Fenomenologia della mamma a capodanno

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
Questo è il mio ottavo compleanno da mamma, e proprio noi, ideatrici e madri delle fenomenologie più copiate d’Europa, non abbiamo mai pensato di riassumere le tipologie di genitori a Capodanno?
Rimediamo subito ed eccole qui, la maggior parte sperimentate personalmente dalla sottoscritta.

La “il capodanno è solo in famiglia”

La invidio, non ha nulla da decidere o organizzare, il capodanno è sempre con i parenti, con lo stesso menu, e la solita tombola.
Non ha la possibilità di chiedere “ti ricordi cosa abbiamo fatto il capodanno del 1998?” perchè sono sempre uguali negli ultimi 83 anni. Giusto qualche centenario in meno e qualche neonato in più. Il nome, di solito, è il medesimo.

La “devono divertirsi soprattutto i bambini” 

E’ quella che passa le settimane a cercare un locale kids friendly o a cercare veglioni organizzati appositamente per i bambini.
E così la troverete al palasport in mezzo ai gonfiabili con il cappellino e la trombetta, a brindare con il succo all’ananas, mentre il padre lo correggerà con la vodka nascosta nella fiaschetta.
Coming out: questa sono io il primo anno di Mirtillo.
Sono andata a cena in un postaccio che prometteva uno spazio gioco per bambini.
Risultato: i bambini erano confinati in una specie di gabbia, con il tappeto puzzle che non veniva lavato dall’86, pezzi di cibo masticato 3 capodanni prima piazzato sotto “l’angolo morbido” che veniva rimasticato e lasciato in dote ai bambini del 2021. La colonna sonora erano i pianti e le grida dei bambini mescolati a Gigi d’Alessio.

Almeno baby Mirtillo era contento.
E per fortuna avevo fatto l’antitetanica

La serata è finita con il cuoco ubriaco che tentava di menare la moglie con uno spiedo ed io che passavo a lei il mio biglietto da visita.
Anno nuovo, marito nuovo.

La “devono divertirsi soprattutto i bambini” volume due.

E’ la versione casalinga della precedente.
Dal momento che ha amici single-goderecci-senza figli, rifiuterà categoricamente di festeggiare con loro, perchè prima vengono i bambini.
E quindi eccola a spulciare la rubrica del telefono alla ricerca di conoscenti con figli da invitare a casa. I quali avranno a loro volta amici e/o conoscenti con figli che sono soli ma c’è una mia amica mamma single e il mio amico padre separato e…:  insomma, vi troverete a cena con perfetti sconosciuti a parlare del tempo e della situazione lavorativa in Italia, mentre i 18 bambini devasteranno la casa e si picchieranno senza sosta.
Non posso fare coming out perchè si sa mai che mi leggano.
Anno nuovo, amici vecchi credete amme.

La commediante

E’ un sottotipo delle precedenti.
E’ quella che alle 9 inizia il conto alla rovescia:
CINQUE!
QUATTRO!
TRE!
DUE!
UNO!
BUON ANNOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!
Con spumante analcolico, botti e girandole sul balcone.
Si sa, il capodanno è per i bambini, vorrai mica si perdano gli auguri, i baci di rito, il trenino di “mezzanotte” e i botti: quindi il nuovo anno si anticipa di almeno 3 ore. In fondo da qualche parte nel mondo è già passato, no?
I vecchietti di fronte guarderanno perplessi i vostri festeggiamenti, controllando l’ora.
Decideranno che hanno l’orologio sbagliato, brinderanno con il crodino e buona notte.
Mi è successo alla cena di cui sopra: alla domanda “facciamo il capodanno finto?” credevo parlassero di un nuovo cocktail per poi scoprire con orrore che no, non era alcool.

La “ai bambini non interessa il Capodanno”

Sì ammettiamolo, è sempre la stessa mamma, l’anno successivo a quelli descritti sopra: vi sarete rotte talmente le palle, che decidete che i bimbi stanno benissimo con i nonni e andrete ad ubriacarvi con i vostri amici single-goderecci-senza figli.
Scoprirete che riprendersi da una sbornia dopo i figli richiederà molte più delle 4 ore ore di sonno che vi concederanno i nonni prima di suonarvi il campanello per restituirvi i pargoli.
Probabilmente avrete pure concepito il secondo-terzo-quarto figlio: anno nuovo, vita nuova non si dice a caso.

La “il Capodanno non ci interessa”

Dopo essersi smaronata alla festa per bambini, aver invitato sconosciuti pallosissimi, aver maledetto la sbornia per giorni, si arriva necessariamente alla mamma “il Capodanno non ci interessa”.
E’ la naturale evoluzione delle cose.
E quindi cena a casa con cappelletti in brodo e pigiama, bimbi a letto alle 9, serata a guardare Netflix con puntatina su Canale 5 a mezzanotte giusto per sentire un po’ di euforia a mezzanotte.
Vedere persone che eri convinta fossero passate a miglior vita da almeno un decennio ballare in gran spolvero sulle note di Gigi D’Alessio (ancora tu?), ti fa capire  subito che iniziare l’anno depressi non è cosa buona e giusta.

La “tutto come prima”

E’ quella che “i figli non sono limiti ma opportunità” e se li scarrozza ovunque, dalla festa in piazza a Praga con meno 15, al party nell’hotel bohémien-etno-chic, alla festa reggae con persone e aromi di ogni etnia e provenienza.
I poveri figli si troveranno a dormire  tra le giacche o cullati dal rastone compassionevole.
Ogni riferimento a persone cose o al mio ultimo capodanno è puramente casuale.

La vacanziera

A capodanno ci si toglie dalle palle, questa è l’unica regola.
Che sia sulla neve o ai tropici, basta andarsene.
Lei comunque dirà “no, odio il solito Capodanno, dobbiamo cominciare con una ventata di novità”.
Che poi il budget limitato vi consenta giusto l’appartamento a Cinisello Balsamo non ha importanza, in fondo siete in ferie.
E l’anno prossimo, che fate a capodanno??!
Insomma, ovunque e con chiunque lo abbiate passato, vi auguro che il bilancio 2016 non sia così pessimo o vi consenta almeno di trovare nuovi stimoli per il nuovo anno.
Tanti auguri a tutti e che sia un 2017 fantastico!
Written By
More from Morna

Piccoli bulli crescono?

Share this... La settimana scorsa è successo un episodio che ha fatto...
Read More

9 Comments

  • per la prima volta in vita mia, capodanno fuori casa, in vacanza con amici figlio-muniti…
    per sbaglio ci siamo ritrovati in una mega palestra allestita a concerto e ristorante, c'era anche angolo bambini con animatrici e troppe forbici per i miei gusti..
    tombola solo per bambini che si sono divertiti da matti.
    gli adulti ballavano, mangiavano bevevano e poi ballavano..
    non sono una che fa le somme, che fa buoni propositi, però al quarto minuto del 1 gennaio 2017 mio marito mi ha girato il viso verso la nana (lercia e sdraiata in pista a cercare coriandoli) e mi ha chiesto se fossi almeno un decimo felice di quanto lo era lui.. e allora ho capIto che 'sto 2016 non deve essere andato proprio male e il 2017 non poteva cominciare meglio…
    …un paio d'ore eh… al mattino già ci sfanculavamo ma con amore…
    Buon 2017!!!

  • Io io sono quella che lo smolla ai nonni per bere e fare la cciovane insieme agli amici senza figli! 😀
    E' vero la mattina ti taglieresti un braccio piuttosto che svegliarti alle 8, ma poi il mio ridorme dopo pranzo 3 ore e si recupera alla grande!
    Ne vale troppo la pena, lo faccio già da 3 anni….e col cavolo che per sbaglio da ambriaga concepisco il secondo! ahahah
    Buon 2017!

  • Io sono una fenomenologia a parte: la "mamma A Capodanno"!!!..nel senso letterale:nel "lontano" 31 dicembre 2009 ho partorito il mio primo bimbo!!!Da allora il Capodanno E' il suo compleanno e si parte con la tre giorni di festeggiamenti:il 31 sera a casa con nonni, zii e cuginetti, poi durante le feste un pomeriggio con gli amichetti e per finire colazione offerta ai compagni di scuola al rientro dalle vacanze!Per ora anch'io non rischio di confondere i ricordi tra un anno e un altro…ma effettivamente ogni anno con mio marito ci proponiamo di partire il 29 e tornare il 2!!!

  • E comunque quello del 2009 è stato il Capodanno più bello della mia vita..tanto più che era previsto nascesse a gennaio..e invece ha voluto festeggiare da subito!!!A lui dico sempre che è nato con i fuochi d'artificio!!!

  • ahaha mi è piaciuto davvero tanto questo post…io son quella che alla fine lo fa sempre con i parenti in famiglia…insomma un capodanno in cui tra zie attempate e nonni l'età media è davvero alta nonostante i pupi di 3 e 6 anni.
    mi piacerebbe "togliermi dalle palle" ma come tu dici bene,il budget per togliersi dalle palle a natale non ci sta.Inoltre se ci aggiungi marito con intolleranze alimentari hai fatto tombola!
    però mi piacerebbe tanto trovare una alternativa (anche perché le zie attempate..ehm…stan quasi termnando=)
    bacio e buon 2017 .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *