lunedì 20 giugno 2016

La madre passabile e possibile

In un mondo dove ogni madre normale,  tipo me, cerca di fare del suo meglio,  riuscendoci sì o anche no, ma provandoci e assolvendosi quando scappa la cazzata, che tanto la facciamo tutte, ecco il club delle madri impunite.
Quelle che NON ci provano proprio ad essere migliori.



Quelle che cominciano con un "bon, sono incinta e fumo.
E bevo.
E mangio di merda.".

E  che continuano poi con una sequela di "fotte sega" che imbarazza persino me.

Me, eh, mica quella delle mille lire!

Quelle adolescenti mai cresciute.
Quelle che si accompagnano a loro simili, mai sole.
Quelle che tu (che già fai abbastanza cacare) arrivi a pensare che sono davvero peggio di te.
Incredibile!
Quelle che ti fanno pensare che tu, non sarai perfetta, e neanche passabile a dire il vero, ma lo sai.

E ti metti in discussione. 

Ti fai delle domande.
Ti fai giudicare.
Ti denudi.
Ti fustighi.
Ti esamini.
Ti analizzi.
Ti attribuisci colpe.

Poi uno spritz ti fa passare tutto, per carità, ma ecco...due domande te le sei fatte e magari l'alcool ti ha dato pure delle risposte.

Lei no.

Lei si vanta su Facebook, acclamata da quelle come lei o, peggio, da quelle talmente frustrate che venderebbero la prole se solo fosse legale.

E forse sarebbe meglio.
Per la prole.

Perchè di madri perfette non ce ne sono, lo sappiamo, ma un tentativo di essere più o meno passabili, nei limiti del possibile, io credo che ai figli lo dobbiamo.

5 commenti:

  1. Concordo in pieno...altrimenti farebbero meglio a non metterli proprio al mondo sti poveri bimbi!
    Federica

    RispondiElimina
  2. Ho sempre pensato di "dovere" tanto ai miei genitori.
    Salute, educazione, sacrifici, tanti bei ricordi di risate.
    E poi sono diventata mamma.
    Ho scoperto che sono io madre ad avere dei doveri nei suoi confronti, che le devo la salute, l'educazione e se necessario tanti sacrifici per vederla soridere.
    Io l'ho desiderata e io le devo tutto per quello che mi fa provare ogni volta che la vedo ridere con ogni cellula.
    C'è chi si chiede se siamo soli nell'universo, io invece mi chiedo come si faccia a fare del male a una creatura che si ha deciso di fare,nel bene e nel male..

    RispondiElimina
  3. Ho sempre pensato di "dovere" tanto ai miei genitori.
    Salute, educazione, sacrifici, tanti bei ricordi di risate.
    E poi sono diventata mamma.
    Ho scoperto che sono io madre ad avere dei doveri nei suoi confronti, che le devo la salute, l'educazione e se necessario tanti sacrifici per vederla soridere.
    Io l'ho desiderata e io le devo tutto per quello che mi fa provare ogni volta che la vedo ridere con ogni cellula.
    C'è chi si chiede se siamo soli nell'universo, io invece mi chiedo come si faccia a fare del male a una creatura che si ha deciso di fare,nel bene e nel male..

    RispondiElimina
  4. Quando aspettavo la mia bimba, connobbi una ragazza che mi lascio' molto perplessa. Era piu' grande di me, io ne avevo 35 lei 38. Una eterna adolescente, immatura e a mio parere stronza ed egoísta. Si fece mettere in cinta da un drogato perché voleva un figlio,lei non lavorava, beveva, fumava, non e' riuscita a laurearsi, vive con i genitori, che hanno accettato con rassegnazione la gravidanza della figlia. Non lavora, se no saltuariamente, e i soldi li spende in cavolate, perché alla figlia ci pensano i nonni. La bambina e' molto sveglia. Nata gia' matura dico io. Tutte le estati quando torno dai miei la rivedo sempre in spiaggia. La mamma e' di quelle fuma fuma, la figlia gia' una donnina rispetto a mia figlia che ha la stessa eta'. Allora io penso che questa mamma ha un tesoro tra le mani e non ne e' consapevole. A volte mi fa tremendamente incavolare, perché vedo come tratta la figlia. La mamma e' di quelle pigre, eterne scazzate, che si rifiuta di comprare il gelato alla figlia pero' non rinuncia alle sigarette. Io ammiro molto questa bambina, nata gia' grande e matura. Mi auguro che non si perda per strada un domani.

    RispondiElimina
  5. e quando le vedi al bar tutte le sante sere dalle 18 in poi con il panzone sigaretta in mano e spritz nell'altra quasi a vantarsi e tu è da più di un anno che speri, preghi e provi a rimanere incinta e non ci riesci nonostante clinicamente sia per te per lui è tutto nella norma... io la vivo male.. ma male sul serio e so che non serve a nulla ecc.. ma al momento va così..Marty

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...