lunedì 21 novembre 2016

Tutta la verità sui pidocchi: come si prendono, come si debellano, come si evitano



Con il rientro a scuola, ecco che pullulano i post sui pidocchi. O meglio, io non so se pullulano, so che ne ho letti di sponsorizzati. Il che va benissimo, per carità, ce pagano, ci mancherebbe, ecc ecc. Ma diciamoci la verità: non puoi parlarmi di pidocchi se non sai VERAMENTE cosa sono.

Se non hai la laurea ad honoris causa sui pidocchi, non puoi spiegarmi che si levano solo grazie allo stracazzo di prodottino che io ci pettino le bambole, e quelle nemmeno fanno una piega.

I pidocchi, per spiegarli e decantarne, vanno vissuti. E io, modestamente, ne so qualcosa.

Ma partiamo dall'inizio, prima che mi prendiate per una sudiciona di primo livello.

La prima volta che mi sono accorta dei pidocchi (e so che vi state già grattando, lo sto facendo anch'io) è stato due anni fa, a maggio. Avevo prenotato un weekend lungo al mare, io e le bambine, e due giorni prima vedo la grande che si gratta furiosamente. All'epoca eravamo a Parigi, e a Parigi il cartello "poux" è affisso dal primo settembre, giorno della rentrée, al 30 giugno. Insospettita, controllo: eccole, loro, le lendini.

Come si riconosce una lendine?


Perché io non lo sapevo, ci ho messo un po'.

Primo, non è detto che si vedano senza un controllo approfondito. E per approfondito intendo alzare, tirare, smuovere i capelli, scavare a fondo. Sono marroncino chiaro (quelle morte sono bianche e secche), sono lungo il capello, e si riconoscono dal resto perché quando si toccano non si staccano, vanno tolti tenendole bene tra le unghie, o con l'apposito pettinino. Dove stanno? In particolare nei pressi della nuca e intorno alle orecchie e alle tempie.

Sgratt sgratt, nel frattempo.

E i pidocchi?


Quella volta, Penelope aveva solo lendini. Ma Priscilla... Priscilla aveva i pidocchi. Piccole bestioline nere che io non avevo mai visto, ma che, al contrario delle lendini, cadono (ne ricordo uno che camminava sulle sue spalline minute di treenne... orrore).

I pidocchi sono contagiosi. Le lendini, in teoria, se non si sono ancora schiuse, no.

Cosa si fa se si trovano delle lendini o dei pidocchi?

La prima cosa che ho fatto è stato usare l'apposito shampoo. Ne avevo uno in casa a causa del simpatico cartello affisso, au cas où, e l'ho usato, su tutte e tre, alle nove di sera. Lasciato in posa, poi ho lavato tutte.

Poi ho lavato TUTTO: lenzuola, pigiami, vestiti, peluche, coperte, qualsiasi cosa potesse essere venuta in contatto con la testa delle mie figlie e rappresentasse terreno fertile per i pidocchi. E qui la comodità di avere tutto bianco: 90 gradi e anche un po' di candeggina, si sa mai.

Dopo aver lavato e asciugato i capelli a loro e pure piastrato i miei, siamo andate a dormire. 
L'indomani ho avvisato scuola e nido, poi ho comprato il pettinino, quello in metallo. E la sera mi sono messa a pettinarle. Ne avevano ancora a CHILI. Il prodotto non aveva fatto niente. (per questo vi dico, ok gli sponsorizzati, ma comunque...)

Perciò di nuovo ho lavato TUTTO (vi prego, fatelo!!!) e ho passato la sera a pettinarle, e il pettinino per me è miracoloso ed è l'unico sistema per eliminarli veramente. I pidocchi vanno uccisi, possibilmente schiacciandoli con le unghie.

Ci vuole pazienza, tantissima pazienza, ma se pensate di risolverla con un prodotto e via, nella maggior parte dei casi vi sbagliate.

E dopo? Dopo ho continuato a controllare per giorni, col pettinino. Io mi sono rifatta un trattamento, perché da sola non riuscivo a capire se passavo il pettinino in ogni punto. Siamo partite il weekend del 9 maggio, la settimana dopo c'era mia mamma e ricordo che mi ha controllata la mattina del mio compleanno, 17 maggio, e avevo ancora tre lendini. Per dire che i prodotti... ehm...

Sarà mica finita qui? EH NO!

A Panama lo scorso anno mandano una mail: attenzione ai pidocchi. Ok, controllo periodicamente, niente. Fine anno, una figlia si gratta, dico AHI, ci siamo. PIENE.
Prodotto: zero resultati.
Ore di pettinino, per giorni (intanto la scuola era finita, fanculo!) e lavando sempre sempre sempre tutto, facendo attenzione che non si appoggiassero al divano, ecc.

In estate, quindi, ho comprato in Italia un prodotto preventivo. Sono rientrate a scuola il 13 settembre e dopo ogni lavaggio, come indicato, lo spruzzo. Raccolgo sempre i capelli a Penelope e controllo periodicamente.
Niente messaggi, niente minacce, niente.
In uno dei controlli, eccole lì, quattro lendini.

OOOOHMMMMMM.
Mando una mail infuriata all'infermeria della scuola, dicendo che ci sono i pidocchi e nessuno ha detto niente. A loro fotte sega.
Scrivo nella chat per correttezza, specificando però che se mia figlia ha 4 uova è perché qualcuno ha le bestie che camminano in testa, e di controllare bene e poi SEMPRE fare tutta la procedura, altrimenti non ce ne liberiamo mai. Ovviamente le poche che rispondono dicono "oh che orrore, poverina, no la mia/il mio niente". Eccccerto. Ma poi poverina de che?

Quindi ricapitolando.

A chi vengono i pidocchi?


Non ai sudici. Ho imparato che dipende molto dal tipo di capello, dall'odore, dal ph, e soprattutto da chi hai vicino. Se stai vicino a qualcuno che ha un circo di insetti saltellanti in testa, hai ovviamente più probabilità.

Come capire se ci sono i pidocchi e intervenire in tempo?


Controllate almeno una volta alla settimana, non basta farlo pettinando, dovete guardare con attenzione tra i capelli. È una rottura ma vi eviterà di vedere la testa di vostro figlio invasa di animaletti (che non si vedono senza approfondire, nemmeno in pochi capelli e fini, ve lo assicuro).


Cosa fare in caso di pidocchi?


1.  Fare il trattamento, quello che volete, cambia poco (un'amica mi ha detto che il meglio è il Listerin, che è inquietante eh, ma pare uccida quelli vivi, mentre l'aceto fa staccare meglio le lendini...)
2. Usare A LUNGO il pettinino in metallo
3. Lavare qualsiasi cosa di tessuto che sia venuta in contatto con vostro figlio, a temperature alte, e ripeterlo finché la testa non è pulita (questo è il peggio, lo so, ed è qui che cascano in molti e per cui ci sono le recidive... è un po' come l'immunità di gregge per i vaccini)
4. Controllare per giorni di aver effettivamente debellato tutto

Come prevenire i pidocchi?


Purtroppo potete fare poco, se non controllare regolarmente i capelli, raccogliere quelli delle femmine e, se volete, usare prodotti preventivi (anche olio essenziale di lavanda o tree tea oil). E pregare.

Ora potete smettere di grattarvi!

PS Ovviamente mentre scrivevo il post... hanno trovato i pidocchi in classe di Priscilla :)

17 commenti:

  1. l'unico prodotto che ho trovato vagamente risolutivo (e non sono sponsorizzata... purtroppo, perchè quest'anno per debellare i pidocchi a casa mia avrò speso 500 euro...) è stato PidoKO di bioscalin, non so se per il prodotto in sè (è un olio secco) o se per il pettinino ultrafitto (più stretto di quelli normalmente in commercio) che passa effettivamente solo se prima li ungi bene su capelli un po' spessi (e per quelli molto fini, come quelli di mia figlia più piccola, raccoglie effettivamente bene le uova). quindi mi sento spassionatamente di consigliarlo. non avendo insetticidi io lo uso anche per fare controlli approfonditi (tipo quando viene lanciato a scuola un allarme pidocchi in classe)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ps ovviamente solo leggendo il tuo articolo mi sto grattando la testa

      Elimina
    2. Sarei curiosa di provarlo... Qui i prodotti non fanno proprio una cippa, né quelli preventivi né quelli per eliminarli!

      Elimina
  2. Che incubo i pidocchi... ed è proprio vero: se non ci sei passata non puoi immaginare...

    RispondiElimina
  3. Posso dire anche io che solo il controllo quotidiano con il pettinino per 2-3 settimane può risolvere. ucciderli personalmente...solo questo funziona! i prodotti non li uccidono mai tutti; quelli a insetticida un po' di più di quelli per soffocomento, ma comunque qualcuno si salva. Io ho combattuto con i pidocchi l'intera prima elementare di mia figlia. ogni mese trattamento. Poi a metà seconda ho avuto 3 mesi in cui ad ogni pettinata li trovavo. Un incubo. Poi sono spariti con l'eliminazione fisica e da allora sempre sempre capelli legati

    RispondiElimina
  4. Scusate la domanda idiota... ma li prendono solo a nido o scuola? Il mio ha due anni, non frequenta nido o ludoteche... parcheggi e qualche amichetto... e ha dei bellissimi boccoli biondi (panico)
    Da dove arrivano sti maledetti?????

    RispondiElimina
  5. Ah,ah,ah...ho in bozza un post sullo stesso argomento 😉...chissà come mai!

    RispondiElimina
  6. Noi per ora siamo passate indenni alla invasione dei pidocchi che c'e' stata nella scuola di mia figlia. Non so se sara' merito dello spray preventivo ( anche io l'ho preso in Italia!),oppure dipende dal capello di mia figlia. Adesso il mio panico sono i vermetti del culetto...oggi e' arrivata una mail avvisandoci che ci sono vari casi a scuola. Speriamo di passare indenni anche a questo!!
    Martina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I vermetti? Oddio cosa sono questi? Non ne ho mai sentito parlare!

      Elimina
    2. Si chiamano ossiuri, dei minuscoli lombrichi.. un sintomo e' il prurito forte nel culetto, e poi, detto da chi li ha avuti, si vedono nella cacca....
      Non penso sia una cosa diffusa come i pidocchi, pero' ci sono anche questi come animalacci fastidiosi.

      Elimina
    3. Grazie della spiegazione. Spero di non doverci avere a che fare!

      Elimina
  7. Oddio che prurito atroce mi è venuto solo leggendo...cmq "io speriamo che me la cavo" anche quest'anno ;-)

    RispondiElimina
  8. l'anno scorso anche per me c'è stato l'incubo pidocchi, la mia bambina era PIENA, la tenevo a casa, facevo tutto quello c'era da fare e quando la riportavo all'asilo ce li aveva ancora! Purtroppo alcune mamme IGNORANTI credono che ammettere che il figlio abbia i pidocchi sia indice di chissà quale disagio, degrado o scarsa cura... Io so solo che l'anno scorso ho vissuto un incubo senza fine e nonostante facessi continui appelli alle mastre e alle mamme per cercare di capire come la bambina li prendesse nessuno ha saputo (voluto) aiutarmi... Alla fine è dovuto intervenire l'asl, perchè le mamme andava a lamentarsi ovunque fuorchè a scuola e solo quando si arrivò a portare i bambini in classe previo certificato che attestasse l'assenza di pidocchi siamo riuscite a venirne fuori! Comunque l'unico prodotto che per mia figlia è stato davvero MIRACOLOSO è l'Hedrin, i pidocchi scivolavano via che era un "piacere", se mai vi dovesse capitare ve lo straconsiglio!

    RispondiElimina
  9. mia figlia ha i capelli lunghi tipo rapunzel. che ovviamente non posso tagliare. siamo ancora in ballo dopo due settimane. dopo averla intossicata con qualsiasi insetticida ed essermi sentita dare della madre degenere dalla farmacista. per non dire dell'irritazione che per giorni aveva su volto e collo perchè uno di questi prodotti (che spero sia l'ultimo e risolutivo) è forse veramente troppo forte per lei. che dire... mi sta tornando il prurito

    RispondiElimina
  10. Aceto bianco come preventivo. Puzza ma funziona...e un'amica parrucchiera mi ha consigliato in caso di infestazione dopo il trattamento la piastra. gli ossiuri sono pure peggio �� ��

    RispondiElimina

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...