E’ finita la scuola

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Domani è l’ultimo giorno di scuola.
Mi pare incredibile, questo anno è volato, come gli ultimi 8.
Com’è che da quando ci sono i figli il tempo mi sfugge dalle mani così?

E no, non è il post di chi si dispera perchè le scuole finiscono e si hanno i figli per casa 24/h al giorno.
Magari!

Sì, immagino che sia stancante, ma vivaddio, sono tre mesi, mi piazzerei al lago da mane a sera, vi giuro che vivrei come un pascià! L’ho fatto una settimana l’anno sorso, è stata tra le più serene e belle che io ricordi, ce la siamo spassata noi tre, in vacanza a casa.
Quanto vorrei poterlo fare, poter stare con loro senza pensieri, avere tre mesi tutti per noi.

Invece no, io sarò al lavoro e loro piazzati chissà dove.
Non ho nemmeno prenotato i centri estivi, sono davvero troppo stanca per aggiungere anche il più piccolo tassello alle mie incombenze.

Dio vede e provvede, intanto lunedì li porto dai nonni, una settimana selvaggia per loro, una settimana di ricarica mentale per me.

Che lavorerò 12 ore anzichè 9, ma almeno potrò pensare SOLO al lavoro.
Mi sento davvero allo stremo, lo dico ogni anno, e ancora non ho trovato il modo di prendermi una settimana di ferie a giugno, eppure sarebbe davvero indispensabile.
Mi rendo conto dei segni di cedimento, mi dimentico le cose, la notte prima di dormire mi vengono in mette tutte (compresi i post da scrivere) e la mattina, PUFF, sparito tutto.
Spero che questa settimana senza bimbi mi consenta di recuperare un po’ di energia mentale.

E’ stato un anno importante, per tante cose.
Mirtillo ha iniziato a stare da solo, è stata una soddisfazione per lui, e un aiuto per noi.
Ieri  abbiamo anche finalmente completato l’iter per la certificazione della disgrafia: è servito l’intero anno (per 3 appuntamenti) ma finalmente è finita, e fino alla fine delle media siamo a posto.
Almeno a livello burocratico, ovvio.
Alla disgrafia si aggunge la disortografia, Mirtillo ha metà del cervello geniale l’altra metà zoppicante, e abbiamo tre mesi per capire come gestire il tutto e partire con nuove certezze.
Devo metabolizzare un po’ la cosa, poi magari vi racconterò.

Tondino ha avuto il suo diploma di “bambino grande”, io ho versato le mie lacrime, lui ha già iniziato la solfa del “io a scuola andrò malissimo, io sono stupido, io non imparerò a scrivere”.
Mi sa che li ho fatti con lo stesso difettoso stampino, l’autostima l’ho persa per strada.
Che vuoi che sia, ne ho gestito uno, saprò gestirne due.

Con oggi finiscono anche i vari corsi, che ultimamamente mi pesavano così tanto: addio a chitarra e a karate, probabilmente a mai più arrivederci.
Faranno sicuramente altro, ma sarò più furba ed eviterò orari che mi portino all’esaurimento, o investirò in aiuti. Del resto dovrò prendere per forza una baby sitter, anche Tondino uscirà alle 15.30 e certo non può stare solo con Mirtillo. La prenderò autominita e via, meno soldi ma anche meno corse e sbattimenti.

La sanità mentale è la prima cosa da preservare, care mamme, forse dopo 9 anni l’ho capito.

Per cui per ora vedo di arrivare viva a lunedì, poi mi godrò la settimana senza figli, e troverò il modo di rubare qualche giorno per rilassarci tutti quanti.

Un tassello alla volta imparo, imparando miglioro, migliorando, faccio sempre meno fatica.

Buona estate mamme, a chi se la può godere e a chi, come me, deve solo trovare un modo per superarla!

Tags from the story
Written By
More from Morna

Escluso alla festa di compleanno

Share this... Le feste di compleanno sono croce e delizia di chiunque...
Read More

6 Comments

  • Cara Morna, i tuoi problemi per il momento non sono i miei, perché il santo nido chiude solo per tre settimane in tutta l'estate! Ma tra pochi anni ci sarò dentro anch'io, e sono solidale! Con stima e simpatia!

  • Io quest'anno mi sono presa la meritatissima settimana di ferie giugno!!! La settimana prossima andrò 4 giorni al mare con mio figlio, e gli altri tre li passerò a NON pensare. Eh?
    Mina

  • Forza Morna, in quelche modo ce la faremo tutte! Io stasera ho un colloquio con una potenziale baby sitter da introdurre per supplire alla mancanza dei nonni che andranno a vivere alle Canarie a partire da settembre…Intanto siamo qui con una nonna azzoppata e due bimbi piccoli da gestire, per cui niente centri estivi.Ma siamo mamme, quindi tutto è in qualche modo possibile (perchè ho le prove che il cervello delle mamme è più sviluppato di quello degli altri, lo so!)

  • Io babysitter da sempre, la loro adorata Silvia con i nonni piu' vicini a 60 km non potremmo mai pensare di gestire diversamente… lei alle 17.30 le va a prendere alla materna e sta fino alle 19.30, orario entro il quale almeno uno dei due arriva a casa…
    il problema per noi si pone da adesso fino a luglio (quando i miei adorati genitori le portano in montagna al fresco); in inverno lei fa l'educatrice di sostegno nelle scuole e quindi nel tardo pomeriggio è libera, ma d'estate lavora nei centri estivi comunali e quindi fino a sera non è a casa…
    e penso che faremo ancora un anno così, e quando saranno alle elementari magari valuto una au-pair; comporterà convertire il mio locale studio in camera da letto, ma penso sarà la soluzione migliore per noi… ho ancora qualche mese prima di decidere e metterci alla ricerca

  • Io ancora quest'anno Santo asilo privato aperto fino al 31 luglio.
    il problema è "solo" agosto.
    lo passeranno tra nonna,zii e babysitter…
    ce la faremo
    Marina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *