Essere genitori perfetti è facile (se non si hanno figli)

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Vi ricordate quando non avevate figli ed eravate genitori perfetti?

E quando aspettavate un bambino e sapevate già tutto dei neonati e di come si cresce un figlio?

Poi, niente, avete subito un primo grande colpo che ha cominciato ad erodere in profondità e senza sosta la vostra perfezione. Cosa?

avete avuto un figlio.

E la degenerazione è cominciata.

Sì, perché quando hai un neonato capisci che no, non lo puoi zittire quando e come vuoi, non puoi prevedere sempre come si comporterà, non puoi capire che cos’ha al volo, a volte è necessario che pianga, mentre cerchi di capire il motivo del pianto, perché no, i bambini non li danno col libretto delle istruzioni e le istruzioni te le devi cercare da solo.

Avere un figlio è capire che eri un cretino, ma un cretino davvero!, come si fa a pensare che sia facile capire un neonato?

No, non puoi decidere tu quando deve avere fame, quando deve dormire, quando deve volere la tetta e quando deve fare la cacca, no.

E così cominciano le cene al sound della scorreggia neonatale o all’eau de merdà.

Cominciano le notti che sarebbero fatte per dormire, ma lui ancora non lo sa e amen! Lo imparerà! Bisogna insegnarglielo, coraggio!

Cominciano gli appuntamenti a cui arrivate in ritardo perché eravate proprio sulla porta quando…

un rigurgito a spruzzo e non ti dico come eravamo ridotti!

Una cacca puzzolentissima che non potevo uscire o avrei lasciato la scia, scusami!

Una scarica di diarrea che è arrivata ovunque, e se dico ovunque, intendo OVUNQUE!

Un attacco di fame e niente, ho dovuto dargli il latte, scusa davvero!

O… tutto insieme!

Wow! Che bei momenti!

Tutto sommato, comunque, vi guardate tra voi, cari genitori, e vi rendete conto che tenete botta.

Sì, perché guardate le mamme e i papà dei bambini intorno ai 2 anni e no, vostro figlio non sarà mai così, “vero amore che noi lo lasceremo piangere, così i capricci non esisteranno?”.

Basta fare capire al bambino che con i capricci non ottiene nulla e automaticamente, matematicamente, sta certo che smetterà di farne.

Vero che lo educheremo a mangiare tutto, così non assisteremo a scene in cui il bambino non vuole le cose verdi nel piatto?

Certo, certo.

Il tempo passa e…

eccovi lì a comprare la spada laser o l’ennesima Winx pur di far finire la crisi isterica del bambino… avete provato ad ignorare i capricci, certo, ma… con vostro figlio non ha funzionato!

Col mio sì! Vi diranno…

Eh, ma col mio no… e vi sentirete merde. E no che non dovete! Perché non è questione di essere bravi o no, o sì, ma in parte, è che il resto si studia e si calibra sul figlio. non ci sono cazzi: bambini diversi, educazioni diverse, risultati diversi.

Ora cominciate a capirlo.

E vi rendete conto di quanto siete degenerati nel vostro essere genitori:

dall’essere certi e rigidi, dall’avere idee chiarissime, via via avete perso la convinzione che tutto dovesse e potesse funzionare come vi eravate preposti e avete dovuto accettare che sì, siete genitori nella media. Magari pure genitori un po’ di merda, diciamocelo

Ci provate, fate del vostro meglio, ma non siete i genitori perfetti che sono quelli che non hanno figli.

Se vi siete fermati ad avere un figlio solo, avrete imparato questo e qui la vostra imperfezione si sarà fermata.

Se avete avuto altri figli, la discesa sarà andata avanti.

Certo, perché quando i figli cominciano ad essere più d’uno tutto cambia, anche a livello pratico: col primo sterilizzavi?
Bene, col secondo pulisci.

Col primo pulivi? Col secondo soffi su ciò che cade a terra o lo strofini sulla maglietta e bon.

Col primo studiavi i menu che manco un nutrizionista?

Dal secondo si improvvisa.

Comunque sia, che i figli siano uno, due, cinque o dodici, ad un certo punto si va a braccio, si usa il buon senso, si cerca di mantenersi fedeli ad una linea di massima ed entro determinati paletti e si marcia.

Ci si sente in colpa e ci si autoassolve di continuo.

E sì, si diventerà anche dei genitori che navigano a vista cercando di non naufragare, ma… quanto ci si guadagna in serenità? Quante nevrosi passano?

Siate dei genitori perfetti, voi che figli non ne avete.


Noi che ne abbiamo facciamo (solo) del nostro meglio.

Tags from the story
, , ,
More from 50sfumaturedimamma

Mamma, io posso tutto

Share this... C’era una volta una bambina che un giorno disse alla...
Read More

5 Comments

  • e del lassismo sull'uso di tv e tablet per farli star zitti ne vogliamo parlare? Mamma di due treenni, guardata malissimo dalle mamme di bimbi di un anno…..tra 24 mesi ne riparliamo, care!

  • Presentissima…sesta di sei figli ho visto nascere e crescere 9 nipotini…come ero brava con loro…non riuscivo a capire perché le mie sorelle non facessero quello che io suggerivo loro di fare perché appreso da qualche rivista p libro o sito…era così semplice…perché io poi tornavo a casa mia e mi sembrava che i problemi finissero nel momento esatto in cui io chiudevo la loro porta alle mie spalle. Ora ho 32 anni e un nano di 2…le sto pagando tutte…la frase più frequente è:"…ah, e quando ce lo dicevi tu a noi…":!!! Nooooo…aiutooooo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *