lunedì 4 aprile 2016

Piove. Governo ladro.

La mamma media ha un atavico terrore che non riesce a vincere: la pioggia.
E pure la neve.
E il vento. 

Il tempodemmerda insomma.

Se per caso una mamma inciampa nelle previsioni meteo dopo il tg e queste non promettono soleinfront'amme che manco in Costa d'Avorio, la poveretta andrà a letto con le palpitazioni e i barbiturici.

Non prima di aver cercato su Google:
"Cosa fare con i bambini quando piove".
No...
"Cosa fare bambini pioggia"
No aspetta...
"Pioggia bambini"
No merda l'età, l'età è fondamentale...
"Pioggia bambini 4 anni".



A quel punto si scarica file a catinelle per colorare, fare lavoretti, costruire opere di ingegneria aerospaziale e supercazzole.

Alle 3 crolla sfranta.

Alla sveglia corre ad aprire le finestre sperando che il Colonello Giuliacci  Senior la sera prima si fosse bevuto un grappin odi troppo e invece no, maledizione, il cielo è grigio e non promette niente di buono.

Se e' un giorno feriale, capace che decide che i bambini non andranno a scuola perché no,  piove.
Se siamo nel week end non ha scelta.

E si condanna così ad una giornata tremenda fatta di pianti,  lagne,  isterie, forbici,  colla, colori,  macchie,  urla,  appiccicume,  zozzeria, rane che avrebbero dovuto essere cigni secondo il progetto,  aerei che paiono cessi pubblici, torri che sembrano supposte...

Vengono postate migliaia di foto sui social con le seguenti didascalie:

Piove...e noi ci rilassiamo così!

(Segue foto di figli evidentemente posseduti che stringono felici un impasto che pare cacca di piccione su un monumento a caso...)

Una giornata buia? In casa nostra splende il sole!

(Segue selfie di madre con sguardo satanico che bandisce un affare giallo che pare un sex toy, vicina a figlio con le 5 dita ancora stampate sul viso)

Tempo brutto? Nun te temo!

(Segue foto di madre con maglia "I♡ Franzoni" che mostra un puzzle di 3.500.000 di pezzi iniziato all'alba e terminato 7 ore dopo. Sullo sfondo,  i figli legati alla sedia e imbavagliati)

Ecco...io mi sono sempre chiesta una cosa:

Piove, governo ladro,  ma se esci di casa ti sparano addosso?

Ti caca in testa uno stormo di piccioni con la diarrea?

Ti colpisce il cecchino del paese che esce solo col brutto tempo perché è meteropatico?

Che succede alle madri se piove?

Va loro in pappa il cervello?

Care mie,  fidatevi:

galosce e ombrelli, e scarpettare!

E se diluvia,  vi ricordo,  hanno inventato l'auto per spostarsi.

Che magari al cinema c'è casino, ma sempre meglio che una vostra foto vicino a una torre a forma di vibratore.

7 commenti:

  1. Sempre uscita con la pioggia...a piedi anche eh. Il pediatra ci ha sempre detto evitare magari quella brutta nebbia e i diluvi con raffiche di vento. Per il resto ben coperti, sciarpina, ombrello, e via fuori, se lo dice il pediatra eh, io ci credo.
    ps. quando ero sprovvista di figli adoravo passeggiare anche da sola con l'ombrello...una volta da gggiovane ho provato l'ebbrezza di chiudere l'ombrello come nei film e godermi l'acquazzone sui vestiti e sulla pelle. Bello, bellissimo! Magari coi figli è meno pratico, ecco, che poi vi dovete fiondare in doccia...forse sarebbe più pratico nella mega doccia di Anya.
    Prossima casa ;-)
    V.

    RispondiElimina
  2. Solo una volta, 27 novembre 2015, ho detto: Bimbi miei, oggi tempodemmerda e mamma libera da lavoro, rimaniamo tutti a casa... dopo due ore avevo già giurato che, una prossima volta, sarebbero andati a scuola fosse pure con l'arca di Noè

    RispondiElimina
  3. Hanno inventato anche i centri commerciali, che io non amo molto, ma in caso di pioggia sono mooolto utili!!! ;-)
    S.

    RispondiElimina
  4. Preferisco uscire col diluvio piuttosto che andare al centro commerciale i giorni di pioggia. Noi usciamo sempre, imdossiamo scarpe per la pioggia, impermeabile, ombrello..e vai! Libera di saltare dentro le pozzanghere!! Oltretutto andremo a vivere nel sud della Svezia..dove piove tutto l'anno, e che faccio? Mi chiudero' in casa? Ma anche no!
    Martina

    RispondiElimina
  5. Quattro salti nelle pozzanghere e poi via a farsi una bella merenda! Magari invitando un amico a casa! I lavoretti e le torte li ho provati ma con scarsi risultati.
    Barbara

    RispondiElimina
  6. Concordo, infatti noi usciamo lo stesso, anche se poi, quando malauguratamente il ricciolino si prende un raffreddore, me ne sento dire di ogni da nonni, maestre, altre mamme ecc.
    E poi ci sono cinema, meravigliosi musei moderni ed interattivi, gonfiabili al chiuso, castelli da visitare e, soprattutto, altri genitori con prole da invitare per una merenda, così si chiacchera ed i bimbi se la sbrigano da soli!!!

    RispondiElimina
  7. Lo confesso, sapere che mi aspetta un weekend di pioggia mi manda in paranoia. Sarà che nella campagna padana dove abito pioggia è sinonimo di giornate nebbiose. Uscire con rischio di malanni vari il giorno dopo, anche no. Poi io odio la pioggia, sarà che con gli occhiali poi non vedo nulla... I lavoretti non funzionano. Quindi mi salvo con l'ikea. Santa dubito. Figlio 1 l'adora perché può toccare e provare tutto. Noi genitori siamo rilassati perche nessuno gli e ci dice nulla. E da un mese a questa parte figlio 1 ha voluto provare lo spazio bimbi e gli è piaciuto. Figlio due è ancora piccolo e con carattere diverso, quindi gestibile. Posso sperare nel l'assoluzione? :o)

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...