Come arredare la cameretta con Lifetime Kidsroom

Share this...
Share on FacebookPin on PinterestTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Arredare la cameretta è una delle fasi che, prima o poi, ogni genitore si trova ad affrontare. I figli crescono, le esigenze cambiano, e la camera dei bambini diventa uno spazio in cui passeranno molto tempo: il letto per dormire, la scrivania per studiare, le mensole per i libri, i mobili per i giochi, i cassetti per i vestiti… Ma cosa succede quando non c’è abbastanza spazio per tutto? Bisogna rinunciare a qualcosa e arredare la cameretta in maniera intelligente e pratica, con un occhio alla qualità e al proprio gusto personale (e a quello dei figli!). Qui è dove vi spiego perché ho scelto Lifetime Kidsroom e perché ne sono entusiasta.

Scegliere la cameretta per una stanza piccola

Non tutti hanno la fortuna di abitare in una casa grande e, soprattutto, con più camere da letto. Per esempio, noi viviamo in 70 metri quadrati e abbiamo solo due camere, e la cameretta delle bambine è davvero molto piccola. Quando abbiamo traslocato, quindi, si è posto un problema: come farci entrare tutto?

 

Il letto a castello: la soluzione ideale per le stanze piccole

Io sono cresciuta con una camera tutta per me, mio fratello aveva la sua, e ad un certo punto, quando lui se n’è andato, ne ho avute addirittura due. Trovare una soluzione che permettesse alle mie figlie di godere della loro stanza senza invadere gli altri spazi (tipo il salotto) era per me fondamentale. E così abbiamo optato per il letto a castello, che prende il posto di un solo letto e abbiamo iniziato la ricerca nei meandri di internet, con alcune certezze:
– Volevamo una cameretta di qualità, che non fosse assemblata in Cina ma realizzata da una produzione locale europea
– Volevamo una cameretta dal design semplice, pulito e funzionale
– Volevamo una cameretta evolutiva, ovvero va bene i letti a castello, ma se fossero evolutivi?
Ed ecco che ho conosciuto così Lifetime Kidsroom, di cui mi faccio volentieri ambasciatrice, perché rispecchia pienamente il tipo di prodotto che stavamo cercando e il tipo di servizio che mi aspetto quando compro qualcosa.

Perché scegliere una cameretta Lifetime Kidsroom

Ci sono diversi motivi per cui abbiamo scelto questo letto a castello Lifetime Kidsroom. Prima di tutto, perché questo letto si può modificare e trasformare in qualsiasi momento. In pratica, il plus dell’azienda è che il letto di base è uno, sempre il solito, che si può adattare a diversi moduli (anche le capanne, per dire!) e poi far tornare “semplice letto” quando magari i bambini crescono o semplicemente le esigenze cambiano. In questo modo se un giorno potessimo permetterci una casa più grande, da letto a castello si trasformerebbe facilmente in due lettini singoli. E ciò è possibile soprattutto per la qualità del legno, e per l’Original System di Lifetime.

lifetime kidsroom
Un altro dei motivi per cui abbiamo scelto Lifetime è che tutti i loro prodotti sono realizzati da loro in azienda, in Danimarca (ve l’ho già detto, no, che sono in fissa con la cultura danese?) e che sono particolarmente attenti al fattore ambientale ed ecologico, a cui anche noi teniamo (avete letto il mio post su come sensibilizzare i bambini al rispetto dell’ambiente?).
Non ultimo, il servizio clienti e il prezioso aiuto di Alexandra, che ha saputo rispondere a tutti i miei dubbi e ad indirizzarmi verso la migliore soluzione per me, che è quella che vedete. La più semplice, la meno ingombrante, ma con un altro punto su cui non intendevo mollare: il terzo letto. Non so in Italia, ma in Francia lo sleepover è molto praticato, e un letto in più per le amiche fa sempre comodo. Comodissimo da tirare fuori – ci riescono anche le bambine – e di ottima qualità.
In più, esistono diversi accessori, come le mensole (esterne, interne, angolari…) da abbinare ai letti, perché possano appoggiare libri, acqua, luci notturne.
Ed ecco che così abbiamo trovato lo spazio in cameretta per far entrare il pianoforte, che altrimenti avremmo dovuto mettere in camera nostra, mentre abbiamo rinunciato alla scrivania (anche perché il prossimo anno dovrebbero essere due…) perché tanto restando a scuola fino alle 18 i compiti li fanno sempre lì.
I giochi entrano ai piedi del letto in ceste di stoffa, mentre abbiamo mantenuto una vecchia libreria per i libri e qualche gioco in scatola. Qualche poster, un bel mappamondo, una ghirlanda, il tappeto peruviano e le tende scelte da loro: la camera ormai ha preso forma!
Arredare una cameretta, soprattutto quando si ha poco spazio, può essere difficile. La scelta di camerette è infinita, ma basta definire quelle che sono le proprie esigenze e il campo si restringe notevolmente.

Se condividete il nostro pensiero, date un’occhiata a Lifetime Kidsroom e non ve ne pentirete! Per l’occasione, potete scaricare questo voucher per ottenere una targa personalizzata col nome del vostro bimbo per l’acquisto di un letto.

E per l’occasione, godetevi il primo video di Penelope e Priscilla!

Tags from the story
Written By
More from Anya

Queste pratiche vip che ci fanno un po’ (tanto) schifo

Share this...Una nostra cara lettrice, Wik, ci ha tenuto a segnalarci questo:...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *