mercoledì 16 novembre 2016

Soluzioni per notti insonni



Ho un gatto di un certo peso, tipo 10 kg nudo.

Nudo, ma non tosato, eh, perché una volta  abbiamo provato a farlo tosare, ma i tosatori ne portano ancora le cicatrici.

Vi dico solo che quando passo davanti al negozio di toelettatura rido ancora per la scena apocalittica che è apparsa ai miei occhi quando quei poveri tosatori hanno aperto la porta della stanza dove si erano chiusi con Lapo: 

loro sudati, grondanti, ricoperti di ciuffi di pelo bianco e nero e sanguinanti. 

Con il mio gatto scatenato che pareva un leone, altro che un povero innocuo e pacioso gatto da appartamento.


Sì, perché Lapo è un ciccione peloso e si lascia fare molto, soprattutto dai bambini, ma, giustamente, non tutto.

Tipo lasciate stare il mio pelo, non paciugatemi se non ne ho voglia e non fate casino vicino a me. E datemi da mangiare spesso o mi incazzo.

Diciamo che quando si arrabbia si vede e si sente.
Si sente chiaro e forte anche quando nella notte (e solo Dio lo sa, perché di notte...) vuole manifestare qualche disagio: data la mole, potete immaginare come risuona nel silenzio della notte della verde periferia milanese il suo malcontento.
Ultimamente era diventato davvero fastidioso.

Probabilmente l'arrivo di Vittoria lo ha destabilizzato, come spesso accade agli animali domestici quando arrivano i bambini, questi esserini nuovi...che saranno? E perché tutti intorno a loro?

E così, di notte, ogni volta che ero lì lì per uscire dalla cameretta correndo con gli occhi a cuore verso una birra ghiacciata - presente, vero?! - partiva l'ululato.

Vittoria si svegliava, ovvio.

E io sfanculavo il gatto e il mondo tirando giù moccoli.

E se mi svegliava pure il grande, lo sfanculavamo in 2.

Così, avendo conosciuto Feliway per quegli incontri di cui vi ho parlato qui, ho pensato di mettere in pratica i suggerimenti dei veterinari: 

forse il povero ciccione si sentiva trascurato, si sentiva a disagio, forse la nuova arrivata aveva minato la sua autostima (di eunuco), chi lo sa?

E siccome non sono vegana, ma amo le bestiacce (soprattutto i miei figli e il gatto), prima di ucciderlo con le mie mani perché mi impediva di dormire peggio della neonata, ho pensato di ascoltare i consigli dei medici veterinari esperti in comportamento animale e ho provato a combattere con le sue armi: i feromoni

Così ho provato con Feliway.

Cos'è?

Questo:




Detta brevemente, i feromoni sono prodotti dallo stesso animale, che li rilascia quando si sente sicuro nel suo ambiente. Presente quando vi si strofina contro? O si strofina contro il divano o le pareti? Ecco, sta depositando feromoni facciali felini.

Feliway è la copia sintetica, prodotta in laboratorio, di questi feromoni, che vengono rilasciati nelle nostre case grazie ad un diffusore o ad uno spray. Questo trasmette ai gatti una sensazione di benessere, non li seda, non ha effetti tranquillanti, non li rende dipendenti, è innocuo per l'uomo e per i bambini.

Io ho scelto Feliway in diffusore, l'ho inserito nella presa della stanza del salotto, dove il gatto sta generalmente  e...








Il gatto non è svenuto addormentato, non è saltato sul lampadario per la gioia, non è saltato al collo di mio marito, ma, semplicemente, si è via via rilassato, progressivamente, giorno dopo giorno, si è rasserenato e ha regalato via via a noi tutti notti tranquille.
Senza ululati.

Stavo quasi pensando di consigliarlo ai tosatori...

Naaaaaaaaaaaaaa!



Post in collaborazione con Feliway

6 commenti:

  1. Devo consigliarlo a mia madre per la sua bestia 😁

    RispondiElimina
  2. Devo riprovare a prenderlo anch'io...la più vecchia dei tre emette miagolii quando?quando mangiamo o quando si addormenta la piccola...la strangolerei...grazie per avermelo ricordato😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di niente! E' incredibile, comunque, come reclamino attenzioni nei momenti peggiori che riescono sempre ad individuare perfettamente. Sono peggio dei figli!

      Elimina
  3. Noi siamo grandi fan del feliway, con tre traslochi e due cuccioli subentrati in casa (uno umano e uno felino) le mie due gatte più vecchie non ce l'avrebbero fatta a superare i traumi da sole...e nemmeno noi!
    Il cucciolo umano è stato accettato quasi subito, la gatta più giovane ancora no ed passato un anno e mezzo da quando è arrivata, ma almeno non fanno più pipì in giro (che schifo)!
    Mina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I traslochi e la nascita dei bimbi sono momenti molto difficili per le bestiole di casa. Meno male esistono questi aiutini, innocui ed efficaci per questo genere di malesseri.

      Elimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...