Fumo passivo e di terza mano: proteggiamo i nostri bambini!

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
Che il fumo faccia male è ormai, fortunatamente, assodato.
Non che questo cambi molto le cose, purtroppo è un vizio
difficile da sradicare, perché coinvolge molti aspetti.
Non solo la dipendenza dalla nicotina, che quello è
rimediabile tra cerotti e altri dispositivi in commercio, quello a cui è più
difficile rinunciare è il gesto, l’abitudine di inframezzare le giornate con la
pausa sigaretta, o altri automatismi che i fumatori ben conoscono: metà
mattina: sigaretta, dopo pranzo, dopo cena, con un aperitivo… tutte abitudinia cui è faticosissimo rinunciare, anche se si sa bene cosa si rischia.

Il fumo di sigaretta è  responsabile del 80-85% dei casi di
tumore al polmone,  tumore è per lo più
asintomatico cosicché il 70-75% dei pazienti effetti dalla patologia arriva
alla diagnosi già in fase tardiva per un intervento davvero efficace.

Ma non serve saperlo, non serve dirlo, non serve nemmeno
leggerlo sui pacchetti di sigarette che ormai sono pieni di immagini spaltter che o si coprono o si ignorano.
Deve scattare qualcosa dentro, un po’ come per iniziare una dieta.
La forza di volontà, in fodno, ce l’abbiamo tutti, quello che serve è un click, interno, che innesti il percorso.

Ma finchè giochiamo con la nostra vita, sono, tutto sommato,
fatti nostri.

Il problema è che si gioca anche con quella degli altri, dei
più piccoli, in primis.

Infatti se tutti hanno la consapevolezza del fatto che il
fumo fa male, ancora si fatica a “credere” che anche il fumo passivo faccia gli
stessi danni.
Il fumo indiretto invece è altrettanto nocivo di quello diretto.
Anche il fumo di terza mano, quello che rimane su abiti, pelle, capelli, è
altrettanto dannoso.

Il  fumo di terza mano
è quello che mi spaventa di più.

Forse  molti non sanno
nemmeno cosa sia.

Il fumo passivo classicamente inteso è quello che si respira
stando vicino a chi fuma.
Quello cd. di terza mano è invece quello che rimane come
residuo nell’ambiente o sui vestiti anche dopo diverso tempo e che diviene ogni
giorno più tossico per chi soggiorna in un locale in cui è presente.

Le stanze
in cui si fuma, o i vestiti, trattengono sostanze cancerogene
fortemente rischiose
, come hanno accertato diversi studi.

Per fortuna la legislazione si sta muovendo verso una sempre
maggiore tutela, e pare incredibile pensare che la legge che proibisce di fumare
in auto in presenza di minori è di pochi mesi fa.

Sarebbe sufficiente il buon senso, diranno molti.

Ma non è sempre così, basta pensare a com’era quando eravamo
piccoli noi, dove nessuno si faceva il benchè minimo riguardo.

Roche, con il patrocinio di WALCE (Women Against Lung Cancer
in Europe) e la collaborazione di Trudi ha avuto un’idea
totalmente innovativa che ci ha spiegato all’evento a cui abbiamo partecipato due settimane fa: Ector The Protector Bear, un orsetto carinissimo completamente sfoderabile e lavabile, con un sensore interno sviluppato
da The FabLab che percepisce i residui della combustione e tossisce.

Magari per qualcuno è assurdo pensare che serva un
dispositivo simile.
Beh non è così.

Innanzitutto sensibilizza al problema del fumo passivo di
seconda e terza mano, di cui si parla troppo poco..
In secondo luogo, scoraggia i fumatori, avverte i genitori
ed educa i bambini.
Quanti genitori si trovano ad avere a che fare con amici o nonni che non si fanno molti riguardi?

Qualche giorno fa mio figlio con altri bambini stavano giocando al parco.
Un papà si siede accanto a loro e si accende una sigaretta.
Io e un’altra mamma siamo rimaste interdette, ma nessuna delle due gli ha chiesto di spostarsi.
Con una scusa abbiamo allontanato i bambini e stop, ma altri son rimasti lì, e mi sento in colpa per non aver saputo dire che era un cafone.
Se ci fosse stato Ector, ci avrebbe pensato lui!

 I primi prototipi
verranno portati nei corsi pre-parto di molti ospedali italiani per
sensibilizzare le neomamme a partire da questo autunno.

Intanto è possibile vedere il video informativo sul sito
www.ectortheprotector.com e sempre sul sito è possibile prenotare gratuitamente il proprio orsetto Ector The Protector (disponibilità limitata).
Tags from the story
,
Written By
More from Morna

Fenomenologia della mamma al #mammacheblog

Share this... Questo fine settimana, più precisamente venerdì e sabato, sono stata,...
Read More

1 Comment

  • Il fumo è la più stupida mortale e costosa trappola che l'uomo si sia mai costruito! Inoltre ha un vantaggio inestimabile: prima o poi porta ad un infarto cardiaco che abbrevia la vita del fumatore tanto da risparmiargli di morire di cancro ai polmoni! Smettere di fumare è la più saggia ed intelligente delle decisioni che una persona possa prendere per se stessa e per gli altri, se non sai come farlo vai qui:
    ==> http://goo.gl/WTB0X6 <== adesso è più facile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *