venerdì 7 ottobre 2016

Festa di compleanno per mamme sociopatiche

Ora farò coming out.
Non è facile per me confessarlo, ma devo liberarmi di questo peso: non ho mai organizzato una festa di compleanno ai miei figli.

I primissimi anni facevo una festicciola con nonni e cuginette e vicini di casa.
Poi sono spariti nonni e cugine e son rimasti i vicini.

Loro compiono gli anni in pieno agosto, ed uno degli (utilissimi) insegnamenti di mia mamma, insieme a "niente lino prima di luglio", "niente pantaloni bianchi a settembre" e "il cappotto si può mettere solo dalla festa dei morti" era: i compleanni si festeggiano il giorno giusto.
Quindi, obbediente, mandavo un messaggio di invito a ferragosto e "chi c'è c'è".
Alla fine, quindi, ci trovavamo tra vicini, con i 3 o 4 amichetti della stessa età, aggiungici un paio di fratelli e il gioco era fatto, niente animazione, niente giochi da ideare, niente banchetti da matrimonio: una pizza, patatine, un paio di bibite, la torta fatta da me, e basta.

Poi, con l'inizio della scuola elementare, si sono moltiplicati gli inviti: nessuno festeggia a casa, quasi tutti vanno nella sala parrocchiale, di uno squallore disarmante, qualche altro al parco, qualcuno ha affittato una sala compleanni, con gonfiabili ecc.
Immancabile il tavolo dei regali, dove tutti lasciano il pacchetto che verrà aperto chissà quando o riciclato per chissà chi: mi son sempre sbattuta per fare un regalo originale e carino, e mi son sempre pentita nel vederlo seppellito da altri mille pacchetti.

Ma lo confesso, un po' ero "invidiosa": alle mie feste mia mamma chiedeva di venire senza regalo.
I miei figli, come detto, avevano al massimo 3 amici alle loro.
Quindi il tavolone di pacchi regalo mi manca (dico mi coscientemente, a loro probabilmente frega niente), e per una malata di regali come me, pensare di vederli scartare decine di pacchetti, almeno una volta nella vita, è elettrizzante, lo ammetto.


Perchè non ho mai fatto queste feste, mi chiederete: semplice, perchè sono sociopatica o festopatica, non lo so.



Io ho sempre avuto feste con tutta la classe che veniva a casa mia, non ho mai avuto problemi di bullismo, mai stata quella "scartata", tutti venivano volentieri.
Quindi non so proprio da dove mi venga questa ansia al limite del panico.

Tutto mi sembra insormontabile.
Dove farla?
La sala parrocchiale è la tristezza, nel parco devo pensare al meteo, in una sala apposita ci si lascia un occhio ed è dispersivo, al museo costa un occhio e un rene.
A casa? Se invito tutti è il delirio.
E poi la torta, farla per 10 è un conto, per 25  o 30 persone anche no.

Quest'anno, però, ho promesso loro una vera festa.
Specie a Tondino, che non ha vicini della sua età e quindi lui ha sempre fatto la festa con Mirtillo, ma nessuno ha mai portato niente a lui.

Ok, tesori, farei la festa prima della fine della scuola, che dite? Ma stavolta invitiamo tutti!
Emh, no dai,  facciamola a settembre va, festeggiare prima porta sfiga.
E settembre è il mese peggiore, tutto ricomincia con il botto, e io non ho neanche tempo per piangere, come vi dicevo, figuratevi di organizzare feste e banchetti.

Insomma, rimanda e rimanda, quando ormai mio marito diceva che era assurdo farla ora, mi son decisa: le promesse son promesse.
A loro non interessava tutta la classe volevano solo i loro amici più stretti, 5 ciascuno.
Perchè incasinarsi la vita, affittare sale ecc, se non è quello che vogliono?
Lo farò prima o poi, a loro davvero non interessa, ma interessa a me, è una sfida con me stessa.

Ma quest'anno è già tanto riuscire a mantenere la promessa: quindi solo gli amici più stretti e qui a casa.
Prima di cambiare ancora idea, lunedì ho preparato i 5 bigliettini di Tondino e la mattina li abbiamo messi nelle tasche della bacheca.
Per Mirtillo, ho mandato gli avvisi via wa.
Le mamme della primaria mi hanno risposto subito, vengono volentieri: ed è un bel sollievo perchè tra le mie inspiegabili ansie c'è pure la festa deserta.
Vi ho già detto che  non so da dove viene questa sensazione orrenda, non è mai capitato a me, nè a loro, so che hanno tanti amici.
Eppure.

Le mamme della materna, invece, zero.
Come biasimarle, quante volte ho perso i bigliettini io..
Alla fine, deo gratias, due hanno risposto, degli altri nulla so, ma temo proprio che la mancata risposta equivalga a "no grazie": povero Tondino, saranno solo in tre... ma uniti ai "grandi" sarà comunque un bel movimento.

E lui è comunque felicissimo, è la sua prima festa, oggi andiamo a prendere le patatine, non sta nella pelle.

Lui.
Io sono in preda all'ansia: ve lo giuro, non sono un a persona ansiosa, per nulla.
Posso avere i più grandi casini di lavoro, le riunioni più impegnative, parlare ad una conferenza e nulla mi tange.

E una cazzo di festa di compleanno mi stende.

Come li intrattengo?
Non so proporre giochi, non voglio ingaggiare clown, maghi o animatrici: che gli faccio fare?
2 ore forse si arrangiano, ma 3 o più non posso farcela.

Per non parlare del grande, grandissimo problema: i genitori.
Qui tendenzialmente ti suonano, ti lasciano il figlio sulla soglia e non fai in tempo ad aprire che si son già date alla fuga.
Ma se si fermano? Le mamme dell'asilo non so neanche che faccia abbiano, per una sociopatica come me è la morte.

Qualche giorno fa parlavo con una mamma (mamma di uno degli invitati).
Si parlava della chiusura dei trentini, che i "forestieri" (cioè chi non è natìo del paese) sono tagliati fuori e lei mi diceva che guardando le mamme dell'asilo le viene da pensare "madonna, 2 anni di asilo, me le porterò dietro altri 5 anni e non so  neanche come si chiamano".
E io "guarda, il mo grande è in terza, ma tra mamme praticamente non ci conosciamo. Esclusa la pizza di fine anno e due parole fuori da scuola le poche volte all'anno che vado, non ci parliamo mai".
E lei   "ohhh mi consoli!!!"
Io sono scoppiata a ridere, perchè io lo avevo detto con accezione negativa mentre il suo evidente sollievo mi ha fatto scompisciare.

Per quanto ci sentiamo sociopatiche, c'è sempre qualcuno peggiore di noi.

E qualcosa mi dice che qui in Trentino siamo molte.

Comunque, domani ho qui a casa dai 7 ai 10 bambini.
Non ho idea di cosa faranno.
Non ho idea se ci saranno i genitori e se sì di cosa diavolo parlare (lo so che chi tra voi è introversa capirà).
So che preparerò due torte (una ancora da decidere), una pizza e una focaccia.
E che avrò birre in frigo per farmi forza.

So anche che se arriverò viva a domani sera mi sentirò una gran figa.
Ma meglio non sperarci troppo.

Se non mi leggerete più, sapete perchè.
Se volete tentare di salvarmi e volete quindi lasciarmi qualche consiglio terra terra su come intrattenere dei bambini senza chiuderli in uno sgabuzzino, e intrattenere dei genitori senza darsi alla fuga, dite pure.

La vostra sociopatica Morna.






20 commenti:

  1. Alla festa di compleanno di mio figlio(6anni) si arrangiano da soli e non bisogna intrattrnerli! Io ho la fortuna di avere il giardino e ha fine festa sembra un campo di battaglia!però a noi genitori non ci cagano proprio!sulla conversazione con le mamme sei così simpatica che ce la farai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne dubito, ma grazie per la fiducia

      Elimina
  2. compra anche delle caramelle gommose e patatine, vanno alla grande.
    Per l'intrattenimento, metti della musica di qst tempi (Baby K, Fedez, Rovazzi ) e vedrai che salteranno per chi balla di più.
    il gioco antico della pallina su un cucchiaio da trasportare senza far cadere riscuote sempre un gran successo, così come quello di mettere un sacco di roba a caso in una scatola, fargli un buco e i bambini mettendo la mano nel buco devono dire cosa c'è dentro.
    cmq

    RispondiElimina
  3. Outing al contrario... Io adoro le feste!!!! Fatta una mercoledì per il compleanno del mio bimbo di mezzo, 25 bambini (in una sala con i gonfiabili). Il segreto è viverla no stress no idee strane: torta e focacce comprate alla panetteria di fianco alla sala (manco andata a ritirare all'ora giusta è arrivato il figlio della panetteria con le vivande). Allestimento zero (tovaglia piatti tovaglioli bicchieri di carta e stop). Gonfiati un po' di palloncini. Per il resto comprato al super sotto casa patatibe e bibite (le compri e le lasci in auto nel bagagliaio così le scarichi direttamente). Ai bimbi del contorno frega nulla, vogliono giocare e scartare i regali ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, no stress... mi manca questo piccolo fondamentale punto.
      Per allestimento, ovviamente non mi è passato neanche lontanamente per la testa di "allestire". palloncini e stop

      Elimina
  4. Palloncini!! Da rompere, da lanciare...
    Se riesci a trovare una bombola di elio li puoi usare come "bomboniera" da far portare a casa quando la festa finisce (un bel nastrino da pacchi legato al nodo). Una volta ne abbiamo gonfiati una 50ina e in una ventina ci avevamo messo dentro una caramella incartata. È stato uno spasso vederli dare tante culate a terra cercando di farli scoppiare.
    Altra cosa che stupisce sempre è un bel foglio gigante appiccicato a terra e pennarelli/ pastelli disponibili.
    Noi usiamo il rotolo di carta dell'ikea e tappezziamo il pavimento della cucina, rigorosamente piastrelle bianche! Una lavata e viene via tutto.
    In tutti questi anni ho visto che comunque i bimbi s'intrattengono da soli.. lascia patatine e caramelle e via.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carina la caramella nei palloncini! Grazie!
      E prenderò della carta da pacchi bianca, in effetti potrei far fare un murales...

      Elimina
  5. Palloncini!! Da rompere, da lanciare...
    Se riesci a trovare una bombola di elio li puoi usare come "bomboniera" da far portare a casa quando la festa finisce (un bel nastrino da pacchi legato al nodo). Una volta ne abbiamo gonfiati una 50ina e in una ventina ci avevamo messo dentro una caramella incartata. È stato uno spasso vederli dare tante culate a terra cercando di farli scoppiare.
    Altra cosa che stupisce sempre è un bel foglio gigante appiccicato a terra e pennarelli/ pastelli disponibili.
    Noi usiamo il rotolo di carta dell'ikea e tappezziamo il pavimento della cucina, rigorosamente piastrelle bianche! Una lavata e viene via tutto.
    In tutti questi anni ho visto che comunque i bimbi s'intrattengono da soli.. lascia patatine e caramelle e via.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo, per le mamme lascia perdere! Tanto mangeranno come gli uccellini, e sempre meno della mamma di fianco, quindi nulla. :-)

      Elimina
    2. Dimenticavo, per le mamme lascia perdere! Tanto mangeranno come gli uccellini, e sempre meno della mamma di fianco, quindi nulla. :-)

      Elimina
    3. Dimenticavo, per le mamme lascia perdere! Tanto mangeranno come gli uccellini, e sempre meno della mamma di fianco, quindi nulla. :-)

      Elimina
  6. Ciao! prima regola: spazio!!! sposta tavoli, sedie, divani.... tutto ai bordi, e crea uno spazio in cui i bambini possano giocare, ballare, correre o almeno muoversi senza inciampare. palloncini, tanti! fanno tanto "festa di compleanno" e ai bambini basta poco per divertirsi! giochi.... mmmmm proviamo con la classica patata bollente (un piccolo premio all'interno, come bolle di sapone, macchinina, caramelle, .... e poi strati di carta chiusi con scotch fino a fare una palla. tra uno stratoo e l'altro aggiungere delle piccole penitenze, tipo fai un salto, mangia una patatina, canta una canzone... parte la musica e i bambini devono passarsi la patata bollente. quando la musica finisce, il bambino che ha in mano la patata, toglie uno strato e fa la penitenza....) Musica! dire baby dance fa figo, ma alla fine basta che la musica piaccia e i bambini, ballano! ai maschi piacciono le gare. due cestini, i bambini divisi in due squadre, a distanza devono fare "canestro" con tante palline/nocciole/maccheroni . Caccia al tesoro? Mantelli per trasformarsi in supereroi? (asciugamani e spille da balia..) Adesivi da mettere sui bicchieri (se anche sanno leggere il proprio nome, sarà divertente avere un simbolo personale) Patatine a volontà, smarties.... ma soprattutto..... CE LA PUOI FARE!!!!!

    RispondiElimina
  7. Io ho organizzato una festa quest'anno ai miei ma mica a casa nono e poi che cazz dico?? al bowling sono venuti praticamente tutti non sapevo se ridere o piangere al momento di pagare il conto..........per la piccola nata il 13 agosto io ci ho provato ma nessuna delle mamme mi ha risposto .........lei è ancora piccola nn se ne è manco accorta aveva le cugine e i mitici figli dei vicini di casa che fanno sempre comodo e ovviamente festa in casa---------------

    RispondiElimina
  8. Io ho organizzato una festa quest'anno ai miei ma mica a casa nono e poi che cazz dico?? al bowling sono venuti praticamente tutti non sapevo se ridere o piangere al momento di pagare il conto..........per la piccola nata il 13 agosto io ci ho provato ma nessuna delle mamme mi ha risposto .........lei è ancora piccola nn se ne è manco accorta aveva le cugine e i mitici figli dei vicini di casa che fanno sempre comodo e ovviamente festa in casa---------------

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh, stesso giorno di Tondino!
      Guarda, io mi sorbisco le chiacchiere piuttosto che svenarmi altrove... ho fatto tutto io e già così ho speso più di 100 euro!

      Elimina
  9. Non ti invidio per niente ma ce la farai!!
    A me piacerebbe organizzare non solo feste di compleanno ma mi viene l'ansia da prestazione...quest'anno gonfiabili la mattina, una settimana dopo perché il giorno della festa aveva avuto il virus l'anno prossimo l'ho già detto solo al nido e tra di noi stop!

    RispondiElimina
  10. Morna, dicci un po' com'è andata!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustamente La Ninfa! E' andato tutto bene: i bimbi hanno giocato senza necessità di intrattenimento. La casa è ancora in piedi, anzi, direi che son stati bravi. Ho apprezzato i regali, perchè sono stati fatti davvero con amore: gli invitati erano davvero orgogliosi delle loro scelte, e questo mi ha commosso. Io e il Mornamarito abbiamo passato il pomeriggio con due mamme e un papà che non avevamo mai visto prima, ma complice la birra, ne usciamo usciti, direi dignitosamente. C'era fin troppo da mangiare, ho fatto due torte squisite e ipercaloriche che mi son sbafata io nei giorni successivi. Grassa e sopravvissuta, in sostanza. L'anno prossimo però opterò per feste separate: piuttosto faccio doppio sbattimento iniziale, ma gestire 5 o 6 bimbi della stessa età è molto più facile che gestirne 12 di età mista con i genitori tra le balle.

      Elimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...