici e non mi fido di certi articoli che escono periodicamente... poi lo so che qualcuno da qualche parte è morto per complicanze post vaccino ma credo, se non ho capito male, che sia stato qualche bambino che aveva dei problemi e che il vaccino ha svelato. Ma quanti ne sono morti per complicanze delle malattie?? Se leggiamo i bugiardini poi non dovremmo prendere nemmeno la tachipirina...si sa che ogni farmaco ha dei rischi... io vorrei che i medici fossero più decisi, alcuni ti fanno venire dubbi....io per esempio ho scoperto che il meningococco b lo fanno in veneto ai nati nel 2015, ho chiesto, e mi hanno detto che possono farlo anche i miei che sono nati nel 2013 e 2014, a pagamento ma chi se ne frega...ma il primo aveva addirittura un vaccino che copriva ancora meno del mio secondo figlio!!! Da un anno all'altro lo hanno potenziato, coprendo più ceppi, e io non lo sapevo. Per fortuna ho guardato i due diarii sanitari dei bambini e ho notato la sigla diversa... e mi sono fatta due domande e le ho fatte a due pediatri e al distretto, e ho letto in giro per farmi un'idea. E casi di meningite ce ne sono mi ha detto... ce n'è stato uno lieve a un bambino nella nostra città anni fa in una scuola dove lavora una che conosco, una paura tremenda, per fortuna è finita bene :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io so che i rischi che alcune malattie sono ben più gravi degli effetti indesiderati potenziali di un vaccino. Per questo ho deciso di vaccinare. Poi come dicevo, gli obbligatori dovevo comunque farli perché qui in Francia non ti prendono a scuola né a fare sport o altre cose in collettività. E spesso anche se non hai fatto alcuni facoltativi.

      Elimina
    2. Vi mando il link dell'organizzazione con cui sta collaborando l'ufficio OMS di La Paz. http://www.gavi.org
      Ci sono info molto più dettagliate di quelle che potrei darvi io.

      Elimina
  6. Grazie Anya, è importantissimo diffondere questo concetto. Ho vaccinato mia figlia x il meningococco la scorsa settimana e la dottoressa mi ha detto che se facessimo un giro nei paesi di cui sopra difficilmente faremmo tanto le saputelle sui vaccini.Ha aggiunto che le mamme straniere chiedono i vaccini prima del tempo perché testimoni dei danni che malattie come la poliomielite o il tetano o la pertosse possono portare danni enormi quando non portano alla morte.
    Grazie Anya.Non giudico ma caspita, ci vuole coraggio a non vaccinare. Che almeno si parli se si è informate, altrimenti si taccia.
    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio voleva essere soltanto un modo per riderci su, veramente, come abbiamo fatto su altri millemila argomento. Ma è vero che è un argomento che ci tocca molto profondamente... si parla di salute, non di passeggini e fasce...

      Elimina
    2. ci vuole coraggio sì a non vaccinare...capisco le paure delle persone, i medici secondo me ripeto dovrebbero insistere di più. giusto per rendersi conto...non tocchiamo più con mano certe malattie noi

      Elimina
  7. io ho vaccinato mio figlio quasi per tutto, nonostante questo la cosa che mi lascia perplessa è che i pediatra troppo spesso liquidano effetti successivi ai vaccini, come non legati ai vaccini. Probabilmente è anche così, ma io vorrei segnalassero in modo che vengano fatte le opportune verifiche, altrimenti mi viene il dubbio che nelle statistiche ufficiali gli effetti collaterali siano pesantemente sottostimati. Comunque questo post mi pare abbastanza superficiale, onestamente. Capisco la voglia di sdrammatizzare, ma boh, a me non ha fatto ridere granchè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sta, a volte, di non far ridere! Andrà meglio la prossima volta :)

      Elimina
  8. Ciao,premetto che ognuno è libero di pensare quello è concordo con te sull'importanza dei vaccini ma perché tutta questa arrabbiatura?purtroppo è vero che qualcuno viene danneggiato dal vaccino (prova a vedere la pagina Facebook del cammino di Nicola) ed è anche vero che una qualsiasi mamma a vedere certe cose un pensiero ce lo fa.. e se si limita a quello è la fine.
    Io la mia bimba l'ho vaccinata ma non a cuor leggero.
    Credo che l'approccio migliore sia una consapevole informazione,è triste pensare che certe mamme si affidino a Blog ma è anche triste che non ci sia una rete di sostegno territoriale che comprenda anche il supporto informativo su argomenti come questo.
    Tu però non t'arrabbiare che sei ufficialmente in vacanza ��.

    RispondiElimina
  9. Credo che nessuna di noi mamme vaccini a cuor leggero!

    RispondiElimina
  10. E comunque, tranquille, c'è pure la sfumatura che non ha vaccinato. O meglio, ha iniziato, a denti stretti, ai 4 anni, ed è ancora alla prima dose. Ma io, si sa, adoro odiolecasefarmaceutiche.net ;-P

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  12. Eh sì, vedo che anche chi vaccina ed è convinto comunque generalmente le preoccupazioni ce le ha.... i vaccini sono comunque una delle più grandi invenzioni .....malattie ormai quasi scomparse....non è una cosa da poco. Vi vorrei far leggere questo post ....non è scienza, è solo un parere di una persona, ma è una riflessione extra
    http://www.mammaciporti.it/sul-perche-e-necessario-vaccinare-i-piccoli-viaggiatori/

    RispondiElimina
  13. Ragazze vi ammiro....io ho una fifa matta...a mio figlio ho fatto i tre esavalente e STOP. Almeno per ora....a 3 anni ne riparleremo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, almeno tu non giudichi chi li fa ...grazie, è una cosa bella ogni tanto trovare persone così. Se hai paura ....è più che comprensibile. Ps ...voglio un vaccino contro i virus intestinali!!!! non se ne esce più qui :-(

      Elimina
    2. @Ladynera : si chiama ROTAVIRUS, lo puoi fare subito con il primo giro di vaccinazioni ai 3 mesi, ma dovresti informarti se si può fare anche dopo (credo di sì). Mi pare di aver letto sopra che sei anche tu veneta, io sono di Padova, e il mio primo figlio l'ho vaccinato anche per il rotavirus. Non esclude i virus enterici in toto, ma limita di moltissimo sia la durata che il numero di infezioni l'anno. Credo che lo rifarò anche con il secondo figlio.

      Elimina
    3. Io di Verona :-D Ora che ci penso forse ne ho sentito parlare...allora non era un mio sogno?? Esiste!! Sarà la prossima domanda che farò al pediatra!! Grazie!!! Maledetti...... quando prende uno di questi virus il piccolo non se la cava tanto in fretta... Per fortuna che almeno stavolta non vomita e non è disidratato! Anzi, direi che a parte quello che esce da lui e il culo in fiamme....sta benissimo :-) Grazie ancora !

      Elimina
    4. Piccinino immagino. Noi invece è il contrario: lui se la cava con qualche ora di malessere (vomito solo 2 volte in 3 anni, dissenteria un pò di più ma mai più di 24h), ma in compenso stende me e suo padre (oltre a eventuali nonne, zie, ecc.. che per sfiga si trovano a passare dalle ns zone proprio in quei momenti), e a noi invece non bastano 2 gg per rimetterci in piedi!!! :(((((

      Elimina
    5. 16 mesi...io tremo ogni volta, perchè di solito sono delicata ....io però vomito solo , magari 20 volte in una mattinata, poi passa. E non dimagrisco.... Ma da quando l'ho presa di brutto all'ottavo mese di gravidanza solo passando in pediatria dove era ricoverato nano 1, non ho più avuto niente di chè. Quella volta invece...5 ore in pronto soccorso con una flebo per reidratarmi, punturona di plasil nella chiappa (non ricordo se doppia) e cestino dall'altro lato per vomitare...sotto tracciato per controllare... sono uscita distrutta, pallida, prosciugata. Ma solo vomito per fortuna eh ;-) Da allora......incrocio le dita ma reggo bene!

      Elimina
  14. Non intendo entrare nel merito dei pro o contro, me ne guardo bene!
    Io ho vaccinato e lo rifarò col secondo. Punto. Non a cuor leggero, non prendo nemmeno la tachipirina se posso evitarla. Ma come dici tu, le decisioni vanno prese dopo aver letto dati scientifici comprovati e da fonti sicure, ponderato bene, e valutato altrettanto bene cosa si è disposti a rischiare. D'altronde non è lo stesso tipo di decisioni che dobbiamo prendere da quando scopriamo di essere incinte? Non mi sembra diverso dal dover decidere se fare o non fare indagini prenatali invasive mentre mi risulta che molte mamme della fenomenologia descritta non ci pensano su due volte a fare una villocentesi, però cacchio il vaccino no eh?! (????)
    p.s. allora quando vi candidate???? Io vi voto eh? :D ;)

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. Scusate l'off topic, ma noto qui sotto nel CHI SIAMO una serie di UNKNOWN: vi siete moltiplicate tipo virus (tanto per rimanere in tema :D ) o c'è qualche disguido/infiltrato nel sito?
    ;)

    RispondiElimina
  17. Vi ringrazio per aver scritto un post su un argomento che mi sta molto a cuore. Capisco che lo spirito di questo blog, e magari anche le competenze delle autrici, influenzano il tono con cui se ne parla (adeguatamente ironico e leggero). Per un approfondimento sulle ragioni scientifiche dell' importanza dei vaccini consiglio sempre il blog di Salvo DI Grazia, un medico con il dono della divulgazione che spesso manca a noi scienziati. http://medbunker.blogspot.nl/p/lista-dei-post.html
    Infine una piccola petizione: vi prego, cambiate il font dei commenti, avrei tanto voluto leggere la discussione ma mi viene il mal di testa con questi caratteri!!! (e poi mi devo prendere l'ibuprofene e arricchisco big pharma!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Sara grazie del link, sono andata a leggere e trovo molto esaustivo oltre che chiaro. Divulgherò senz'altro per condivisione, poi ognuno è libero di pensare e fare come crede.

      p.s. SOTTOSCRIVO LA PETIZIONE SUI FONT !!! :))))

      Elimina
  18. anche io sottoscrivo...cambiatelo!! :-D

    RispondiElimina
  19. Devo ammettere che quando è nato il mio primo figlio, al momento dei vaccini, ho tentennato anch'io. Scrissi un post su facebbok: Vaccini si, vaccini no? E si aprì l'inferno. Amiche di vecchia data diventarono nemiche giurate. Mamme contro nonne, nonne contro tate..insomma l'apocalisse era vicina. Complice quell'unico neurone ancora salvo, dopo notti in bianco, allattamento a richiesta eccetera eccetera, ho chiesto aiuto al compagno di mia madre, dottore.
    Ha letto per me molti articoli, si è informato su siti attendibili (e si ragazze mammole &co non lo sono!) e soprattutto ha fatto un giro nel reparto di pediatria del suo ospedale. Mi ha fatto un report dettagliatissimo che vi traduco in soldoni.
    1) per la mamma che se vaccini alimenti l'industria dei farmaci.
    Amica, se non vaccini e tuo figlio ( cosa che non auguro mai, ma mai ma proprio, mai mai mai a nessuno) si prendesse una malattia qualsiasi e avesse delle complicanze, sappi che l'industria farmaceutica ci sguazzerà su tuo figlio. Altro che vaccini (che molti sono pure gratis) le cure le pagherai e le pagherai carissime.
    2) probabilità e statistiche. Io sono laureata in lettere ma per capirci: le probabilità che il vaccino faccia male sono 0.00000000000001%. Nel 2010 le probabilità che tuo figlio si ammalasse se non lo vaccinavi erano 0,0000004%, che avesse delle complicazioni se si ammalava 0,00000003%. Oggi 2015 le ultime due voci sono al 1% e allo 0,5. Sapete perché? Perché tanti genitori, male informati non hanno vaccinato e stanno tornando malattie quasi debellate e tornano in forme molto più forti.
    3) autismo e vaccini.
    Non ci sono studi che dimostrano la correlazione tra le due cose. È vero però che le prime diagnosi di autismo coincidono con il primo vaccino perché è lì che i bambini iniziano a riconoscere il mondo attorno, i genitori, a sorridere ecc... E dunque può capitare che il pediatra diagnostichi l'autismo proprio in concomitanza con la prima iniezione.
    Il ministero non ha fatto un gran lavoro per esorcizzare queste paure anzi, se vogliamo, le ha amplificate. Spesso, anzi quasi sempre, non si presentano ai processi. Ma questa è solo la solita mala politica, lassista e assenteista. Ben vengano i risarcimenti alle famiglie( visto anche che per l'autismo si fa pochissimo).
    io sono stata fortunata. Ho avuto chi mi ha illuminato. Di figli ne ho 2 e li vaccino anche per le cose non obbligatorie. Vaccinate, vaccinate è la cosa giusta!

    RispondiElimina
  20. Grazie Valeria, faccio tesoro del tuo commento! Ero già convinta (sempre con quella piccola percentuale di dubbio/ansia/paura naturale nell'essere mamma....e meno male, perchè se non avessimo dubbi non ci faremmo domande e non approfondiremmo mai nulla bevendoci di tutto) ma una conferma in più non fa male ;-)

    RispondiElimina
  21. Dico la mia breve breve. Ho vaccinato il mio piccolo di 18 mesi su tutto. Tranne meningicocco B e trivalente. Ho paura ho paura e ripaura. Con il vaccino metto io qualcosa dentro a mio figlio e questa è una grossa responsabilità . Non è fatalità è scelta. A volte preferisco la prima. Il sistema immunitario comunque forse regge meglio quando è al top. e chi ci dice se un bimbo ha preso qualcosa di grave dopo un vaccino ??? Nessuno perché prima di un vaccino a parte l' apparente salute nessun esame clinico ci dice che il bimbo è ok e dopo non lo sarà più . E poi smettiamola di paragonarci All' Africa dove cibo acqua e igiene sono totalmente diversi e talvolta inesistenti . Invece di vaccinare che può essere si positivo pensiamo piuttosto a far loro il necessario la possibilità di un sistema immunitario che è capace di difendersi perché mangia e beve in quantità sufficienti e vive in condizioni igieniche meno precarie. Con questo non sono pro o contro . Però per me vaccinare è come pungere mio figlio senza sapere se è allergico o meno agli imenotteri

    RispondiElimina
  22. Pungere con un calabrone ... Comunque io ho riso e se l' obiettivo era descrivere un tipo di mamma a me è piaciuto anche se a qualcuno può essere sembrato un commento superficiale ... Io penso sia stato inteligente e ironico a sufficienza ... Intanto ha smosso gli animi e lei lo sapeva vero ??

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...