Come crescere dei figli che siano perfetti…

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Dopo aver capito come si crescono figli felici, ho finalmente capito come si crescono figli perfetti

1) Tenerli infanti fingendo di renderli precocemente autonomi

Un classico: a 3 anni si rifanno il letto, a 2 si allacciano le scarpe e giocano con le tazzine di vetro, in pieno spirito montessoriano. 

E poi?

Poi a 4 anni hanno 48 mesi, se hanno sete c’è ancora la tetta di mamma‘ e se si stancano di camminare, li mettiamo nella fascia. A 4 anni. No, a 48 mesi.

E quando a 6 anni la maestra ci fa notare che il bambino non è autonomo come gli altri:

Ma come?! Mio figlio, guardi, a 8 mesi mangiava da solo!

Già, ma ora che ne ha 72 di mesi com’è che non sa sfilarsi la felpa o tenere in ordine un astuccio?

2) Giustificarli sempre.

Sempre e comunque.

Il bambino ha sempre e dico sempre un’ottima ragione per essersi comportato in un certo modo (tipo aver sputato addosso alla maestra…), per aver detto qualcosa (tipo aver sfanculato la bidella) o per aver fatto o non fatto qualcosa.

E visto che ha un ottimo motivo per aver/non aver fatto/detto qualcosa, il mondo deve saperlo e deve comprenderlo.

Ovvio, no?

3) Intervenire. Sempre. Comunque. Di continuo.

“Oddio, tu! Che fai?” seguito da, a turno: 

“Non accarezzarlo così forte, gli fai male!”;
“Non spingerlo!”
“Non è vero, non ti ha detto scemo, ti ha detto stupidino!”
“Noooo, ho visto io che hai dato un calcio prima tu!”

Bon, quando a 40 anni litigheranno col capo che non dà loro l’aumento, state pronte a trattare al suo posto.

Sì, anche con la nuora che non la smolla o a cui non piace la tal pratica sessuale.

4) Insegnare al bambino che ha sempre ragione

Ora…io lo capisco, eh, perché io ho sempre ragione, e dico davvero, eh!…ma, insomma!, un 4enne o un 5enne, prima di arrivare alla mia altezza hanno ancora un pochetto di gradini da salire, eh!

5) Non far fare i compiti

Perché il bambino si stanca.
Perché il bambino deve giocare.
Perché, e questa è la migliore, il bambino deve fare il bambino.

No, mi spiace, il bambino fa quello che chiede la maestra, maestra che deve essere riconosciuta come l’autorità.
Poi, al limite, se proprio proprio credo di avere qualcosa davvero da dirle, gliene parlerò io, in separata sede e senza che i bambini lo sappiano. 

O a 14 anni potrebbero sentirsi in diritto di dire al vigile che li multa perché sono in motorino senza casco che stanno solo facendo i ragazzi.
Come mamma ha insegnato loro.

6) Eliminare i problemi 

Non vai d’accordo con la maestra?
Nessun problema, cambiamo classe.

A scuola ti menano? 
Cambiamo scuola.

Al parco ti prendono in giro? 
Cambiamo parco. 
Anzi, meglio, restiamo a casa e compriamo il DS.

Il tal bambino ti ha dato un calcio? 
Chiamo subito sua madre!

I problemi si affrontano, non si eliminano, ed è meglio che ‘sti figlioli lo capiscano.


7) Eliminare i confronti

Eccole lì, le madri che indicono petizioni perché le partite di calcio o di basket finiscano sempre in parità.

Perché i voti siano eliminati dalle scuole.

Perché i figli non debbano partecipare a test di nessun tipo.

Il confronto è crudele e traumatizza.

Il confronto umilia. 

Care mie, il confronto esiste, è la vita!

Ecco, dicevo?

Ah, sì, dicevo che avevo capito come crescere figli perfetti.

Sì, certo, perfetti disadattati.
Tags from the story
, ,
Written By
More from Klarissa

Liberi tutti

Share this... Ora che il nano si avvia verso i 4 anni,...
Read More

13 Comments

  • TUTTO VERO! HO UNA FIGLIA DI 4 ANNI E MEZZO CHE FREQUENTA LA SCUOLA MATERNA…OGNI GIORNO LE MAMME NE HANNO UNA….MAI UNA VOLTA CHE LA COLPA SIA DEL FIGLIO, SEMPRE A DIFENDERLI CONTRO GLI ALTRI BAMBINI, CON LE MAESTRE, LE BIDELLE, IL VIGILE FUORI DALLA SCUOLA…..
    OTTIMO POST! COMPLIMENTI!

    • UNA FATICA MA MICA PER I BIMBI….MALEDETTA CHAT DELLE MAMME SU WHATSAPP 😀 …IERI ERA LA MENSA CHE NON ANDAVA BENE AI FIGLI (POVERINO NON C'ERA NIENTE CHE GLI PIACESSE E' RIMASTO DIGIUNO) OGGI IL FIGLIO HA BESTEMMIATO A CASA, LUI LE HA DETTO DI AVERLA SENTITA DALLE MAESTRE E LA MAMMA CHE GLI CREDE (SIA MAI CHE SUO FIGLIO DICA BUGIE!) E SI INFURIA CON LE MAESTRE…DAVVERO UNO STRAZIO!

  • Noooo la chat whatsapp sul menù…. Anche da noi è' uno strazio!!!!
    E poi il bimbo violento…la dada troppo poco affettuosa…e potrei andare avanti a oltranza! L'importante non metter mai in dubbio il pargolo e conseguentemente la mamma del pargolo
    Che fatica e che pazienza!!!

  • La mia grande ha voluto venire in fascia quando l'ho tirata fuori per il fratellino.. È una bimba leggerina ma ci vuole il fisico per portare uno di 4 anni… E io non ce l'ho buahahah! Vedo tanti grandi in passeggino, quest'estate a gardaland (ci abito vicino e siamo andati spesso) una marea.. Stravaccati e con il ciuccio.. Che tristezza..un modo per tenerli buoni.. A gardaland!?!

  • Aahhaah anche io ho sempre ragione!!!
    Ma lo sai che le Tate al nido mi danno sempre la sensazione che "debbano" misurare le parole e camminano sulle uova quando hanno a che fare con noi mamme e molto a loro agio e simpatiche con i bimbi che le adorano!??!?!
    Quanto siamo rompi in certi momenti…

  • Post spettacolare come sempre! Ormai non vedo l'ora di leggerli per poter dire la mia…vogliamo parlare dell'accompagnare il figlio a fare l'iscrizione all'università? O a fare un colloquio di lavoro? Nel primo caso ero io che lavoravo allo sportello e la mamma fu fantastica. Appena arrivati difronte a me la mamma cominciò a mitragliare "Gianfilippo, chiedi del versamento. Hai chiesto dei moduli? Hai chiesto quando sono le lezioni?no?aspetta che me ne occupo io" e intanto pensavo al mio primo giorno di università, quando entrai in un tribunale con le mie amiche convinta che fosse l'ateneo…la seconda volta mi è stata raccontata da mio fratello, e una mamma protestava perché il figlio era un neo laureato in filosofia e lo stipendio che gli veniva offerto era troppo basso per un part-time…ovviamente quel posto poi l'ho preso io e garantisco che il mio non è assolutamente uno stipendio basso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *