Le mamme contro i vaccini e l’odio

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Fermi tutti, prima che salga l’embolo o si ostruisca la giugulare: è un titolo trabocchetto, volevo solo portarvi qui perchè ci tenevo a dirvi due cosette.

Ora, ipotizziamo che i movimenti per la libertà delle vaccinazioni abbiano ragione.
Ipotizziamo che al governo ci sia qualche folle corrotto che per una bustarella ha introdotto un numero di vaccini totalmente intollerabile dall’organismo infantile che farà una strage di bambini.
Ipotizziamo che tutti i medici italiani, anzichè insorgere davanti ad un potenziale omicidio di massa, tacciano per paura di essere radiati o per collusione.

Siamo tutti d’accordo che la teoria è un pochino dura da digerire, quindi voi che avete saputo vedere oltre, sarete necessariamente in un numero esiguo, che so 1 su 1.000? Probabilmente anche meno.

Ok, mamme, sono qui per davi un consiglio.

Avete una battaglia dura.

Siete sole contro il mondo, contro le altre mamme, contro i medici, contro la scienza, contro l’OMS.

E’ un casino.

Quindi, se volete che le vostre verità arrivino alle persone, serve una strategia.

Beh, posso dirvi con ragionevole certezza che la vostra è sbagliata.

Lo avrete visto anche voi che state antipatiche, che la gente non vi prende sul serio o, peggio, vi prende in giro.

Non è colpa delle Sfumature, no, basta aprire qualsiasi articolo di giornale che parla dei vostri cortei (quando ne parlano, e qui avete ragione ad incazzarvi)  per leggere una caterva di insulti.

Io non ho mai preso i vaccini alla leggera, conosco un bimbo danneggiato  dai vaccini (riconosciuto), ed ero così in ansia che al primo figlio sono entrata piangendo e hanno dovuto farmi  uscire.

Al secondo mi sono informata (era il 2011) ed ho deciso di posticipare qualche mese le vaccinazioni.

Quindi no, non sono il vostro bersaglio preferito, quella che a vostro dire non si informa.

Però poi il tutto è degenerato.

Ha preso una piega talmente cattiva e delirante che io stessa mi son detta “madonna, che stordita, ho creduto anche io alle bufale di questi matti”.

Un po’ come quando ho lavorato aggratis e a spese mie per aiutare le famiglie ad avere la “cura” di Stamina. Un genio.

Quindi keep kalm e riflettiamo.

Fate un passettino indietro, evidentemente così non funziona.

Cosa non funziona?

Beh, innanzitutto essere incazzati.

Se c’è un atteggiamento che vi fa apparire donnine isteriche, è la rabbia.

Io vi conosco, vi intravedo nelle mie bacheche e ogni articolo è introdotto con una tale rabbia che mi fa rabbrividire.

Siete mamme, non è concepibile che siate lì a scrivere con odio su una tastiera (ad altre mamme), per poi girarvi e fare una carezzina dolce a vostro figlio.

Calma, respirare, no incazzatura.

Il secondo elemento critico è essere monotematici.

Nelle vostre bacheche, nei vostri discorsi, perfino nelle vostre azioni, non si fa altro che criticare i vaccini e i politici: tra un convegno, una fiaccolata e le condivisioni selvagge di notizie (anche per nulla certe, come quella del povero ragazzo di Napoli morto dopo una dieta drastica che gli ha fatto perdere 30 chili in pochissimo tempo, che però ora è dato morto per un vaccino. Magari è vero eh, ma aspettare la conferma fa fatica?) l’impressione che date è solo una: fanatismo.

E il fanatismo “no buono”, no no.

Se sembrate fanatiche siete fottute, nessuno vi crederà più.

Quindi un bel respiro e pulizia delle bacheche.

Parlate d’altro, della gita in montagna, del week end dai nonni, di quello che vi pare e poi, ogni tanto, un bell’articolo fatto bene.

Un’altra cosa che vi fa avere un’immagine odiosa è lo spam.

Lo spam dà fastidio, e, come sopra, fa passare da folli isterici.

Quindi se leggete un articolo che vi dà fastidio, ad esempio su un blog o sulla pagina di tre sfigate, potete anche commentare, ovvio. Con pacatezza, esponendo le ragioni in modo sereno, magari evitando termini che facciano pensare ad un complotto mondiale.

Qualcuna ci riesce, una mamma ha scritto un commento molto completo e tutto sommato pacato all’ultimo post che abbiamo condiviso.

Però ecco, non serve la chiamata alle armi.

