Scuola: 5 buoni motivi per etichettare tutto

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
Ci risiamo. È quel periodo dell’anno pieno di buoni propositi e belle aspettative, in cui contiamo i giorni che ci separano dall’inizio della scuola (in genere con gioia, raramente con dispiacere). Le prime liste iniziano a uscire, si dà una controllatina al materiale scolastico ed eccole lì che escono fuori: le etichette adesive. Che sia il nido, la materna o ancora le elementari, ormai quasi ovunque sono richieste o caldamente consigliate. Noi le sponsorizziamo ormai da tre anni perché facciamo parte di quel gruppo di mamme a cui tocca mettere il nome dei figli ovunque, pure sulle mutande, ma ultimamente ho letto tantissimi commenti e messaggi che dicevano più o meno così:
“perché etichettate tutto?”
Beh, perché lo richiedono, semplice. E perché ha i suoi vantaggi. Noi ne abbiamo individuati cinque, ma scommettiamo che voi ne trovate altri? 

1. Rispetta la volontà della maestre

Ho letto tantissime mamme dire “anche a noi lo richiedono, ma figuriamoci se io perdo tempo a etichettare ogni matita“. Beh, non è un buon esempio da dare ai propri figli. È come dire che ci vogliono tre quaderni ma a voi sembrano troppi e ne portate uno, ecco.

2. È pratico

Proprio perché le maestre lo richiedono, è meglio ordinare le etichette piuttosto che mettersi lì a scrivere (o stampare) sulla carta adesiva il nome o, peggio ancora e qualcuno lo fa, ritagliare, scrivere e appiccicare con lo scotch. Mia mamma avrebbe fatto così e io sarei andata a scuola con le etichette che si staccavano dopo tre secondi, ma per fortuna voi avete www.stickerkid.com

3. Aiuta il lavoro delle maestre 

Le classi sono spesso numerose e i materiali tutti uguali. Le maestre devono stare dietro a mille cose: per loro è molto più semplice raccattare una matita e darla al diretto proprietario piuttosto che cominciare l’inchiesta di chi è, poi cinque bambini ce l’hanno uguale, allora controlliamo gli astucci e via dicendo. No? 

4. Evita di perdere cose e doverle sempre ricomprare

Ho sentito dire che i bambini vanno responsabilizzati. Va be’, fatevene una ragione, ci sono bambini che non si responsabilizzano. Avete presente quando il vostro compagno vi chiede “dove sono le mutandeeeeee?!” e voi rispondete “nel primo cassetto a destra, dove sono sempre” e lui ancora “non le vedo, non ci sono!!!”? Ecco, cosa vi aspettate da bambini di 5-6-7-8 anni? Per di più che magari hanno tutti i pennarelli uguali, tutti le matite uguali e via dicendo. Ora, magari il cappotto lo riconoscono (ma ho visto perdere anche di quelli, eh!), ma non insistete sulla colla Pritt, è persa in partenza.

5. Evita di intascarsi cose

È mai successo che vostro figlio tornasse a casa con qualcosa di qualcun altro? A me sì, al nido. Giorni per capire di chi fosse la tal maglia che era stata data a me. E quando a scuola hanno l’uniforme, ne vogliamo parlare? Con le etichette già è più difficile che un bambino porti per sbaglio qualcosa che non è suo a casa, al nido e alla materna perché le maestre difficilmente si sbagliano, se c’è il nome, alle elementari perché sanno leggere e – a meno che non siano degli Arsenio Lupin in erba – renderanno al proprietario l’oggetto in questione (o lo farete voi, comunque). 

5+1 Bonus track

Vale solo per l’abbigliamento: se scrivete a mano il nome di vostro figlio sull’etichetta interna del cappotto o di qualsiasi altra cosa, poi non se ne andrà più, giusto? E se vorrete vendere i vestiti? Regalarli? Allo stesso modo, molti bambini non tollerano le etichette del lavaggio, che vanno tagliate. Vorrete mica scrivere sul tessuto? Una bella stiratina all’etichetta termoadesiva e siete a cavallo. 
Su, fate il vostro ordine su www.stickerkid.com inserendo il codice sconto 50sfumaturedimamma e sarete felici tutto l’anno. Un consiglio? Se avete figli alle elementari, calcolate bene il numero di etichette da matita/pennarello: devono essere taaaaaante! 
E buon inizio!
Tags from the story
,
More from 50sfumaturedimamma

A noi potrebbe succedere?

Share this...Ieri è successo di nuovo. Sì, di nuovo. E non sarà...
Read More

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *