martedì 19 luglio 2016

Mettere al mondo un bambino

Mettere al mondo un bambino significa tante cose meravigliose e indimenticabili che tutte abbiamo nel cuore e lì custodiremo sempre, come quel genere di ricordi che ci scalderà quando da vecchiacce faremo la calza sulla poltrona dell'ospizio dove i figli ci avranno confinato...presente?

Il primo sguardo, il primo vagito, il suo odore, quell'odore!, la prima volta che lo hai toccato, baciato, che te lo hanno poggiato addosso, quelle calde lacrime che ti hanno quasi annegato, quello studiarlo, ammirandone la perfezione, stupefatte dal miracolo della vita.

Poesia pura.

Ma mettere al mondo un bambino significa anche:

1) poter ingurgitare affettati di maiale crudi.


9 mesi che sognate un crudo di quelli che se squagliano in bocca, presente?, un panino con un salame stagionato al punto giusto e profumato che lo senti a distanza maggiore di quella a cui senti il pianto del neonato, la coppa, vi prego, la coppa, quella piacentina, che va giù con lo gnocco fritto, quello vero...un sogno che diventa realtà.


2) darvi ai formaggi di dubbia provenieneza e a quelli con muffa


i formaggi, quelli veri, non queli del supermercato, ma quelli che hanno la faccia da formaggio, quelli che puzzano da non poterli tenere in frigorifero, quelli che compri nei mercatini francesi o di campagna o nelle malghe senza sapere bene chi li ha fatti e come, ma fa nulla, il gorgonzola, Dio, il gorgonzola, quello vero, non quello confezionato, con tutta la sua muffa e la sua puzza indecente...Dio benedica il gorgonz...ehm..la regina? l'America? Chi era?

Machissengfrega, il gorgonzola se lo merita di più.

3) mettere in bocca la frutta e la verdura cruda senza averla prima consumata a lavaggi


vedere delle ciliegie e poterle assaggiare anche se non sono lavate, dare una lavata veloce a qualunque frutta e verdura e poterla mangiare senza strofinarla come l'argenteria della zia zitella e sciacquarla e risciacquarla come fosse la mela di Biancaneve.

4) smetterla di fare l'autopsia al cibo


ma nel gelato c'è l'uovo crudo?
E nel tiramisù?
Senta, può non mettermi il prezzemolo fresco a crudo?
Ma il salame sulla pizza va in forno e si cuoce?
Ma il formaggio non è di latte crudo, vero?

Finalmente possiamo tornare a non chiamare CSI e i RIS prima di mettere in bocca del cibo.
Possiamo fidarci degli occhi e della voglia e via andare.
Più o meno, insomma...

5) bere alcool.


Sì, si deve allattare, ok. Lo so, lo so.
Ma aria, almeno un attimo.
E intanto che aspetto la montata lattea, please, un prosecco ghiacciato, con la scusa di brindare alla nascita.
E una birra, con questo caldo? Anche solo una radler...tanto ora della prossima poppata è smaltita alla grande, no?

Beh, dai, più o meno...

6) dormire a pancia in giù.


Non dormiamo più una mazza dopo il parto, ok, lo so, ma quel poco possiamo farlo a pancia in giù, senza temere di fare la tartaruga rovesciata sul guscio. Presente?


7) fare sesso


Ehm...no.
Ancora no.

Ma chi non ha voglia, ha una scusa perfetta e che non ammette repliche!

C'è miracolo più grande?











15 commenti:

  1. Come sempre divertente, ma solo un appunto: vino e birra si può anche in allattamanto, due bicchieri al giorno sono consentiti.
    Vietati in toto solo i super alcolici e i cocktail che li contengono

    RispondiElimina
  2. Consolati: io seguo queste malefiche regole (e molte, molte altre) prima di ingurgitare cibo anche se non sono incinta (e il 90% del cibo cmq non posso ingurgitarlo) E le seguirò per la vita ;)

    RispondiElimina
  3. Dai che manca poco!!!! Io non so, non è che mangi sempre crudo e salame, ma in quei mesi quanto mi mancava (il chè lo so è banalmente ovvio...non puoi mangiarlo e allora lo desideri).
    Ma dopo aver dato alla luce ....mi volevano lasciare il pargolo direttamente in braccio..gli ho detto calmine un attimo...mi sono appena sparata un tot di ore allucinanti, ho avuto visioni mistiche grazie al gas, mi ha pisciato addosso 3 volte, ho già messo in bocca la tetta un attimo, datemi almeno mezz'ora per mangiare e riposare! Era notte e non avevo una mazza...una barretta di cioccolata...fondente...vabè. Giorno dopo eravamo in 3 in stanza tutte col paninazzo salame agliato e crudo. Una gioia immensa!!! E i formaggi....e le uova crude che io amo l'occhio di bue col rosso poco cotto...mi è rimasta la regola di lavare per bene la verdura...non sempre...almeno adesso non ho il patema ecco. Però adesso ci penso di più purtroppo. E la voglia di spritz che prima non avevo mai avuto....
    Ma ancor più del salame e del sesso a pari merito... DORMIRE A PANCIA IN GIUUUUUU ....
    E non mi mancano i calcioni nelle costole...
    V.

    RispondiElimina
  4. Io di tutto questo avendo fatto la Santa Toxo devo dire mi sono risparmiata parecchio, ho scoperto che la birra analcolica s'e è ben fredda tanto schifo non fa.... Ma il dormire a pancia in giù giuro me lo sognavo! Al 9 mese ogni ora dovevo girarmi mi pareva di avere dei pugnali nelle anche!

    RispondiElimina
  5. Ho ancora 4 mesi di attesa poi già detto: come la prima gravidanza portatemi 1 panino al crudo e 1 al salame milanese... e poi via di gorgonzola :D

    RispondiElimina
  6. Ma anche: bere caffé... e masticare le mie adorate gomme con edulcoranti!

    Perché la gravidanza ti toglie quelle cose che non sono essenziali alla vita, ma ti girano le balle a non poterle mangiare/bere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😨😨😨😨 che?i caffè lo sapevo ma 2 al gg me li concedevo...ma delle gomme da masticare a me nessuno ha detto niente...le ho sempre mangiate in quantità smisurata😨😨😨...oramai l'ho partorito

      Elimina
  7. A me dissero che la birra "faceva latte" yeppaaaa!!
    Ovviamente non è vero, ma un bicchierino ogni tanto non ci ha fatto male.. e pensare che a me non piace neanche, ma all'ospite nel pancione evidentemente non fregava nulla..

    RispondiElimina
  8. A me dissero che la birra "faceva latte" yeppaaaa!!
    Ovviamente non è vero, ma un bicchierino ogni tanto non ci ha fatto male.. e pensare che a me non piace neanche, ma all'ospite nel pancione evidentemente non fregava nulla..

    RispondiElimina
  9. Mai stata tanto felice di avere avuto una malattia come durante la gravidanza.
    Quanto agli alcoolici, ehm, dopo il parto un bicchiere di vino non l'ho più rifiutato.
    Dormire come mi pareva però....ecco quello davvero non ha avuto prezzo.

    RispondiElimina
  10. Ohhh finalmente condivido dalla prima all'ultima parola ma x la birra io uso la scusa che bere birra aumenta il latte!

    RispondiElimina
  11. Ricordo ancora quel profumino del panino con il salame che il mio caro fratellino mi portò giusto tre secondi dopo il parto....mmmm...avevo le baveeeeeee...poi arrivò il maritino con pane e mortadella (meglio la mortadella che il salame, disse 😲😲)....

    RispondiElimina
  12. Ho fatto la toxo alla quarta gravidanza, ad inizio terzo trimestre. Una paura che non avete idea, una gravidanza fisiologica, tutto perfetto, curva glicemica a posto, pensavo già al secondo parto in casa...E invece la doccia fredda degli esami sierologici positivi, e meno male che si fanno di routine! Per fortuna, con un bel cocktail di antibiotici in dose da cavallo fino al parto e una lunga serie di esami sierologici e specialistici sul mio cucciolo, abbiamo la certezza che lui sta bene è che non è stato contagiato. Terzo trimestre e piano del parto rovinato, ma siamo stati fortunati, ci è andata bene. Comunque il dubbio su cosa possa aver mangiato di infetto ancora rimane, non riesco proprio a ricordare! Perciò, a costo di sembrare malate di mente, continuate pure con le attenzioni maniacali su ciò che mangiate, specialmente quando pranzate spesso fuori per lavoro (come è stato per me lo scorso anno)...Non ascoltate chi dice che il prosciutto crudo si può mangiare, perché è stagionato!
    Io non mi posso neppure consolare pensando "almeno alla prossima gravidanza potrò mangiare tutto" perché dopo il quarto figlio direi che... Abbiamo dato! 😉

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...