Le giornate delle mamme

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
Quante cose faccia una mamma in 24 ore è incredibile.
Ma quante cose fa una mamma con un neonato in giornata cozza?
Zero, altrimenti detto…
una mazza proprio.
Le ore passano col neonato addosso, in braccio, alla tetta, spalmato come l’antirughe o l’anticellulite che non ti metti da 4 mesi o forse più.
E le vedi andare via quelle ore, una dopo l’altra, finché si fa buio e ti chiedi che hai fatto da stamattina e la risposta è:
NIENTE.

Non hai avuto il tempo di fare NIENTE.
Perché ti svegli con la voglia e le intenzioni di fare le pulizie di primavera pure a casa della vicina da quanto ci credi, di finire quel lavoro che trascini da 3 mesi – cioè dal parto, guarda caso – o di uscire a fare la spesa o a comprare quel passeggino che, grazie a Padre Pio e alla Madonna di Lourdes, sta in ascensore e pure nel bagagliaio,
ma la giornata non è tua.
È sua.
Di quel coso lungo mezzo metro che oggi e magari anche domani e poi tra 3 giorni e poi tra 5 ti vuole e ti vorra tutta per sé.
Arrenditi, cara mia.
Ci sono giornate che vanno così.
Anche se ti fa male,  anche se non è da te, anche se non vorresti, vanno così.
Sai che si fa?
Si fa che quando il neonato è in buona si fa Wonder Woman per portarsi avanti ed arrivare dove non saresti arrivata in 3, ma anche 4 giorni, così, quando capita la giornata no, la accetti con filosofia, anzi, ti riposi, in svacco totale col neonato. Senza troppi pensieri.
Il passeggino?  Lo puoi ordinare su passeggini.net e via.

La spesa? Come mi ha ricordato ieri il mio settenne: mamma, falla on line, checcavolo! Quando lavoravi tanto facevi così, no?

Vuoi dargli torto?
No se ti mancano birra e patatine per farti un aperitivo ovvero l’essenziale per l’umore di una puerpera.
Due click su Amazon.it – magari pure Prime – e così in un’ora puoi strafogarti felice.
What else? direbbe il figo del caffè.
Bah…in effetti George, vorrei tanto altro e volentieri, ma vabbeh, ci accontentiamo di una birra, che dopo qualche sorso ti fa vedere il mondo rosa, tanto rosa, famo fuxia:
le giornate di merda capitano, ma in quelle giornate, quelle che ti sembrano di nulla, c’è più amore che mai.
C’è vita, anche se non ce la vedi.
C’è la rinuncia a te stessa per il tuo bambino.
In quelle ore di infinita pazienza, in quelle ore di nulla apparente, c’è l’essenza di noi mamme.
Che no, non è la birra.
Forse più  le patatine.
Written By
More from Klarissa

La scelta del nome del bambino

Share this...Poco dopo aver fatto pipi’ su un affare di plastica detto...
Read More

15 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *