giovedì 3 novembre 2016

Gli amici dei figli

Quando i figli crescono, diciamo quando iniziano le elementari, si presenta un problema che vi era stato risparmiato per i primi 6 anni: gli amici scelti da loro.
Sì, perchè fino a a quel momento gli amici erano bene o male scelti da voi: i figli dei vostri amici, della vicina, dei colleghi...
Ma ora no, la pacchia è finita, e gli amici se li sceglie lui.
E non sempre (quasi mai) ne sarete entusiaste.

Sarà che il bello e maledetto, oltre che alle donne, piace anche ai bambini, ma tendenzialmente gli amici vengono sempre scelti dal cesto "più parolacce per tutti" , "randello facile" o "balle come se piovesse".




Consiglio: non fermatevi alle apparenze.

Mirtillo ha come migliore amico un suo clone: biondo e apparentemente angelico come lui.

Come secondo migliore amico, nonché vicino di casa e compagno di scorribande (perchè il Primo Migliore Amico abita in un altro paese ed è meno selvagg libero dei miei) ha quello che apparentemente è un piccolo vandalo.

Sarà che ha fratelli maschi più grandi, ma conosce tutto il repertorio del parolacce più in voga, compresi i gesti e le sigle delle parolacce (che io ignoravo) che ora ovviamente conosce e riproduce e diffonde anche il mio. Anzi, i miei, perché le parolacce si tramandano di fratello in fratello più dei vestiti, quindi grazie a noi hanno fatto il loro trionfale ingresso alla scuola materna.

Questa cosa delle parolacce non va sottovalutata: non perché mi sconvolgano, ma perché mi hanno dato la dimostrazione empirica di quanta maggiore influenza abbiano gli amici rispetto ai genitori.
Io infatti sono uno scaricatore di porto, e i miei figli han sempre detto pochissime parolacce rispetto a quelle da me assorbite.

Avevo anche teorizzato che più ne sentono meno sembrano proibite e quindi interessanti, incitando mamme ed amiche ad abbandonarsi a linguaggi diciamo coloriti.

Ma la mia teoria aveva una terribile falla: il linguaggio dei genitori non è poi così attrattivo.

Aspettate che le sentano dagli amici!

Comunque, dicevo, non fermatevi alle apparenze.
Questo bimbo, a prima vista, non è esattamente quello che ogni madre sogna di trovarsi a tavola.
Ma se si approfondisce un po' diventa esattamente l'amico che ci si augura.

Ha una sorellina di circa un anno che adora, ed anche con Tondino è davvero carino e dolce.
Un bambino che adora i piccini e lo mostra tranquillamente nel pubblico ostile del parco non può essere il bulletto che sembra.
A proposito di bulletti: lui è uno tosto, non si fa intimidire da nessuno ed ha la sfacciataggine e il coraggio proprie di chi ha dovuto sopravvivere a dei fratelli maschi tanto più grandi.
Al parco ha preso in giro due ragazzini di prima media che avevano proibito a due bimbi di 6 anni di giocare a calcio perchè secondo loro facevano pena.
E lui "se fanno pena facciamo una partita, noi e loro contro di voi, o dite che non possono giocare perché pensate di perdere?".
Insomma, ha difeso e difende i più deboli e questo mi  piace molto.

Se mi fossi fermata alla prima impressione avrei commesso un grosso sbaglio.
Per ora, osservo.
Osservo lui, Mirtillo, e mi piace quello che vedo.
Si muove nel mondo con il suo passo goffo e impacciato, ma ride sempre (fuori casa) ed ha tanti amici. Può stare con il primo della classe come con il più discolo, si adatta senza trasformarsi.
E ovviamente osservo gli amici, con il prezioso insegnamento di questa piccola esperienza: mai farsi influenzare dalla prima impressione, non lasciarsi sconvolgere da un atteggiamento un po' sopra le righe, ma guardare alla sostanza.
Se sta con chi difende gli esclusi, sono tranquilla (per ora).

Non dico di essere fortunata, perchè Klarissa non l'ha inserita in top ten ieri, ma lo sappiamo tutte che la sfiga oltre vederci benissimo ci sente da dio, e la parola "fortuna" ha lo stesso effetto del sangue sugli squali, quindi ssshhht!


2 commenti:

  1. Noi siamo all'asilo ma alcuni amici già non mi piacciono. Per ora sorvolo, che devo fare!!

    RispondiElimina
  2. La mia piccola ha tre mesi quindi il suo unico amichetto x adesso è il figlio di una mia amica che gli ha gia ciucciato la guancia al primo incontro hahaha

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...