mercoledì 17 febbraio 2016

La brava mamma

Chi è una brava mamma?

Com'è fatta?

E' una mamma che lavora?
E' una mamma che non lavora?
Allatta?
Si sacrifica?
E' felice?

Come si fa ad essere una brava mamma?



La brava mamma non lavora ed è felice di non farlo o, comunque, lo ha mandato giù.
La brava mamma lavora e ne è felice o, comunque, lo ha mandato giù.

La brava mamma è serena, sa che è madre e sa che è donna:

si prende cura dell'una e dell'altra, come sente di dover fare per non frustrare se stessa.

La brava mamma ascolta i suoi bambini, ma ascolta anche se stessa e si asseconda, almeno ogni tanto:

non esce con le amiche o col marito se non ne ha voglia o se non ne ha il bisogno, ma lo fa se sente di doverlo a se stessa.

la brava mamma non gira in tuta e mollettone, se non si sente di farlo,

e non porta tacchi e capelli in piega, se non è lei a volerlo.

La brava mamma allatta al seno, perché lo vuole o anche perché deve, finché lo sostiene con serenità.

La brava mamma allatta col biberon, perché è quello che deve fare o perché così ha deciso.

La brava mamma si sacrifica col sorriso o anche senza, ma non lo fa per poterlo raccontare, né per poterlo rinfacciare mai.

La brava mamma mette al mondo altri figli se sente di poterlo fare, di volerlo fare, non certo se crede di doverlo fare.

Perché il dono più grande per il suo bambino è una mamma serena, non un fratellino o una sorellina.

La brava mamma è amata e ama incondizionatamente.

La brava mamma ha il sorriso, anche se non è la donna più felice del mondo, perché è serena:

sa che fa il meglio che le riesce e il meglio che può,

per i suoi bambini e per sé,

e non deve rimuginare,
non deve avere sensi di colpa,
non deve torturarsi,
non deve sentirsi inferiore a nessuna.

La brava mamma è perfetta così com'è.

16 commenti:

  1. Bellissimo post. Io non lo so se sono o no una brava mamma. Non ho la presunzione di giudicarmi tale, semmai un giorno me lo faro' dire dai miei figli se per loro lo sono stata o meno. Per adesso cerco di dar loro il meglio di me stessa e mi basta guardarli negli occhi e vedere i loro sorrisi per capire di essere sulla buona strada, almeno....

    RispondiElimina
  2. Da incorniciare. Dovreste fare voi i corsi preparto:-) Queste cose non te le dicono prima.

    RispondiElimina
  3. Non ho dubbi che siete tutte brave mamme, per il fatto che siete qui a confrontarvi senza giudicare le altre, per dare una parola di conforto quando un'altra si sente in colpa, o perchè solamente sospirate scrivendo ah meno male non sono l'unica, anche io! Ho dubbi solo su quelli che postano i commenti sui prestiti :-D

    RispondiElimina
  4. "la brava mamma ascolta i suoi bambini ma ascolta anche se stessa e si asseconda, almeno ogni tanto". ho pensato che finalmente ce l'avevo fatta la prima volta che, in giro x saldi, non ho comprato nulla per i pargoli ma solo per me...bellissimo post. dovrebbe essere il manifesto per ogni mamma

    RispondiElimina
  5. Piango
    Soprattutto per la parte sui fratellini
    Io non riesco a fare un altro figlio perché psicologicamente non riesco, ho avuto dei traumi atroci, mio marito è stato una merda con me quando è nato nostro figlio nonostante fosse voluto e cercato, ha fatto la crisi maschile, mi ha lasciata sola, mi ha insultata, non è stato nemmeno un padre
    E attorno ho gente che continua a chiedermi perché mi fermo a uno e mi giudica per questo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara, io ho aspettato 6 anni perché non me la sono sentita prima e prrché la vita ha avuto i suoi programmi, ma se ora aspetto è perché l'ho voluto.
      Tutte quelle storie sul fare un regalo al primogenito non hanno mai avuto presa su di me e secondo me sono stronzate.
      Un fratello o una sorella sono un fratello o una sorella. Possono essere un dono come possono essere un peso o una condanna o una pesante eredità.
      Un figlio, il secondo, il terzo, il decimo, come il primo, secondo me va fatto solo se ce la si sente, se lo si vuole, se si può affrontare, se si può godere.
      Il mondo è pieno di figli unici felici e di persone con fratelli che vorrebbero non averne, così come è pieno di figli unici infelici e di persone con fratelli felici di averne.
      Fa quello che ti senti e fanculo a chi e' così cretino da permettersi di mettere becco in una questione così intima e personale.
      Ti abbraccio.

      Elimina
    2. Io ho 3 figli. E ti confermo quello che dice klarissa. I figli nn si fanno per dare un compagno di giochi al primogenito o perché lo vuole la nonna o la vicina. Si fanno perché lo desiderano e se la sentono la mamma e il papà. In caso contrario meglio nn farli, perché ne soffriresti poi tu e anche i figli che senso avrebbe. Sii serena è la cosa più importante

      Elimina
  6. Una brava mamma e’ prima di tutto una brava persona.

    Quando ha deciso di diventare madre, quella persona ha deciso di indossare un abito. Un abito che l’ha affascinata, un abito meraviglioso. Ha deciso di indossarlo nonostante le tante paure, ma non ha saputo resistere e l’ha fatto con quella sana incoscienza con cui affronti sempre le cose belle che ti capitano nella vita.
    Poi si e’ guardata allo specchio e ha scoperto I difetti. Ma non I difetti dell’abito! I difetti di se stessa in quell’abito stupendo. In quel momento ha deciso di lavorare duramente, diventando il giudice piu’ severo di se stessa, rinunciando a qualcosa della propria vita, con sacrificio ma sempre con il sorriso e con un unico obiettivo…portare quell’abito meraviglioso con orgoglio. Non ha incolpato gli altri perche’ l’abito le stringeva in vita o perche’ il colore non le donava. Lei lo aveva scelto e lei voleva vedersi bella a tutti I costi in quell’abito.
    Il percorso e’ lungo, e lo fa per se stessa per vedersi bella lei, non per gli altri. E' un percorso fatto di alti e bassi ma quando quella persona si guarda finalmente allo specchio capisce finalmente di star bene in quell’abito…ok, stringe ancora un po’ ma si sente finalmente bella…bella dentro! E sorride….per questo e’ amata. Perche’ sorride, anche dei difetti ancora evidenti, ha la capacita’ di portarli con leggerezza e per lei non sono un sasso sul cuore, non sono un peso nella mente. Semplicemente li accetta.
    Le brave persone, le brave mamme non giudicano infatti. Giudicano solo loro stesse. Semmai esprimono opinioni perche' hanno una propria personalita' e la mostrano con orgoglio, senza paura, senza rimorsi. Infatti non cadono mai nell'errore dell'insulto o della critica...semplicemente raccontano. Raccontano le proprie esperienze e il proprio vissuto.
    Ma soprattutto hanno capito come incanalare le proprie energie lavorando sulla loro persona, senza invidia perche’ all’altra l’abito dona di piu’, senza odio e cattiveria perche’ questi sono sentimenti che ti logorano dentro e le brave persone, le brave mamme ne stanno alla larga….

    RispondiElimina
  7. Per me, la brava mamma è quella felice. Qualsiasi cosa questo voglia dire per lei.

    RispondiElimina
  8. la brava mammma sbaglia sbuffa e urla!!!!!!la brava mamma ...... ma ama incodizionatamente ogni figlio...sa concedersi pause senza sminuore il suo "lavoro"....la mamma è mamma
    la mamma ama e sa sorridere anche difronte alledificoltà ....
    viva la mammma che sa sbagliare felicemnte con inmano un bel lo sprit

    RispondiElimina
  9. La brava mamma e' quella che riesce a trasmettere serenita' ai figli nonostante i problemi. I miei genitori non ci hanno mai nascosto i problemi, ricordo ancora adesso il famigerato fine mese e come si tirava la cinghia. Gia' da piccola sapevo che non potevo chiedere niente prima del 27 di ogni mese.. Ma eravamo sereni perché i miei genitori ti infondevano fiducia, protezione. Penso di essere una persona forte, equilibrata, decisa. E lo devo tutto a quell'amore che ho sempre respirato. Sono sicura che anche con mia figlia e' cosí, la vedo crescere, maturare, sempre serena e questo e' il donó piu' bello di essere mamma.
    Martina

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...