Non serve che andiate ad urlare che tre stordite hanno scritto una cacata, “venite tutte ammazziamole”, perchè dopo 20 o 30  commenti di fila (tutti alla stessa ora) con scritto solo “vergogna!” “siete patetiche” “dovreste vergognarvi” vi assicuro che a rimetterci non è la nostra pagina, che per la cronaca, dopo tutti gli annunci “tolgo il like a questo schifo di pagina!” (perchè davvero lo avevate dato?), ha un centinaio di like in più.

Qualcosa non torna.

Una mi ha pure scritto che spera che mio figlio abbia un danno da vaccino, così poi la smetto di scrivere cazzate.

No, no, no, non funziona così!

Strategia sbagliata, sbagliatissima!

L’odio non funziona, credeteamme.

Studiate una strategia marketing, createvi una pagina che possa avere grandi numeri, tipo 60.000 like, e per farlo valutate i consigli di cui sopra.

Ma gli attacchi di massa, le minacce più o meno velate, andare in blocco a dare recensioni negative a pagine di mamme, insultare a destra e a manca, NON è un metodo.

Proclamate la libertà di scelta, dovreste essere anche per la libertà di parola ed opinione.

Io non vado sulla vostra pagina (immagino ce ne siano, ma non interessandomi e avendo altro da fare mica vado a cercarle) a insultare o criticare o urlare “vergogna!”.

Non mi interessa, non ci credo, passo oltre.

Se comparisse sulla mia bacheca, passerei oltre o alla peggio cliccherei su quel comodo tasto facebook che dice “non mostrare più articoli come questo”, nascondi notizie e via dicendo.

Ma mai e poi mai verrei a scrivere di vergognarvi, nè chiamerei a raccolta quelle 60.000 persone che ancora ci leggono sulla pagina nonostante i post demenziali, chiedendo di venire ad insultarvi.

L’odio non funziona, mai.

Tags from the story
Written By
More from Morna

5 ricerche da non fare su internet

Share this...Quando si hanno figli, si sa, la prima risposta ai nostri...
Read More

12 Comments

  • Oh finalmente, hai dato voce allo sfogo che mi tengo dentro da troppo! Ps: purtroppo c'è a fianco delle mamme anche un agguerrito esercito di babbi!

  • Non genaralizziamo, non siamo mica tutti fanatici! La maggioranza è la gente tranquilla che semplicemente non acetta questa legge anticostituzionale e irrispettosa e non mi sembra assurdo voler decidere per i propri figli. Molti a proposito vaccinano. Certo i pazzi ci sono come sempre ma ti assicuro che la gente che manda messaggi di odio c´è anche dalla parte dei favorevoli. Poi i media sono al servizio fella politica (e una novità?)e ci fanno passare come poveri idioti. Comunque ho chiesto alla mia pediatra in Russia(sono russa) cosa pensava di vaccini mi ha detto che ha cercato di evitare vaccinare i propri figli. Quindi i miei di figli faranno 2,3 vaccini e basta.Mettere obligo per qulla enormità di vaccini è solo business.
    Laura.

  • Non genaralizziamo, non siamo mica tutti fanatici! La maggioranza è la gente tranquilla che semplicemente non acetta questa legge anticostituzionale e irrispettosa e non mi sembra assurdo voler decidere per i propri figli. Molti a proposito vaccinano. Certo i pazzi ci sono come sempre ma ti assicuro che la gente che manda messaggi di odio c´è anche dalla parte dei favorevoli. Poi i media sono al servizio fella politica (e una novità?)e ci fanno passare come poveri idioti. Comunque ho chiesto alla mia pediatra in Russia(sono russa) cosa pensava di vaccini mi ha detto che ha cercato di evitare vaccinare i propri figli. Quindi i miei di figli faranno 2,3 vaccini e basta.Mettere obligo per qulla enormità di vaccini è solo business.
    Laura.

  • Fanatici e pieni di odio mi sembrano molto di piu' certi giornalisti alla Cecchi Paone e certi medici esaltati alla Burioni(leggere il suo facebook per credere)

  • Io sono tormentata da un ex capo con messaggi, link, ecc. Mi chiedo se prima di riempirmi di sue opinioni si sia posto il problema di chi sono io, visto che i miei figli, già grandi tra l'altro, li ho vaccinati senza nessun problema. credo che il problema grande sia proprio di tipo comunicativo.
    E' giusto farsi conoscere e promuovere le proprie idee anche quando sono assurde ma il tutto deve essere mirato, altrimenti l'effetto è quello delle promozioni al telefono, inutili e inopportune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *