lunedì 18 aprile 2016

Di quella manina che tiene un dito


E' un attimo e quella manina lì che ci voleva tutta intera per stringerti un dito, eccola che ti batte un 5.

Ed è grande come la tua.

E quel piedino lì, quello lungo una tua falange, sì, quello, si infila una tua scarpa al posto della sua in un lampo.

E tu, in fondo, a parte la sciatica e le zampe di gallina, sei sempre quella lì, quella che l'ha partorito un attimo prima.

Un attimo lungo 10 anni.

E non ci vorrà molto prima che tu e il suo papà non sarete più la sua compagnia preferita,
perché gli amici saranno più interessanti.



Non sarete più i detentori della verità, quelli che sanno tutto,
perché il mondo, ma anche Google, vi smentirà.

Non sarete più tutto il loro mondo, glielo leggerete negli occhi.

Non cercheranno più la vostra mano, andranno soli.

Non vorranno più essere accompagnati, guidati, sorretti, aiutati, non così, non davanti a tutti, mamma!

E tutte quelle volte che non avrete potuto esserci, ma che eravate tanto desiderati,
diventeranno occasioni in cui vorreste tanto esserci,
e magari potreste anche,

ma sarà meglio non esserci.

Ricordiamocene ora, ogni giorno, ogni volta che stiamo per dire no, non posso.

Perché i nostri figli crescono, già, che banalità, ed è naturale e bellissimo che lo facciano.

E' un dono poterli accompagnare per qualche anno, mano nella mano.

Cresciamo anche noi, ci scopriamo madri, padri, uomini e donne diverse, grazie a loro, ai nuovi occhi sulla vita e sul mondo che proprio loro ci donano nascendo.

Ci danno una seconda vita, una vita di cui prima che arrivassero non sapevamo niente, ma proprio niente.



E' un attimo e non siamo più i supereroi di nessuno e Dio solo sa quanto male fa.




19 commenti:

  1. Oddio... Ha solo 20 mesi ma già piango!

    RispondiElimina
  2. Una lacrimuccia sta per scendere anche a me....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su, su, come dice mio figlio: "è la vita, mamma!"

      Elimina
  3. Oddio...è vero...ma già è lunedì ci vuoi proprio ammazzare??
    V.

    RispondiElimina
  4. vabbè ma che tristezza!!!! i miei genitori sono ancora in miei supereroi e ho 33 anni suonati e una bimba di 10 mesi!!! :D
    Sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, spero per te non nello stesso senso in cui lo intendevi a 3 anni ;)

      Elimina
    2. hahahaha spero di essere maturata un pochino negli ultimi 30 anni...ma non ci metterei la mano sul fuoco :P

      Elimina
  5. Ho le lacrime agli occhi e sono in un posto dove non posso assolutamente piangere!

    RispondiElimina
  6. Purtroppo è così
    Che magone
    La mia bimba ha 18 mesi e ogni volta che lascio per andare al lavoro è uno strazio e quando torno un sorrisone e un suo lungo abbraccio mi aprono il cuore e mi ripagano di tutto

    RispondiElimina
  7. Vero, il mio piccolo ha 21 mesi e non parla e non voglio che parli!! Lo voglio ancora così, prima del linguaggio verbale (e scurrile) coi piedini cicciotti, con quei versetti e la tenerezza di un cucciolo quando arriva strisciando i piedini col pigiamino e trascinando il suo orsacchiotto (o topo? non ho ben chiara la bestia).
    V.

    RispondiElimina
  8. Quanto è vero...quanto è difficile per noi mamme accettare che si allontaneranno da noi, che usciranno la sera senza che sappiamo dove sono,che prenderano decisioni di cui noi non ne sapremo nulla....forse è la parte più difficile....

    RispondiElimina
  9. Piango...
    Come quando a tradimento mi mettono "a modo mio" in radio.....
    Paolè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A modo tuo...
      Nun ci vedevo più dalle lacrime.
      Paolè

      Elimina
  10. Piango anch'io...un po' in ritardo dal tuo post ma piango con il mio quasi quatrenne accanto e la piccola di 17 mesi in braccio che dorme beata con la sua mamma. Penso spesso che tutto questo mi mancherà anche se a volte per la stanchezza li vorrei già adulti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo... quanto ho pianto con quella canzone!

      Elimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...