I cliché della mamma

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
Diciamolo: intorno alla mamma, chiunque essa sia, c’è un alone di mistero. Mistero dato dalle certezze di chiunque ne parli: perché parlare della mamma è lo sport preferito di qualsiasi nazione. La mamma è… è tante cose, certo. Cresce figli, alleva bambini… ma quali sono i cliché più diffusi che proprio io moio quando li sento?


I cliché più diffusi sulle mamme


– Le mamme sono sfatte

Senti culone stitico, parla per te. Le donne trasandate esistono in ogni categoria. Esistono le adolescenti cesse e coi capelli unti come pure le zitelle con la pinza in testa e la trippa alla senese al posto della pancia. Prova te a portare nel ventre 9 mesi un vitello e a farlo uscire da un buchetto, poi dimmi se resti un figurino. 

– Le mamme fanno le torte

In effetti chi non ha figli non le fa. Ma ovvio, le mie amicizie su Facebook con la passione per la pasta da zucchero sono TUTTE MADRI. 
Solo che alcune di cani.
O di mariti. 
Alcune sono mariti, tra l’altro.

– Le mamme sanno sempre cosa fare

MA COL CAZZO! Si inizia con le contrazioni. Contrazioni che? Queste? E queste? Ah no, queste? Si prosegue con la febbre. Sì, pronto soccorso? Bottigliette di veleno travasate nei loro biberon per mancanza d’altro, esposizioni al sole a 39 gradi a mezzogiorno, insegnamenti a casaccio letti su saròmammapurio.org. 


– Le mamme sono dolci

Dovrebbero vedermi quando mi sporcano un mobile


– Le mamme parlano solo di bambini

E certo, abbiamo preso tre lauree, otto master, parliamo cinque lingue, ma l’unica cosa di cui sappiamo discutere è il colore della diarrea di nostro figlio o se sia meglio aggiungere una verdura per volta o fare fin dall’inizio un passato completo e ricco


– Le donne hanno sempre e solo sognato di essere mamme

Certo, come Margherita Hack. Tantissimi figli. Mica puoi pensare di desiderare… che so, di diventare un’astrofisica! Puah.


– Le mamme non fanno un cacchio

Che lavorino o meno, che importa? Non cambia nulla. Perché se lavora non avrà la testa per pensare al lavoro e svolgerlo al meglio, perché LEI pensa al figlio, perché poi dovrà assentarsi per le malattie ecc ecc ecc. Se non lavora e che farà mai? Tutto il giorno in casa a non fare una cippa di nulla, al massimo la merenda. 

– La mamma è sempre la mamma

Punto.
Tags from the story
Written By
More from Anya

Una domenica di sole… con Mirtilla!

Share this...Se c’è una cosa che ho capito da mamma di due...
Read More

8 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *