Pronto? Suo figlio ha la febbre. Arriva?

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Esiste un incubo nella vita di una madre, soprattutto se è una mamma lavoratrice.
Si concretizza quando sul display del telefono compare la scritta

“Asilo” o “Scuola”.

Prima di rispondere se aveste le palle ve le tocchereste fino a consumarle e a renderle piatte come la Terra pre colombiana, dice la leggenda…ma non le avete.

E così, alzate gli occhi al cielo, vi fate il segno della croce e guardate in direzione della Mecca.
Poi pensate a quel bel panzone e dite anche un “ooooohmmmm!” e accennate qualche passo di danza aborigena.

Eccheccazzo!
Qualcuno nel mucchio si commuoverà!

Poi rispondete.

Sì, ehm…, pronto…

Salve signora, è la scuola. Suo figlio ha la febbre. Viene a prenderlo? Manda qualcuno?
Ehm…certo…mi dia il tempo…qualcuno arriverà…a tra poco.

Qualcuno.
Certo.

Perché lì per lì pensate che magari qualcuno potrà andare al posto vostro, che oggi proprio no, non è giornata, avete un dramma in corso ché le polemiche sul figlio di Vendola son nulla…e…

Livello 1:

Telefonate al padre.

Che non risponde.
Ovvio.

Riunione? Call conference? Vis a vis col capo? Ma anche spesa on line o fantacalcio o Gazzettadellosport.it, fidatevi, nulla gli farà notare che il telefono suona.

Livello 2:

Telefonata alla nonna.

Mamma? Ah sei a una visita…e finisci quando?
Ah, poi hai un pranzo con un’amica, certo…capisco…

Livello 3:

Zii? Amiche?

E uno non ha la delega, e una non ha la macchina, l’altra non risponde, la cerca Chi l’ha visto, e poi, la mani piedi bocca della nipote, e sto partendo per il Botswana, e mio figlio ha la varicella, vorrei mai ti contagiasse…la varicella incinta poi…

Niente, quando la scuola chiama, c’è solo una persona che può teletrasportarsi a recuperare il figlio.

Chi è?

Ma la mamma!

Livello 4:

Fate svelte, però.

“Signora, arriva?”

“(Emmmerda!) Sì, ma sa, lavoro dall’altra parte della città e mi sposto coi mezzi…poi recupero l’auto e arrivo”.

Livello 5:

E state attente a dove parcheggiate: “le sembra il posto dove lasciare la macchina?”

Il pensionato – brutta razza, quasi peggio degli avvocati – è sempre in agguato.

Livello 6:

E firmate il foglio per l’uscita anticipata.

Livello 7:

E compilate tutti i campi.

“Signoraaaa! Qui, manca qui! Vede?”

Livello 8:

Eccolo!

Amore mio, come stai?

Livello 9:

Sta che una vomitata vi accoglierà augurandovi il ben arrivate

Che ho vinto al livello 10?

Ah, giusto, la fila dalla pediatra, le giustificazioni in ufficio e una settimana di lagne, febbroni, notti insonni, no, non preoccuparti, amore, sono le 3 del mattino, ero appena assopita…spogliati, su, che mamma cambia le lenzuola al letto…

Fino a che…

non mi sento tanto bene…mi avrai mica contagiato?

Written By
More from Klarissa

Degenere chi?!

Share this... Noi si fa il tifo per le mamme imperfette, perché...
Read More

17 Comments

    • Io di nonni ne ho una, marito che lavora a decine di km da casa, baby sitter non ne ho più da pareccchio…ma tranquilla, in qualche modo abbiamo sempre fatto.
      Abbiamo o non abbiamo i super poteri, no?

  • Tutto vero!!!! Il livello 10 poi….. il contagio arriva sempre….e quando ti è passata, inizia pure il papà, che è un uomo….e detto questo detto tutto!!! E poi si ricomincia!!!!!

