martedì 23 agosto 2016

Tornare a casa

Io amo tornare a casa.
Per quanto sia stata bella una vacanza, o un viaggio, il momento di infilare le chiavi nella toppa e ritrovarmi a casa mia è sempre un'emozione.
Come ritrovare un grande amore dopo giorni di lontananza.

Adoro entrare e ritrovare il mio soggiorno ampio e fresco.
Ogni volta ne sono stupita: wow, ma è davvero casa mia? E' davvero così grande?

Adoro ritrovare il mio bagno, la mia doccia.
Chissà perchè, in vacanza le docce son quasi sempre pessime: odio le tendine, odio quando si allaga ovunque, quando il getto è un rivolo triste o quando l'acqua è sempre troppo calda o troppo fredda.

Adoro ritrovare le mie cose al loro posto, senza dover rovistare ogni volta in valigia alla ricerca di qualcosa che non trovo mai, quando serve.

E ritrovare il mio letto: ahhh, che goduria.
Son sempre stata "vecchia", in questo.
Nessun letto è mai abbastanza pulito, abbastanza comodo, abbastanza mio da dormirci "come a a casa".
Non dormo mai bene, io, in vacanza. C'è sempre un materasso troppo duro, o troppo sfondato, lenzuola troppo sottili, cuscini troppo bassi o troppo alti.
Troppa luce, troppo caldo, troppi rumori.



La mia camera è buia e fresca e silenziosa.
E per silenziosa intendo che, di notte, non c'è alcun rumore, alcun suono, NIENTE. Non un'auto che passa, o il calpestio dei vicini, o  un cane che abbaia. Silenzio, assoluto.
Ho infissi talmente tosti che non senti nemmeno se piove, per dire.
Per cui per me ogni minimo rumore significa insonnia.
Ci sono 22 gradi adesso, in pieno agosto, e dormo sempre con la coperta .Dormire al caldo è particolarmente angosciante, per chi non è abituato.

Adoro ritrovare il mio divano, e la vista "panoramica" sul resto della casa, che mi sembra sempre così incredibilmente bella e grande, quando rientro.

Adoro poter camminare scalza senza chiedermi se prenderò qualche schifezza.

Adoro tornare a bere l'acqua del rubinetto, gelida e squisita, e restare con finestre aperte la sera senza che un nugolo di zanzare mi uccida.

Amo ritrovare i miei vestiti appesi, i miei trucchi nel loro cassetto, il mio profumo.

La mi cucina, la mia moka, il mio caffè.

Casa mia.

Adoro anche partire, sia chiaro, e non vedo l'ora di raccontarvi del mio viaggio in Sicilia (perchè no, non è stata una vacanza, è stato un viaggio).

Ma quello che ho capito ieri, è che se tornare è una gioia tanto grande, sono sicuramente nel posto giusto.






4 commenti:

  1. Va be ma sei in Trentino!!! Se avvantaggiata! Comunque anch'io provo quelle sensazioni quando torno a casa dopo un viaggio o una vacanza. Il fatto di riappropriarmi delle mie cose, dei miei spazi e delle mie abitudini è una cosa che mi piace. Se la vacanza è stata particolarmente bella torno ricaricata e piena di energie e mi godo meglio il ritorno. Purtroppo qui nella campagna emiliana ci sono le fameliche zanzare e in piena estate anche l'afa perciò le finestre le teniamo aperte di sera, di notte e al mattino presto e con le zanzariere!!! Non vedo l'ora di leggere un tuo post sulla Sicilia perché ho letto che sei stata in alcuni posti dove sono stata anch'io nella mia ultima e bellissima vacanza fatta a luglio. Barbara

    RispondiElimina
  2. Questa volta sono stata proprio brava, prima di partire ho lustrato casa e l'ho riordinata come prima di avere la pargola. ..
    Quando sono rientrata due giorni fa dopo giorNi e giorni infiniti in un campeggio...
    Ho baciato e salutato ogni piccolo oggetto.

    RispondiElimina
  3. Eh capisco, fissa dei germi presente...sono pochi i posti dove mi sono sentita in un igiene quasi da casa mia. Casa mia non è come la tua, non è grande e non c'è silenzio fresco e zero zanzare....ma è pur sempre casa è vero!!
    Non vedo l'ora di leggere del tuo viaggio !
    V.

    RispondiElimina
  4. Noi odiamo visitare città con il caldo. Ci andiamo solo in primavera o se non possiamo in altre stagioni. In estate o mare o montagna o un viaggoo naturalistico ma per le città dove fa caldo manco pagata

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...