giovedì 28 gennaio 2016

Non cambierò perché sono mamma



Ci ho pensato. Lo so che sarò impopolare ma no, non cambierò perché sono mamma.

Non diventerò un'acida incazzata per tutto, di quelle che sparlano dietro le altre mamme perché non hanno altri passatempi se non fare confronti per sentirsi migliori.

Non diventerò nemmeno una di quelle noiosissime donne che parlano solo di figli, di scuole dei figli, di bravura dei figli... ma una vita no?!

Non diventerò nemmeno nonna papera: cucino da quando non vivo più coi miei e sì, mi piace, ma di certo non cucino per la prole e cucinerei anche se loro, con la loro pasta in bianco, le carotine crude e la mela, non ci fossero.

Non mi lascerò andare perché tanto ormai sono madre. Perche una madre non può pensare a sé, non può avere delle ambizioni, non può essere carina e giovane e dinamica perché se no per forza c'è qualcosa che non va.

E sapete che? Fanculo.


Sarò quella che sono sempre stata. Ho 33 anni, sono una ragazzina, cazzo! Continuerò a dire parolacce. Continuerò a mettermi le minigonne. A farmi gli impacchi di intrugli per i capelli (certo, per poi fare la doccia con loro, per carità). Non sfornerò torte ogni giorno, perché cacchio non lo sapete che le torte fanno ingrassare? E io non voglio ingrassare, io voglio essere in forma per poi non lamentarmi ooooooh come sono sfatta, va beh mangiamo un pezzettino di torta sette strati di cioccolato e tre di panna per consolarci.

No, mi dispiace, io non voglio diventare uno stereotipo. Non sono così e non mi adeguerò solo perché così SEMBREREI una madre migliore.

Non si è madri migliori perché non ci si prende cura di sé.
Non si è madri migliori perché non si lavora.
Non si è madri migliori perché non si dicono parolacce.
Non si è madri migliori perché non si fanno i cupcakes tutte le domeniche.
Non si è madri migliori perché si gioca alla supercazzola, all'omino volante, a mi nonna in cariola, e nemmeno perché si insegna a leggere a 3 anni o si portano a fare ottanta corsi.
Non si è madri migliori perché si parla sempre e solo di figli, non si hanno interessi che non siano la prole e non si comprano vestiti solo a loro.

Vi dico una cosa: le madri migliori non esistono. E quindi io continuerò ad essere me stessa, a non rispondere ad alcun modello, a fare quel che cazzo mi pare.

A cantare come una scema, a tirare porconi in auto, a farmi lo scrub e lasciarle a casa per andare in palestra, a vedere le mie amiche, a ubriacarmi con chi mi va (e pure da sola, se serve), a urlare quando sono stanca, a rimandare la roba da stirare, a pregare che vadano a letto presto quando sono stanca, a essere viva, donna, giovane e felice.

E voi dovete fare lo stesso, perché un giorno vi guarderete indietro e il tempo che avrete perso a tentare di essere "perfette" (e a lamentarvi perché non lo siete) non ve lo ridarà nessuno.

E fanculo agli stereotipi della mamma perfetta.

Mi tengo le mie imperfezioni. Come si dice? A loro piaccio così.

42 commenti:

  1. Ti adoro è ufficiale caxxxxxx!!!!
    Kiki ;)

    RispondiElimina
  2. Un po' condivido e un po' trovo del menefreghismo/egoismo.
    In ogni caso, complimenti per il blog!
    Mamma notaio

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. E perche' egoismo? Mica tolgo niente a loro!

      Elimina
    2. Sei sicura? Questo sarebbe da chiedere ai figli.
      "Bimbi cosa pensate della mamma ubriaca?"

      Elimina
    3. Non so, non bevo quando devo occuparmi di loro. Bevo quando loro non ci sono. E non sono mai stata male una sola volta in vita mia, ne' prima di avere loro, ne' dopo. Bere e' una delle gioie della vita, insieme al sesso, al cibo, ai viaggi, ecc. Smettiamo di fare il resto? Beh, forse qualcuno si', ma io no, grazie. Eppure le mie figlie le vedo bene, eh.

      Elimina
  4. tempo fa parlando della mia infanzia con mia mamma le raccontai di un episodio che la riguardava. lo dissi così, per parlare ma lei ci rimase molto male. ancora giorni e giorni dopo mi disse che lei aveva sacrificato la sua vita x i figli e a sentire quello che dicevo io non ne era valsa la pena. mia mamma era casalinga. c'era al ritorno da scuola ma c'era troppo se volevo fare una telefonata. sfornava torte e pasta fatta in casa alla domenica ma non mi ha mai portato al parco. la casa era perfetta ma lei sembra più giovane adesso di quando aveva la mia età. ecco, no. non è stata sicuramente più perfetta di me che faccio e sono l'opposto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! Anch'io ho questo ricordo di mia mamma. E io avrei solo voluto una mamma felice, spensierata, che viveva il suo tempo... Per fortuna lo vive adesso!

      Elimina
  5. Io penso che, come in tutte le cose, la strada corretta sia quella della mezza misura.....non bisogna annullare sé stesse per il fatto di essere diventate madri, ma nemmeno pretendere di fare come si faceva prima che arrivassero i figli... rinunciare a qualcosa per il benessere di qualcun'altro che si è comunque "voluto" e "desiderato" mi sembra la strada più giusta...altrimenti i figli lasciateli dove sono ecco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d'accordo! Ma restare se stesse e' ben diverso da continuare a fare tutto quello che facevamo prima... Che poi anche fare quello che facevamo prima... Cosa? Viaggiare? Io viaggio, con loro, adeguando i viaggi a loro. Divertirsi? Io mi diverto, senza e pure con loro! Non bisogna trasformarsi in qualcuno che non si vuole essere perche' lo richiede la societa'!

      Elimina
  6. Non sono d'accordo. Facile dire "a loro piaccio così". Nemmeno i bimbi abusati o picchiati cambierebbero i loro genitori!! Che ne sanno loro di come sia una mamma diversa? Una mamma che rinuncia alla palestra perchè il tempo per stare con i figli è poco, una mamma che rinuncia anche alla taglia 40 perchè sì la torta farà ingrassare, ma è meraviglioso mettersi a cucinare con i propri figli e mangiarsela poi tutti assieme. Per me c'è molta differenza tra la mamma agnello sacrificale e la mamma che mette al primo posto i figli e il tempo con loro, pur sacrificando così un pezzetto di sè.
    M

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, i bimbi abusati e picchiati credo che i loro genitori li cambierebbero, eccome!I figli sono sempre al centro dei nostri pensieri, anche quando siamo in palestra con le amiche. Una cosa non esclude l'altra. Insomma, si puo' e si deve essere mamma senza rinunciare a essere se stesse e anche a poter fare qualcosa che ci piace, tutta per noi. A me personalmente non importa rinunciare allá palestra perché sono una pigrona, pero' non rinuncio al cinema o all'uscita con le amiche. Certo adesso la bimba ha la varicella e non mi interessa non poter uscire, anzi sono ben contenta di stare a casa perché e' con me che si sente meglio..alla fine ci regoliamo no?
      Martina

      Elimina
    2. No, non sono d'accordo. Paragonare i figli abusati a chi non vede la mamma per mezz'ora perche' va in palestra... Io in palestra prima ci andavo in pausa pranzo, perche' non avevo altro tempo. Ora che ci passo parecchio tempo, eccome se ci vado anche quando loro sono a casa! E se la torta loro non la mangiano, che la faccio a fare? Per fingere di essere brava, per dire guardate che mamma perfetta, faccio la torta! Me la dovrei mangiare tutta io per non sprecare cibo, allora col cavolo!
      Le mie figlie mi ripetono continuamente che a loro piaccio: per come faccio le trecce, per come scarico le canzoni e gliele insegno, per come parlo le lingue, per tutte le storie che leggo e i baci che do. Me lo dicono proprio, eh. E io ci credo, perche' so di fare del mio meglio pur restando me stessa, pur senza torta o art attack.

      Elimina
  7. Mi piace e mi ci ritrovo!
    Martedì sera mentre mi preparavo per uscire a cena da sola con un'amica mi sono versata anche un bicchiere di vino bianco mentre aspettavo che mi venisse a prendere
    Mia figlia mi diceva con occhi sognanti che le mie scarpe tacco 12 domani le avrebbe volute lei (per la serie insegniamo da piccole a distinguere scarpe belle da quelle brutte!!!)
    Sempre mia figlia guardava sognante il mio rossetto e mio figlio mi diceva che ero bella è che era felice che io prendessi un aperitivo. Per lui che ha 4 anni si esce solo per aperitivi...chissà da chi ha imparato?!?
    Non ho tolto nulla ai miei bimbi. Li h o lacci sto a casa con il loro papà che è' un gran bravo papà!
    La loro mamma si è' divertita e il giorno dopo era più felice (questo aiuta tutti anche loro!).
    Non è' egoismo! È' vita
    I miei figli sono tutto per me ma a volte occorre staccare e dedicarsi tempo e cure per noi
    Il premio mamma migliore non aspiro a vincerlo a me batta sapere di aver dei figli felici (felici anche sapendo che la loro mamma esce e si diverte con un'amica!).
    Si può essere mamme donne lavoratrici amiche amanti...giusta dose per tutto e sommato insieme esce la Vita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! E come vorrei avere il ricordo di una mamma felice... Non per me, per lei! Sono tanto contenta che ora lo sia, ma quando ero bambina non lo era.

      Elimina
  8. Un'ultima cosa... Leggendo alcuni commenti capisco che c'è chi non ha compreso il senso del post
    È' limitante pensate che se uno esce con un amica o va dal parrucchiere poi non fa la torta con i figli
    Non è' giusto che si esce tutti i giorni ma non credo sia altrettanto giusto far torte tutti i giorni...sai che noia poi
    Tutto se ripetuto diventa abitudine e perde di magia
    Ripeto c'è posto e tempo per tutto... Siamo donne ricordiamocelo! Abbiam risorse incredibili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michy Mommy, condivido tutto! La scena che hai descritto mi ha ricordato una cosa che mi ha detto un'amica, molto più giovane, adolescente insomma. Era felice quando la sua mamma si prendeva la serata pizza e film con amiche, e la aiutava anche a truccarsi e poi si faceva raccontare. Chi se ne frega se mamma ti fa la torta o te la compra..ogni figlio vorrebbe vedere il sorriso sul viso della sua mamma, prima di tutto. O sbaglio? E poi appunto non è che se pensi un po' a te automaticamente non sei in grado di fare torte etc.

      Elimina
    2. Esattamente! Ma molte sono piu' attente al giudizio altrui che a fare veramente quello che le rende felici e che puo' rendere felici i propri figli... Anche per le mie figlie le mie uscite restano avvolte in un mistero affascinante, mi chiedono cosa ho fatto, con chi ero, mi dicono che sono bella quando mi preparo... E io sono contenta!

      Elimina
    3. Ed è una cosa bellissima...

      Elimina
  9. Sai cosa penso? Che tu faccia bene!
    Anche, però, che forse le mamme di cui parli fossero così anche prima: c'è chi ha bisogno di un ruolo prestabilito, per vivere, e chi no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo! Pero' tante si fanno schiacciare dal giudizio!

      Elimina
  10. Ma perché esistono mamme perfette!??!!?Ognuno deve cercare e provare a trovare il proprio equilibrio come donna mamma persona!!Cioe' hai 33 anni!!??!!? Ecco io ti invidio l'età!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah grazie :) Li hai avuti anche tu immagino :D
      Esistono persone che ti fanno credere che le mamme perfette esistano... C'e' chi ci crede, si', purtroppo!

      Elimina
  11. IO NON SONO MAMMA PERCHè PURTROPPO NON POSSO.
    fORSE NON POTRò DIRE LA MIA OPINIONE MA HO DECISO DOPO AVER LETTO TUTTI I COMMENTI DI ESPRIMERE UN PICCOLO PENSIERO.
    sI NASCE DONNE E POI SAREMO MAMME.
    uN FIGLIO COMPORTA SACRIFICI CERTO, MA NON UN CAMBIAMENTO ASSOLUTO DI CHI SIAMO E COSA SIAMO DIVENTATE. mA PENSIAMO UN SECONDO RINUNCIARE A TUTTO PER TUTTA LA VITA O FINO A QUANDO TUO FIGLIO NON è GRANDE? nON PENSATE CHE SIA FRUSTRANTE?
    cREDO NELLE "SFUMATURE", NELLE VIE DI MEZZO COME GIUSTO COMPROMESSO PER VIVERE BENE IN EQUILIBRIO CON NOI STESSE E CON L'ALTRO, A MAGGIOR RAGIONE CON UN FIGLIO.
    iO CONCORDO IN PIENO CIò CHE HA SCRITTO, LO TROVO VERO E CONCRETO.
    a PRESTO
    MARZIA
    WWW.QUELLOCHEUNADONNADICE.BLOGSPOT.IT

    RispondiElimina
  12. "A cantare come una scema (e andare ai concerti Rock/Metal), a tirare porconi in auto (grazie per non farmi sentire meno pazza! :D ), a farmi lo scrub e lasciarle a casa per andare in palestra, a vedere le mie amiche, a ubriacarmi con chi mi va (e pure da sola, se serve), a urlare quando sono stanca, a rimandare la roba da stirare, a pregare che vadano a letto presto quando sono stanca, a essere viva, donna, giovane e felice."
    Sottoscrivo tutto e confermo che anche per me meglio un mamma felice e serena per come è se stessa, piuttosto che una sclerata per adattarsi ad un modello che non le appartiene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente! Io preferisco passare un'ora a ballare e cantare con loro invece di pitturare... e che ci posso fare? Niente, non diventeranno Picasso :P

      Elimina
  13. Concordo.....io mi prendo molta cura di me, in palestra tornerò non appena possibile, se mi dovesse capitare un'uscita con le amiche ben venga tanto lo lascio con il papà mica con un estraneo ma faccio anche torte perché amo cucinare......ma mi sento una brava mamma in barba a chi può pensare il contrario...

    RispondiElimina
  14. Mi avete fatto pensare a due donne che conosco, mamme. Una, che mi si è posta fin da subito come maestra mamma perfetta, a dirmi tutto su medicine pannolini e pappette....in realtà bigotta, non ha proprio nulla da insegnare. è una sorta di pessima copia di nonna papera. Ci prova, ma fa angoscia anche a preparare la torta della cameo già quasi pronta. Critica chi si cura, ma lei non fa altro che passare le giornate da mamma, lavora poco e si piazza da sua madre e si lamenta. Parla solo di figli e medicine da quando è mamma, o a volte con nostalgia dei viaggi. L'altra, la criticata, lavora anche 10 ore al giorno certi periodi. al contrario di questa ha deciso di fermarsi a un figlio, perchè è stata onesta con se stessa,non ce la farebbe. Non so come faccia, forse perchè non perde tempo a lamentarsi...comunque è criticata perchè lei ogni sabato va dal parrucchiere. sono un gruppetto, le parrucchiere sono amiche, è un momento di cura di sè, di chiacchiere al femminile, di relax, di tempo per sè. E trova il tempo per le montagne russe con suo figlio, di passeggiate, di compiti e di incazzature. Cucina da dio, prova cose nuove. Indovinate quale famiglia è più felice? Per me questa ragazza è un esempio di come si possa continuare ad essere se stessa pur essendo mamma. Non è wonder woman, non è facile, ma è felice. L'altra è l'emblema della frustrata e acida. e rompe le palle infatti, e parecchio uuuuuh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo racconto, per me, fotografa un esempio perfetto di tentativo di essere una buona madre stereotipata e di tentativo di esserlo compatibilmente con quello che si è senza preconcetti e percorrendo la propria strada.
      Lo stereotipo irraggiungibile che non ti appartiene non ti rende felice, ti frustra, ti inacidisce e ti fa pure venire quelle orribili rughe all'ingiù da infelice.

      No, grazie.

      Elimina
    2. Concordo, e guarda che hai ragione anche sulle rughe eh

      Elimina
    3. Sai quante critiche mi prendo e mi prenderò perché come la tua amica non me la sento di avere un secondo figlio..sai quanto mi sento in colpa perché in fondo io sento sollievo all'idea di riavere un po ' di libertà man mano che mio figlio cresce..sono sbagliata forse ma sono così. La maternità mi ha cambiata e mi costringe a forzare la mia natura ogni giorno ma non certo radicalmente..voglio essere me stessa :)

      Elimina
    4. Eh immagino, anche perchè mi racconta anche lei, e sono sicura anche che ce l'avrebbe fatta bene. Purtroppo vedo gente in gamba rinunciare, e fa bene perchè se non ti senti pronto, non è il caso. E gente che invece non ce la fa, finalmente riemerge dal periodo di cacca dei primi anni e si butta in questa avventura senza averne non solo le forze fisicamente e psicologicamente, ma nemmeno il desiderio, solo perchè si fa, pechè bisogna dare un fratello/sorella.. se ci sono problemi tipo l'altra mia amica che non ha aiuti ad esempio, ma il desiderio di allargare la famiglia c'è, allora si può posticipare, si può tentare di vedere come fare... ma se uno nemmeno vuole, o è solo uno dei due a volerlo, allora si tratta proprio di essere imbecilli e irresponsabili. E poi criticano persone come te e la mia amica.... lo so, la gente sta davvero male. Tu va per la tua strada, sennò sai che rughe dopo ;-)

      Elimina
    5. Ahahah guarda, ti abbraccio virtualmente perché hai centrato il punto..io in certi momenti romantici mi sembra di volerlo (anche se adesso obiettivamente non potrei) ma poi temo sia solo l'influenza altrui e non voglio assolutamente rischiare di compiere un passo così importante per poi non reggerlo fisicamente e psicologicamente. Mettici poi che ho due nipoti che adoro e con i quali sta crescendo mio figlio..che, se vuoi ridere, è stato già definito il figlio della paura se rimanesse unico...!argh che stress!

      Elimina
  15. Non posso che essere dd'accordo con Anya, che non ha detto: faccio tutto quello che facevo prima infischiandomene delle mie figlie, ma ha detto: faccio la mamma a modo mio essendo me stessa e cercando di essere felice, ovviamente rispettando le mie bambine.

    Poi io le bimbe di Anya le conosco e sono felici e solari come la madre, anzi di più: non c'è insegnamento più grande dell'amore per la vita e della gioia di stare al mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male c'e' chi mi conosce :P

      Elimina
  16. Penso che per ciascuno di noi la felicità sia un qualcosa a sè, ciò che rende felice me può far sentire stressata un'altra donna e viceversa. Io ho lasciato temporaneamente il lavoro per crescere al meglio (secondo il MIO modo di vedere le cose) i miei 2 bambini... un lavoro che amo e che mi permetteva di guadagnare mooolto bene! Per me, però, stare con i miei figli è come possedere tutto l'oro del mondo e se ora devo fare dei "sacrifici" come una vacanza, una cena, un vestito in meno, poco importa! Avrò tempo tutta la vita per lavorare e per fare quelle cose, invece loro cresceranno e il tempo non dedicatogli sarà stato perso! Vedere il loro sorriso al mattino appena svegli, ballare, cantare, leggere, giocare, cucinare, pulire, truccarsi, pettinarsi, uscire, andare dalla parrucchiera o dall'estetista, ma anche fare colazione o l'aperitivo con loro e le mie amiche al bar mi rende MERAVIGLIOSAMENTE serena, allegra, appagata... Con i miei figli, io mi sento LIBERA, posso fare TUTTO! Ciò che mi permette di fare tutto questo è il tempo che io stessa (e naturalmente mio marito) ho dedicato alla loro educazione, se fossero stati con nonni, baby sitter, educatrici o maestre non potrei concedermi tutto questo! Logicamente per ognuna di noi è giusto seguire i propri istinti, l'importante è NON giudicare chi fa scelte diverse dalle nostre!!! Chi giudica non è appagato da se stesso e dalle propri scelte, è solo carico di invidia ed è quindi poco sereno!!! AMEN!

    RispondiElimina
  17. Ciao, io ho 4 figli, voluti tutti, e mi è andata anche bene, ho passato delle gravidanze splendide in forma senza problemi nè malesseri quindi sicuramente questa botta di culo ha aiutato a desiderarne e a imbarcarmi di nuovo nell'avventura ogni volta. mi piace essere mamma e non credo di essere mai cambiata tanto infatti, mi sono evoluta e adeguata e adattata alle situazioni ma non mi vedo (e non mi vedono gli altri) stravolta... sono sempre io. fisicamente perchè ho avuto fortuna di perdere tutti i kg, ma anche psicologicamente. si matura certamente, ma non mi sento repressa. certe cose le ho abbandonate spontaneamente, sì non si può far sesso tutte le sere, sì si passano intere settimane tra termometri bacinelle di vomito e tachipirina, ma poi passa e son periodi. quindi non mi sento appesantita dal sacrificio. posso veramente dire di essere sempre io solo più matura e felice. no che sia sempre tutto rose e fiori, però ecco, non hanno stravolto la mia vita. l'hanno incasinata, arricchita, resa chiassosa, i pavimenti è vero sono appiccicosi anche se lavo e lavo. quindi Anya, eccomi, io non sono cambiata, e sono pure 4. grazie per averlo detto, il vostro lavoro di decostruzione degli stereotipi su di me non serve perchè sono già a posto, ma aiuta le altre, magari un giorno riceverò meno critiche (anche se me ne frego) e il mondo sarà più felice se ci sono mamme più felici perchè restano se stesse. esere mamma è qualcosa che può essere grandioso se si è anche se stesse. naturalmente c'è chi si evolve di più e cambia di più e chi invece meno, ognuna ha il suo modo.

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...