  • Mi e' successo l'altro giorno. Chiamata da scuola, la bimba con 38 di febbre. Io non lavoro, e proprio mentre andavo a prenderla pensavo al casino che puo' creare una telefonata del genere quando si e' in due a lavorare. Tutto il mio sostegno Klarissa!! ..la bimba ora sta bene, i malati adesso siamo io e il papá.
    Martina

  • Ahahah siete il mio mito!
    Quando appare la scritta Asilo sul display parte un NuoooooooCazzzzzzzzzz e ci metto sempre qualche secondo per rispondere. Di solito alla frase "suo figlio ha …" Io rispondo in automatico " ma é sicuro???? Ma se stamattina stava bene!" (Lo so lo so, sono una pessima mamma e non si dovrebbe fare, ma una volta me l'hanno mandato a casa e la febbre poi con me era sparita….miracolo?..).
    Comunque anche io mi tengo sempre come ultima spiaggia, prima contatto il padre o la nonna, poi la baby sitter, infine tocca alla sottoscritta. E quest'anno mi son beccata due giri di intestinale incinta di 6 e 8 mesi. Meno male ho evitato il contagio!!! Il papi invece no….. Tsé

  • Mi sono persa qualcosa, dove è finita pregunta??
    A noi invece l'asilo non chiama mai. Un giorno sono andata a prenderlo alla solita ora e aveva gli occhi talmente rossi che sembravano iniettati di sangue e la maestra "cosa dici? avrà la congiuntivite?" un'altra volta l'ho recuperato sempre alle 17 passate che aveva palesemente la febbre e l'ultima non stava bene infatti mi ha vomitato in corridoio appena varcata la soglia di casa. Ma la cosa assurda è che io lavoro a 5 minuti dall'asilo e non sono vincolata da orari e il mio compagno è a casa fino a metà pomeriggio, quindi cosa gli costerà chiamarci??

    • Pregunta lavora per una fortunata famiglia in città.
      Le hanno offerto un lavoro che io non potevo più offrirle,sia perché non ne avevo più bisogno, sia perché a mia volta ho cambiato lavoro e ho altri orari.
      Ci sentiamo ancora e sta bene.
      Certo l'idea che non sarà lei ad aiutarmi con la mia bimba mi dà un certo pensiero…
      K.

  • quando compare la scritta scuola di…… i miei occhi non vogliono crederci e ..sospirando respiro …conto fino a 10 in un secondo e rispondo!!!!
    Signora la mamma di .peste.? si
    peste sta male… può venirlo a prendere?
    ok arrivo -…..
    grazie

    provo a chiamare il veroverobabbo ma chiaramente non risponde mai e …allora carico la piccola in macchina e via ..destinazione scuola di peste ….
    e parcheggia e compila ilfoglio e …….. a volte trovola multa sullamacchina per aver parcheggiato davanti alla scuola per 2 minuto per prendere unfiglio vomitante ……
    e facciamoci una risata …… tanto vomiterà in macchina e io puliròcon lamulta!!!!!!
    buona telefonata della scuola!!
    veronica

  • Ahahahah due settimane fa, dopo una lunghissima ed esasperante sessione d'esami finalmente al lunedì riprendevo le lezioni in università… finalmente vita! Gasatissima, dopo due anni che non frequentavo, prima mezz'ora di lezione s'illumina il cellulare: "Asilo M."… scendo di corsa dall'università in Vespa (sì, proprio come una ragazzina…) passo al volo a fare cambio auto e quindi all'asilo dove scopro che mio figlio ha preso la varicella… NOOOOO! Una lunghissima settimana passata a casa in isolamento, inventandosi giochi di ogni genere… Lunedì successivo M. torna all'asilo. Stessa uni, stesso posto, stessa lezione, passano tre quarti d'ora… s'illumina di nuovo il cel "Asilo M.", stavolta la gastroenterite… altro NOOO!!! Per fortuna in pochi giorni si è risolto tutto… E la vita ha ricominciato a procedere quasi normalmente 😀
    Vivy

  • ti capisco….la mia nana ha preso l'influenza più lunga della storia ed è a casa da domenica. Di notte mi sveglia ogni 20 minuti (pipi…,mamma sete,,,mammamigratti…mammahomalequi…)e io dormo nel lettone con lei quando è malata…poi puntualmente la passa al fratello..altro giro altro regalo..e poi da ultimo a me e al babbo. Ovviamente quando ce l'ho io un gliene frega una cippa a nessuno!!! maaaaaa. arriverà l'estate. presto presto che è meglio 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *