Autonomia in sicurezza: recensione di Nilox bodyguard

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

C’è un età in cui il bisogno di autonomia dei figli e quello di protezione dei genitori sembrano difficlmente difficilmente conciliabili.

I bambini a 8 9 10 anni iniziano a sentirsi “grandi” a voler fare le prima esperienze in autonomia, e spesso a non essere pronti sono proprio i genitori.

Certo, ci sono mille variabili: ci sono bimbi che hanno voglia di essere indipendenti a 8 anni, altri invece che non ne hanno alcuna intenzione, ci sono bimbi a cui si può permettere più libertà, perché sono responsabili e/o perché vivono in un posto che lo consente, altri che sono talmente con la testa tra le nuvole che vanno guardati a vista a 12 anni.

Noi viviamo in montagna, in un paese di poche anime, dove i bambini di 8 anni se ne vanno in giro tranquillamente da soli.

Da quest’anno non è più possibile tornare a scuola da soli, a causa della nota sentenza della Cassazione che ha allarmato tutto il corpo insegnati, e c’è stata una mezza rivolta dei genitori, perché era assolutamente prassi che dalla terza elementare ci si arrangiasse a tornare a casa.

Io ho voluto lasciare ad Alessandro grande libertà.

Un po’ perché l’ho avuta io, ed è uno dei miei ricordi più belli, un po’ perché finora mi ha mostrato di essere affidabile e responsabile.

E così è capitato che andasse in bici da un amico o che se ne stesse a giocare a calcio tutto il pomeriggio.

Ho quindi pensato di comprargli un telefono, in modo da poterlo sentire, e avere almeno la  tranquillità di sapere che lui può chiamare se si trova nei guai (senza pensare a tragedie, basta un ruzzolone in bicicletta o una gomma bucata).

Ho cercato a lungo, ma non ho trovato un telefono che mi lasciasse tranquilla. Non volevo uno smartphone classico, non mi piaceva l’idea che potesse chiamare a suo piacimento né tantomeno che potesse  essere chiamato da chissà chi.

Figurarsi la navigazione su internet senza controllo.

In più un telefono a 9 anni  mi pareva davvero eccessivo.

Ho temporeggiato, finchè mi è stato chiesto di testare Nilox Bodyguard:

Per me è statala quadratura del cerchio!

Nilox Bodyguard è un vero e proprio “dispositivo di sicurezza indossabile”.

E’ un orologio, colorato e resistente, ma è ANCHE un telefono a misura di bambino: può telefonare o ricevere telefonate da 5 numeri che deve inserire il genitore. Infine, è ANCHE un localizzatore che vi consentirà di sapere dov’è vostro figlio.

Per realizzarlo sono serviti anni di ricerca, ed è stato fortemente voluto da un papà: e solo un genitore poteva avere le accortezze e garanzie che ho trovato in Nilox.

Infatti la tutela è massima: si configura il dispositivo associandolo ad un numero di telefono del genitore e quello e solo quello controllerà da lì in avanti il dispositivo.

Tramite l’apposita app gratuita il genitore (e solo lui) potrà controllare il dispositivo, spegnerlo o associare i 5  numeri che potranno telefonare o essere contattati dal bambino. Io ho inserito i nostri, i nonni e la baby sitter. I miei si sono commossi alla loro prima telefonata al nipote!

E’ anche possibile inviare sms al dispositivo: per me è comodo per ricordare a mio figlio i suoi impegni mentre sono al lavoro (o anche solo per mandargli una frase carina).

Sempre tramite app, potrete, volendo, sapere sempre dov’è vostro figlio.

Io devo dire che non uso quasi mai questa funzione, salvo i primi giorni per testarla, perché il fatto di poterlo sentire al telefono mi ha dato la tranquillità che cercavo, e non ho la necessità di “controllarlo”.

In più di un mese di utilizzo mi sono scordata totalmente di controllare dove fosse: mi bastava sapere di poterlo chiamare, e che lui poteva fare altrettanto. E nemmeno è vero che loro si sentono “spiati”: Alessandro è entusiasta del suo Nilox Bodyguard, e il fatto di telefonare con un orologio lo fa sentire tanto spia sotto copertura.

A questo proposito c’è una  funzione che trovo molto utile: è in fatti possibile inserire fino a 5 aree protette (è molto semplice, si stringe o si allarga in cerchio intorno al punto di interesse sulla mappa a proprio piacimento), e il dispositivo invierà un alert quando il bambino lascia questa area.

Pensiamo ad esempio alla palestra o alla scuola di musica, o al campetto se va a giocare da solo.

Io ho inserito sostanzialmente l’area del paese, e non ho necessità di sapere dove sia esattamente, mi basta sapere che se esce dalla zona “di sicurezza” sarò avvisata.

E’ molto semplice da usare perchè ha solo due tasti: uno laterale per selezionare il nome dalla rubrica, l’altro centrale per rispondere alle chiamate o per telefonare.

Questo tasto ha anche la funzione SOS: tenendolo premuto per 5 secondi parte una chiamata a tutti i numeri in rubrica.

A differenza di un telefono non si perde e non si dimentica in giro, non si può spegnere, dalla app si vede anche la percentuale di batteria, quindi nessuna sorpresa.

La nostra esperienza in questo mese di utilizzo è più che positiva.

Come dicevo non ho quasi mai usato la funzione di ricerca, e ho rilevato anche qualche imprecisione (il dispositivo usa il gps e in assenza il gsm che è ovviamente più impreciso), ma la possibilità di chiamare e di inviare sms è esattamente tutto quello che cercavo in questa fase.

A chi può essere utile?

A chi, come me, ha figli che iniziano a muoversi in autonomia (8 – 10 anni).

Ma anche a chi ha bimbi più piccini che ha paura di “perdere” in luoghi affollati (parchi di divertimenti, centri commerciali, sagre di paese, spiaggia ecc).

Io lo trovo perfetto anche per anziani che hanno qualche vuoto di memoria, è un orologio discreto e non “umiliante” come può essere un sos appeso al collo: selezionando dall’app la funzione risposta automatica, dopo il terzo squillo si potrà parlare alla persona e chiedere dove si trovi, o anche chiedere aiuto ad eventuali persone nelle vicinanze (è in viva voce).

Nella confezione poi ci sono gli adattatori sia per portarlo al collo che per legarlo al collare dei nostri amici a 4 zampe.

Io lo trovo il compromesso perfetto per chi ha l’esigenza di comunicare con figli ma non vuole ancora dotarli di un cellulare.

Lo potete trovare sul sito  http://www.nilox.com/it/Wearable e per i nostri lettori è previsto un ottimo buono sconto: inserendo all’ordine il codice  BODYGUARDMUM  costerà 79.95 euro anziché 129,95.

Potrebbe essere il regalo di Natale perfetto!

Tags from the story
More from 50sfumaturedimamma

Ci pensate mai a quanta felicità in meno ci sarebbe al mondo?

Share this... A parte i casi di cronaca nera e quelli da...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *