venerdì 24 giugno 2016

Un regalo bellissimo (sottotitolo: internet, colonie estive, dubbi, varie ed eventuali)

Ho in bozze un paio di post in cui massacro social e blog(ger) (ma sono troppo cattivi e li lascio sedimentare, magari migliorano come il vino), ho eliminato facebook e messenger dal cell, insomma mi sto trasformando in mio marito, che non ha nemmeno i dati sul cellulare.

E infatti, come avete forse notato (lo avete notato? Sì vero??), sono un po' sparita.
Ed è anche perchè sto dedicando maggiori energie al "reale", figli, lavoro, amici, me stessa, e mi restano poche risorse, sopratutto mentali, per il resto.
In genere torno qui per lamentarmi, per raccontare un problema o una difficoltà, e non perchè io di carattere sia una lagna, ma semplicemente perché  i vostri commenti sono sempre stati un grandissimo toccasana, quindi quando qualcosa non va, alla fine è da voi che corro.
Le pacche sulle spalle, i consigli, la comprensione, ma anche i punti di vista diversi, sono stati davvero un aiuto prezioso in tante occasioni, a cui non so rinunciare.

E a volte il mondo virtuale regala emozioni inaspettate.
Vi racconto.

Mirtillo ha iniziato una colonia estiva. Lo sapete che io mi sento in colpa, perchè per me l'estate è libertà, è tempo, è noia, è blabla, e che mi dispiace tantissimo non fargli vivere quello che ho vissuto io.
Ma non si può e basta, c'è poco da fare.

Quindi, dicevo, inizia questa colonia.
Non ha fatto particolari storie, l'ha scelta lui (per fortuna abbiamo moltissime alternative, potevo scegliere almeno tra 7 iniziative diverse), ma la sera prima ho visto che era agitato ed abbattuto. C'è anche da considerare che  lui è l'unico della sua classe che deve frequentare delle colonie estive per gran parte dell'estate, quindi è assolutamente comprensibile che non la viva benissimo (come non la vivo bene io, del resto. Se fosse prassi comune forse mi sentirei meno in colpa).

Il primo giorno passa, lui è un po' più tranquillo, mi racconta dei soliti giochi, lavoretti, cose non particolarmente esaltanti. Il secondo giorno ero in ufficio piuttosto depressa, continuavo a pensare a cosa stesse facendo, avevo questa orribile sensazione di averlo abbandonato tra sconosciuti. Insomma, stavo in ansia e non vedevo l'ora di rivederlo e sapere che era andato tutto bene.


Nel pieno di questo mio stato d'animo decisamente abbattuto, mi arriva un messaggio privato su Facebook, da parte di una lettrice che non ho mai visto di persona (per ora).
Questo:
Ciao Morna,
come stai? È tantissimo che non ti scrivo, ma questa mattina è successa una cosa tenera che ti riguarda: sono andata un'ora al lago di C.  con mio marito e dall'acqua sono arrivati, sulla piccola spiaggia dove eravamo, un gruppo di ragazzini sui surf, li guardavo incantata pensando a quando il mio bimbo avrà la loro età, e ho riconosciuto il tuo bellissimo Mirtillo!  È veramente un ragazzino di una bellezza incantevole, e poi garbato con gli adulti che erano con il gruppo. Veramente, complimenti. Sarà pure indole, ed è vero che magari noi mamme tendiamo a sminuire il nostro lavoro di guide ed educatori, ma tu devi essere fantastica per avere un figlio così.
E fine del messaggio!
Ti abbraccio, 
E.


Beh, non lo so se potete capire il bene che mi ha fatto. Anzi,  che CI ha fatto.

A me, perché ero in ansia, e sapere che mio figlio invece stava benone, che si stava divertendo, che era in buone mani, mi ha dato un conforto che non posso spiegare. Sapete quando noi mamme diciamo "vorrei essere una mosca per vedere quello che fa"? Ecco, grazie ad E. sono stata quella mosca e, dopo, il mio cuore era leggero come non mai. Certo, mi ha fatto piacere anche sentirmi dire quelle belle parole, ma io ai complimenti non credo mai, sono un caso disperato. Quindi no, non credo di essere una mamma bravissima, tutt'altro, ma sono contenta che lui sia così (per indole, ovvio :-) )

Ma ha fatto del bene anche a mio figlio. Gli ho letto il messaggio, al rientro, e mi ha stupito, credevo non gliene sarebbe importato gran che, invece era fuori di sè dalla gioia.
Appena è tornato il papà è corso con il telefono in mano a leggerglielo, e da allora non è stato zitto un secondo, ci ha raccontato per filo e per segno ogni cosa della giornata, mentre prima dovevo estorcergli monosillabi con la pinza.

Lo so che non è un caso, e mi faccio un sacco di domande su quanto è successo (ovviamente io trovo il lato negativo anche nelle belle cose) : mi sto infatti chiedendo perché un complimento gratuito di una sconosciuta gli abbia fatto più bene di quelli che posso fargli io. E gliene faccio eh, ma ho avuto la nettissima impressione che questo riconoscimento esterno sia stato per lui fondamentale. Perchè?

E niente, mentre io mi interrogo, volevo lasciarvi questo racconto.
Perchè è giusto condividere anche le cose belle, perchè questo messaggio è nato da questo blog, e perchè è questo il bello di Internet, dei social, di questo blog: che possono arrivare queste iniezioni di fiducia e comprensione totalmente gratuite e per questo più vere.

E un grandissimo GRAZIE ad E., perchè non credo che abbia capito che regalo immenso ci abbia fatto.

Grazie, con tutto il cuore.


19 commenti:

  1. Mio figlio è uguale...l'idea che mi sono fatta è che non gli bastino più i nostri complimenti, quelli li ha probabilmente interiorizzati, sa che casa sua e noi siamo il suo porto sicuro...gli esterni invece sono banchi di prova vissuti come più reali, più sfidanti e quando arrivano i complimenti dall'esterno è felice, come giustamente avesse conquistato anche una piccola parte del mondo fuori...bellissimo post!

    RispondiElimina
  2. Allora adesso te lo faccio io un complimento... Scrivi più spesso, mi mancano i tuoi post.. Mi rivedo molto in te e il tuo punto di vista è il mio preferito! A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie A. Purtroppo non ho niente di interessante da dire, altrimenti scriverei volentieri! Mi impegnerò, promesso

      Elimina
  3. Non lo so' perché questo complimento lo ha riempito di gioia.. Forse per lo stesso motivo per cui ha dato tanto piacere anche a te! Sta' crescendo e vedere che "esiste" agli occhi del mondo e non solo quelli di mamma e papà è sempre un grande orgoglio.
    La tua amica è stata deliziosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi concordo con l' anonimo qui sopra ;-)

      Elimina
    2. Forse hai ragione, io l'ho letta in chiave di insicurezza, ma sono esperta nel vedere il lato negativo...
      E grazie!

      Elimina
    3. e ho fatto un'aggiunta perchè forse non si capiva. Il messaggio non viene da un'amica, ma da una ragazza che non ho mai visto! Forse per questo mi ha fatto così piacere...

      Elimina
  4. MIO FIGLIO HA INIZIATO I CENTRI ESTIVI LUNEDì SCORSO. HA APPENA FINITO LA PRIMA ELEMENTARE, E I SUOI COMPAGNI SONO ORMAI GIA' TUTTI AL MARE CON MAMME CHE NON LAVORANO. QUINDI LUI VA SENZA NESSUN AMICO. IO NON MI SENTO IN COLPA. CREDO CHE SIA UN'OPPORTUNITà DI CRESCITA PER LUI.. E IL SECONDO GG MI FA. MAMMA, DOMATTINA POSSO ANDARE A PIEDI DA SOLO? PREMETTO CHE IL CENTRO DISTA 300 MT DA CASA NS. PERCHè NO? E INFATTI DA MARTEDì, OGNI MATTINA, PIENO DI ORGOGLIO PER LA SUA NUOVA AUTONOMIA, SE NE VA DI BUON ORA AI CENTRO ESTIVI.
    MAI SOTTOVALUTARE LE LORO RISORSE, NE' IL LORO DESIDERIO DI SENTIRSI GRANDI

    RispondiElimina
  5. Se ci pensi anche noi adulti apprezziamo e "crediamo" di più ad un complimento esterno che a quello di qualcuno che ci vuole bene.
    Un post sulle gite da fare in un giorno lo apprezzerei molto ;) ne avevi fatto uno ma mi sbra fosse più in tema vacanza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gite in trentino Nia? Volentieri!

      Elimina
    2. Si qualcosa Abbiamo gia fatto, muse, levico, sella, abbiamo in programma il Buonconsiglio. Ma sono in cerca di nuove idee

      Elimina
    3. Quanto ti fermi? Ti avrei consigliato "giro d'ali" a Bellamonte, un parco giochi nell'acqua sulle cime, bellissimo, ma mi pare di aver sentito che sia chiuso per lavori! Al castello del Buonconsiglio domani c'e brunch musicale dalle 12 alle 15, forse andiamo a anche noi. In Alto Adige i bimbi apprezzano sempre molto l'altopiano Renon con il suo trenino. I miei hanno amato molto il museo della guerra a Rovereto, dove ci sono anche orme dei dinosauri (ma c'è molto da camminare ed è tutto al sole).

      Elimina
    4. Noi abitiamo in veneto. Ci basta fare la Valsugana, quindi abbiamo tutto il tempo che vogliamo ;)

      Elimina
  6. Anch'io aspetto i tuoi post, anche quelli cattivi di cui hai parlato! Barbara

    RispondiElimina
  7. Che bella storia :-) vedi a volte (spesso) ti senti una caccola ma poi le persone invece vedono quello che sei veramente...e cioè mica tanto male! Ok lei non ti conosce, ma ha riconosciuto tuo figlio e i suoi modi gentili...e questo è sicuramente anche molto merito tuo, gioiscine ! Anche a lui sicuramente fa bene ricevere un complimento esterno...perchè probabilmente crediamo meno a chi ci vuole bene e di più a chi non ha motivo di esaltarci.
    V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì hai ragione, deve essere così! :-)

      Elimina
  8. ciao morna, il tuo punto di vista mi piace sempre. Ti aspettiamo qua.
    Greta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Greta! (che bel nome, la mia barbie preferita si chiamava Greta! ;-P)

      Elimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...