La chat Whatsapp del nido

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Quando il mio primo figlio era al nido, Whatsapp non esisteva: era un mondo bellissimo quello senza la chat Whatsapp del nido

I bambini si ammalavano, come da che esiste il mondo, c’era chi si lamentava di chi porta i bambini a scuola malati, raffreddati, con la febbre, con la congiuntivite, con il demonio in corpo e finiva lì o più o meno.

Gli avvisi si leggevano, le emergenze si gestivano, gli scioperi c’erano o non c’erano comunque, indipendentemente da quel che si diceva nella chat Whatsapp del nido.

Strano, eh?

No, direi di no.

La chat Whatsapp di classe l’ho incontrata con mio figlio alla fine della scuola materna e no, non era niente rispetto a quella del nido, NIENTE.

Al nido succede una cosa tremenda:

si sommano le preoccupazioni della classica neomamma al primo figlio,

quelle della plurimamma che comunque ha giustamente l’occhio di riguardo per il piccolino di casa,

quelle da cronaca nera,

quelle da tribunale dei minori,

e le paranoie più incredibili, tutto insieme, ben miscelato e buttato in un’unica chat: la chat whatsapp del nido.

E’ autunno e i bambini si ammalano.

Strano?

No, certo che no.

I bimbi che frequentano nidi e materne hanno inaugurato da un mese almeno la stagione del malanno perenne o quasi, almeno al primo anno: è normale.

Eppure…

“Mio figlio ha la diarrea, i vostri?”

Mentre tu cerchi gustarti il pranzo.

“Mia figlia ha il moccio, ma verde, pastoso, denso. I vostri?”

Il cioccolatino con il caffè un’altra volta, ora non mi va, grazie.

“Ma anche i vostri hanno gli occhi pieni di sostanza giallina?”

Eccheccazzo, almeno l’aperitivo me lo fate fare?!

Mamme, sì, al nido funziona che se un bambino ha la cacarella non è stato perché ha mangiato un fritto misto contaminato, ma perché ieri qualcun altro l’aveva e domani l’avranno TUTTI.

No, non serve che teniate a casa il pargolo, ormai è contagiato.

No, non funzionerà una spremuta multivitaminica: se una piccola ha il moccio, domani lo avranno in 7, dopodomani, 15, entro venerdì TUTTI.

Se viene esposto il cartello “si è verificato un caso di scarlattina”, bon, smettete di chiedervi SE vi toccherà e domandatevi invece QUANDO vi toccherà.

Lasciate pranzare e cenare in pace le altre mamme, nessuna può fare nulla.

E lo dico davvero.

 

Usiamo la chat per comunicazioni essenziali, utili a tutti e non per le bufale.

“Non comprate omogeniezzati Minchiol! Leggete qui!”

“Non comprate il latte Stronzon! Leggete qui!”

“Non usate il Cazzurofen! Leggete qui!”

Seguono link di dimostrazione che si tratta di bufale e conseguenti scuse. E intanto tutti hanno perso mezzora e aggiunto qualche capello bianco. Ma perché?!

Se è previsto uno sciopero, non insultate il personale scolastico che tanto non legge, non minacciatelo delle peggio cose, che tanto non leggeranno, non dite o fate nulla nelle chat: non serve a nulla.

Se avete un dubbio, chiedete alle educatrici, non alle mamme.

Se avete domande, chiedete al nido, non alle mamme.

Impariamo da subito che il bambino è introdotto in una comunità e che da questo momento esistono dei referenti che no, non sono “mammadiVittoria” o “mammadiAndrea”, persone, che peraltro, giuro…

hanno un nome proprio.

 

 

More from 50sfumaturedimamma

Il regalo alle maestre

Share this...Che meraviglia, il sole! Arriva l’estate! Bambini iscritti ai centri estivi?...
Read More

6 Comments

  • No da noi la chat del nido è civile. Quella della materna è l’inferno. Lo scorso anno per il regalo alle maestre a Natale sono volate parole come tiranna, Mussolini e nazisti 😱. È il tema era la Pace!

  • E dopo tutti i sintomi partono le autodiagnosi, le recensioni di tutti i pediatri del SSN e privati nel giro di 50 km ed anche le terapie, con tanto di trucchetti e scambi di ricette per avere sempre più antibiotici. Tutto sotto i miei occhi increduli, Sono durata 1 mesetto e poi ho mollato.
    Ora alla materna va meglio, anche se oltre la metà dei messaggi sono emoticons e risposte alle risposte!

  • troppo, troppo forte questo post!!!!

    mi fai scompisciare dalle risate!

    io vivo in un paese di provincia e nonostante il mio piccolo vada al nido non è stato aperto il gruppo delle mamme del nido… tanto meglio a quanto leggo! posticipo tutto alla materna sperando di trovare mamme zen ed equilibrate!

    un abbraccio

  • Nooo dai quest chat allo sbando si stanno superando. Da rappresentante punto gioco ho sempre chiesto se tutti erano d’accordo sulla modalità gruppo what’s app …e una volta creato il gruppo si è subito specificato che circoleranno soli info legate alle attività dell’asilo nulla di più e devo dire che va alla grande

  • Non so se ne avete già parlato in altri post ma un’altra chat che merita di essere menzionata è quella del GRUPPO PREPARTO. Una pesata pazzesca. Dico solo che la prima cosa condivisa è stata la domanda di una che chiedeva quanto fosse lungo il nostro collo dell’utero. Povere noi!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *