A Natale è bello cambiare idea!

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone



Il mio albero d Natale

Avete presente tutte quelle foto di belle case decorate a festa di cui sono piene le riviste in questo periodo?

Le guardate e vi sembra di sentire calore e profumo di pandizenzero, di arancia e di cannella.

E avete presente casa vostra?

Non ci siamo, eh?

Già vi sento:

non ho tempo, non ho soldi, non sono capace.

Bla, bla, bla.

Scuse, care mie!

La verità è che ci vuole poco, pochissimo, e anche la vostra casa sembrerà uscita dalla copertina di una rivista patinata.

Prima regola: semplicità.

Non occorre strafare, non serve caricare, niente esagerazioni: poco è meglio di troppo. 

Sempre.

Inutile riempire ogni angolo di casa, fare 37 alberi, mettere più luci che a Disneyland, col risultato di avere casa che pare il camper di Moira Orfei.

L’albero?

Io scelgo un abbinamento di massimo due colori (che è Natale, non Carnevale!), palline tradizionali, lucine chiare, feltro, biscotti di pandizenzero e stecche di cannella che danno alla casa quel profumo di Natale.

Se non voleste cimentarvi nella produzione di biscotti, potreste facilmente trovarne a un paio di Euro di già pronti da appendere, et voilà!

Arriva il profumo?

E la cannella?

Al supermercato, in stecche.

Legate insieme con un nastrino un paio di stecche per volta ed è fatta.

Ve l’ho detto che non serve tanto tempo, né tanto denaro!

Non occorre stravolgere casa.

L’atmosfera si ottiene facilmente, con qualche candela:

una in un angolino in cucina



Non avvertite già un bel tepore?

una in salotto

e una che, con un piattino e una corona di pino da un paio di Euro, diventa in un attimo un centrotavola velocissimo da realizzare per una cena o per un pranzo.

Et voilà!

E se avete voglia di appendere qualcosa ai muri ma anche per voi mettere un chiodo può significare rispettivamente 


andare a trovare il vicino di casa causa crollo della parete o la necessità di un trapano a percussione 
perché altrimenti il muro vi fa il gesto dell’ombrello,
non vi resta allora che  utilizzare quella genialata scovata da Anya: le strisce appendiquadri Command.
 
 
Di certo non mi sarei mai messa a bucare pareti per appendere quadretti natalizi, e immagino nemmeno voi.
 
Saremo mica matte?
 
Ma da quando ho scoperto l’esistenza di queste meravigliose strisce appendiquadri CommandTM, chi mi ferma più?
 
Cosa appendere?
 
Un disegno dei vostri bambini, un lavoretto fatto insieme, una stampa natalizia…quello che volete!
Merry Xmas

Basta una manciata di minuti, giusto il tempo necessario ad applicare le strisce e il gioco è fatto!


Sembra o non sembra un normale quadretto? 
Invece, c’è il trucco!

E una volta passate le feste, basterà un attimo per eliminare tutto e riavere il vostro muro come nuovo. 

#ilbellodicambiareidea, no?

Tags from the story
, , ,
Written By
More from Klarissa

Il cuore è un album delle figurine

Share this... Qualche giorno nelle Langhe, tra colline, vigneti, aziende agricole, paesaggi...
Read More

7 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *